NIKON
TOPPS

Huawei sarebbe pronta a rinunciare all’Europa

Huawei rinuncia all’Europa. Ne è certo il quotidiano europeo Politico, che spiega: Il gigante cinese delle telecomunicazioni sta spingendo fuori i suoi lobbisti occidentali con pedigree, ridimensionando le sue operazioni europee e congelando le sue ambizioni di leadership globale”.

Le ragioni alla base di questa radicale decisione hanno poco a che fare con il potenziale commerciale dell’azienda — Huawei è ancora in grado di offrire tecnologia all’avanguardia a costi inferiori rispetto ai suoi concorrenti — e tutto ha a che fare con la politica, secondo le interviste con più di 20 dipendenti attuali ed ex e consulenti strategici della società fatte proprio da Politico.

Incalzata dagli Stati Uniti e sempre più evitata in un Continente che un tempo considerava il suo mercato estero più strategico, Huawei sta tornando verso il mercato cinese, focalizzando la sua restante attenzione europea sui pochi Paesi – Germania e Spagna, ma anche l’Ungheria – ancora disposti a ospitare un’azienda ampiamente considerata in Occidente come un rischio per la sicurezza. Si noti che l’Italia, un tempo considerata il mercato più forte fuori da quello cinese, non figura tra i Paesi focus per l’azienda, come peraltro aveva già anticipato in modo sibillino il fondatore dell’azienda e che abbiamo raccontato in questo articolo: https://www.igizmo.it/il-fondatore-di-huawei-focus-sulla-sopravvivenza-ma-non-in-tutti-i-paesi/

“Non è più un’azienda che galleggia sulla globalizzazione”, ha affermato un funzionario di Huawei. “È un’azienda che sta cercando di salvarsi nel mercato interno”. Come la maggior parte degli altri dipendenti Huawei intervistati da Politico per redarre il suo articolo, il funzionario ha parlato a condizione di anonimato per descrivere liberamente i travagli dell’azienda.

La difficile situazione di Huawei è stata riassunta dal fondatore dell’azienda Ren Zhengfei in un discorso ai dirigenti presso la sede centrale dell’azienda a Shenzhen a luglio. Ha esposto la tripletta delle sfide che l’azienda ha dovuto affrontare negli ultimi tre anni: ostilità da Washington; interruzioni dovute alla pandemia di coronavirus; e l’invasione russa dell’Ucraina, che ha sconvolto le catene di approvvigionamento globali e ha accresciuto le preoccupazioni europee per l’eccessiva dipendenza da paesi come la Cina.

“L’ambiente che abbiamo affrontato nel 2019 era diverso da quello che affrontiamo oggi”, ha detto Ren nel suo discorso, che non è stato reso pubblico ma è stato visto da Politico. “Non dare per scontato che avremo un futuro migliore”.

“In precedenza avevamo un ideale per la globalizzazione che si sforzava di servire tutta l’umanità”, ha aggiunto. “Qual è il nostro ideale oggi? Sopravvivenza!”

“Il momento in cui il globalista Huawei è morto”

Mentre la società va in letargo in Occidente, secondo Politico sta mettendo da parte o espellendo i senior manager occidentali che ha assunto solo pochi anni fa per contrastare l’assalto degli Stati Uniti alla sua attività.

“Gli occidentali sono stati ascoltati”, ha detto un funzionario Huawei che lavora in Europa. “Non è più così… Nessuno sta ascoltando”. L’ufficio di Huawei a Bruxelles, un tempo hub chiave per l’azienda per fare pressioni contro le restrizioni europee sul brand, è stato affidato completamente alla gestione europea ora con sede a Düsseldorf. L’ufficio la scorsa estate ha perso il suo capo delle comunicazioni, Phil Herd, un ex giornalista della BBC entrato a far parte dell’azienda nell’ottobre 2019 all’inizio del suo respingimento contro le pressioni politiche in Europa. L’ufficio ha anche recentemente perso almeno altri tre membri chiave del personale che si occupano di lobbying e politica. (Tony) Jin Yong, il rappresentante principale presso le istituzioni di Bruxelles, è ora responsabile degli affari governativi in ​​tutta l’Europa occidentale e trascorre la maggior parte del suo tempo nell’ufficio di Düsseldorf.

A Londra, il direttore delle comunicazioni di Huawei nel Regno Unito, Paul Harrison, ha lasciato il suo ruolo a ottobre insieme con altri funzionari che se ne sono andati più o meno nello stesso periodo. Harrison è entrato a far parte di Huawei da un lavoro di redazione di notizie senior presso l’emittente britannica Sky News nel 2019.

A Parigi, Stéphane Curtelin, direttore marketing e comunicazione dell’azienda, ha lasciato il suo incarico a settembre, secondo quanto riportato dalla rivista locale Challenges. Prima di allora, l’ufficio di Parigi aveva perso il suo capo del governo e degli affari di sicurezza Vincent de Crayencour, un veterano funzionario francese della sicurezza informatica con una vasta esperienza governativa che è entrato a far parte di Huawei nel 2020. Anche Linda Han, rappresentante capo dell’ufficio di Parigi dell’azienda, ha lasciato il suo ruolo prima dell’estate.

A Varsavia, il PR manager locale dell’azienda, Szymon Solnica, ha lasciato Huawei a settembre. “Le crisi che ho affrontato quotidianamente negli ultimi anni sono state colossali”, ha scritto in un post su LinkedIn  annunciando la sua partenza.

I funzionari Huawei che hanno parlato in interviste autorizzate hanno liquidato le partenze come un regolare turnover. “C’è sempre una fluttuazione nelle aziende, non solo in Huawei (…) Alcune persone se ne vanno e altre persone stanno arrivando”, ha detto un portavoce di Huawei Europe in un’intervista autorizzata la scorsa settimana. Ma altri membri dell’azienda hanno riconosciuto in privato che le partenze riflettono un cambiamento radicale iniziato nel settembre 2021.

È stato allora che Meng Wanzhou, chief financial officer di Huawei e figlia di Ren, è tornata al quartier generale dell’azienda a Shenzhen, dopo aver trascorso quasi tre anni in Canada affrontando l’estradizione negli Stati Uniti con l’accusa di cospirazione per commettere frodi bancarie e telematiche. “Il momento in cui Meng è scesa dall’aereo è stato il momento in cui è morto il progetto globale di Huawei”, ha detto un funzionario.

In quanto figlia del fondatore – e presunta erede della leadership dell’azienda – Meng aveva svolto un ruolo chiave nella lotta legale e di pubbliche relazioni tra Huawei e Washington. Da quando è tornata dal Canada, ha raggiunto i vertici di Huawei come vicepresidente presso la sede centrale dell’azienda e ha innescato un rimpasto aziendale ai vertici. (Catherine) Chen Lifang, che guidava il dipartimento di comunicazione globale dell’azienda durante l’apice della pressione americana, è stata spostata dal consiglio di amministrazione a un ruolo nel consiglio di sorveglianza.

Il dipartimento delle comunicazioni globali è ora rappresentato nel consiglio di amministrazione di Huawei da Peng Bo, noto in Europa come Vincent Peng, l’ex presidente della regione dell’Europa occidentale di Huawei. L’ascesa di Peng fa parte degli sforzi dell’azienda per spostare le sue operazioni europee più vicino a Shenzhen. L’agenda per razionalizzare gli affari pubblici in Europa è guidata da Guo Aibing, ex giornalista di Bloomberg News a Hong Kong. Guo è stato paracadutato in Europa e sta eseguendo tagli e consolidamento delle attività di lobbying e comunicazione dell’azienda in tutto il Vecchio Continente.

La società sta inoltre ristrutturando le sue attività in Europa. I piani dell’azienda – precedentemente non annunciati – sono di consolidare l’intero continente in un’unica area operativa, con sede a Düsseldorf. Huawei attualmente divide il continente in due mercati: l’Europa occidentale, gestita da Düsseldorf; e l’Europa orientale e i paesi nordici, con un alto dirigente con sede a Varsavia. La ristrutturazione “ci aiuterà a portare maggiori sinergie all’interno dell’intera operazione commerciale europea; porterà più valore in modo più diretto ai nostri clienti qui in Europa”, ha affermato il portavoce di Huawei Europe. In generale, i livelli di personale dell’azienda, attualmente circa 12.000 persone, rimarranno “stabili”, ha affermato il portavoce.

La società sta ridimensionando anche altrove, secondo Ren. “Rinunceremo ai mercati in alcuni paesi”, ha detto il fondatore dell’azienda nel suo discorso di quest’estate. “Per esempio, rinunceremo ai mercati nei Paesi Five Eyes e in India”. I “Five Eyes” si riferiscono a un accordo di condivisione dell’intelligence tra Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia e Nuova Zelanda. Tutti e cinque i Paesi hanno bandito o sono in procinto di bandire Huawei e altre società cinesi dalle loro infrastrutture critiche a causa di problemi di sicurezza. Invece, Huawei si sta concentrando sul suo mercato interno, che rappresenta gran parte del 5G globale e dove la svedese Ericsson e la finlandese Nokia stanno lottando per mantenere la quota di mercato.

Effetto Trump su Huawei

La ritirata strategica di Huawei è notevole per un’azienda che fino a poco tempo fa ha investito milioni di euro in lobbisti e campagne di pubbliche relazioni nel tentativo di espandere e mantenere la sua presenza europea. Per la maggior parte del secondo decennio del 2000, Huawei è stata considerata da molti in Europa come un volto amico tra le aziende tecnologiche che si avvicinano al potere. Secondo Politico.eu: “Peculiare nei suoi approcci, sì, ma cordiale e – per molti – vantaggioso per gli interessi del continente perché ha aumentato la concorrenza e ridotto il prezzo della prossima generazione di reti di telecomunicazioni. L’azienda è diventata famosa per le sue generose borse regalo, che spesso includono un telefono Huawei, e per le sontuose feste in luoghi alla moda con buffet fantasiosi e spettacoli di danza, come il suo ricevimento per celebrare il capodanno cinese al Concert Noble di Bruxelles”.

Lo sfarzo si è trasformato in una risposta sovralimentata ai venti contrari politici di Washington per le preoccupazioni che l’infrastruttura di telecomunicazioni costruita in Cina rappresenti un serio rischio per la sicurezza e lo spionaggio. Questi venti contrari hanno iniziato a soffiare sotto l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Barack Obama, ma hanno raggiunto la forza di un uragano dopo l’elezione di Donald Trump. Nel 2019, la società era soggetta a sanzioni americane, con la figlia di Ren, Meng, in Canada, in attesa del risultato di una richiesta di estradizione statunitense. Keith Krach, ex sottosegretario di stato dell’amministrazione Trump, ha ricordato come Washington stesse “premendo il pulsante del panico”.

Ha ricordato di aver chiesto ai ministri europei del loro rapporto con la Cina. “E dicevano: ‘Beh, sono un partner commerciale importante’ e tutto il resto. E poi hanno guardato entrambi i lati della stanza, non c’era nessuno nella stanza, e mi hanno sussurrato: ‘Ma non ci fidiamo di loro.’”

Per superare la tempesta geopolitica, l’azienda ha offerto stipendi a sei cifre ai migliori operatori del mondo occidentale. Ha riunito un team di alto livello di ex giornalisti e politici occidentali con collegamenti diretti con luoghi di potere come l’Eliseo e Westminster, secondo quanto Politico.eu ha appreso da molti che hanno ricevuto tali offerte.

Inizialmente, la mossa sembrava funzionare. Il messaggio di Huawei – che gli stessi Stati Uniti rappresentavano rischi di spionaggio e che l’aggressione di Washington era guidata da interessi economici – ha guadagnato terreno, in particolare in luoghi come la Germania, dove Trump si è rivelato un utile ostacolo.

“Il caso presentato da Trump è stato quasi più controproducente”, ha affermato Thorsten Benner, direttore del Global Public Policy Institute di Berlino. Huawei ha anche ricevuto supporto da grandi operatori di telecomunicazioni, che hanno visto il valore delle apparecchiature economiche combinate con un servizio clienti reattivo. All’inizio del 2020, Huawei sembrava aver resistito alle richieste statunitensi di divieti a tutto campo. Il 28 gennaio 2020, l’allora primo ministro britannico Boris Johnson ha dato alla società il via libera per costruire parte dell’infrastruttura 5G del paese. Solo un giorno dopo, l’Unione Europea ha presentato un piano per abbandonare l’eccessiva dipendenza dai fornitori cinesi, ma ha lasciato la porta aperta a Huawei per fare pressioni sui governi nazionali per mantenere l’accesso al mercato per la sua tecnologia.

Poi è arrivata la pandemia. Con il coronavirus originato da Wuhan che ha ucciso migliaia di persone, Trump ha intensificato la sua bordata anti-cinese nel maggio 2020 con nuove sanzioni contro Huawei che sostanzialmente hanno interrotto la fornitura di semiconduttori.

A luglio, Johnson del Regno Unito ha completamente invertito la rotta e ha annunciato che tutte le apparecchiature Huawei sarebbero state rimosse dalle reti 5G britanniche, anche se il governo stimava che la mossa avrebbe ritardato il lancio della tecnologia e avrebbe aggiunto mezzo miliardo di sterline di costi.

Per tutto il 2020 e il 2021, i governi europei tra cui Francia, Svezia, Romania, Paesi baltici, Belgio e Danimarca hanno vietato le apparecchiature Huawei in parti chiave della rete 5G del paese o hanno richiesto ai suoi operatori di svezzarsi dal suo kit a medio termine.

Il business degli smartphone di Huawei, una volta sulla buona strada per sfidare Apple e Samsung in Europa, nel frattempo è stato schiacciato dalle sanzioni statunitensi che hanno escluso i suoi dispositivi da Android, il sistema operativo di proprietà di Google.

Putin cambia il calcolo su Huawei

Queste battute d’arresto erano dolorose, ma non erano ancora considerate fatali. La sconfitta elettorale di Trump e il calo della pandemia in Europa sembravano offrire un’opportunità per una controffensiva. All’inizio del 2021, i lobbisti di Bruxelles di Huawei erano ancora ottimisti sul fatto che la fame dell’Europa per un’installazione 5G economica e veloce avrebbe avuto la meglio sui problemi di sicurezza. Avevano persino organizzato degli incontri al Parlamento europeo per sostenere la loro causa.

Quegli incontri sono stati annullati il ​​24 febbraio, il giorno in cui Putin ha lanciato la sua invasione totale dell’Ucraina. Per molti in Europa, il calcolo del rapporto rischio-beneficio relativo a Huawei è cambiato dall’oggi al domani.

“Il più grande cambiamento che ho visto è venuto dalla consapevolezza che dipendiamo dal gas russo, specialmente in Germania”, ha affermato John Strand, un analista di telecomunicazioni che ha monitorato l’impatto di Huawei sul mercato europeo negli ultimi anni. “Si pone la domanda: cosa c’è di peggio, dipendere dal gas russo o dall’infrastruttura di telecomunicazioni cinese?”

Sotto il presidente Joe Biden, la pressione su Huawei è solo aumentata e gli avvertimenti di Washington ora provengono solo da un messaggero più comprensivo. A ottobre, la Commissione europea ha emesso un nuovo avvertimento contro l’utilizzo della tecnologia Huawei per sostenere le reti 5G e il governo del Regno Unito ha ribadito la sua richiesta di rimuovere le apparecchiature Huawei dall’infrastruttura di telecomunicazioni britannica.

I travagli dell’azienda hanno tagliato le gambe ai suoi sforzi di lobbying e hanno divorato la sua quota di mercato. Prima della pandemia, l’azienda ospitava regolarmente politici, giornalisti e uomini d’affari europei presso la sua sede di Shenzhen, un enorme campus con edifici in diversi stili architettonici europei che mostravano le sue ambizioni globali. La politica cinese zero-Covid lo ha reso impossibile.

L’azienda è stata per anni tra quelle che hanno speso di più all’annuale Mobile World Congress di Barcellona, ​​il più grande evento mondiale del settore delle telecomunicazioni. Quest’anno, la sua presenza alla fiera è stata una pallida imitazione delle edizioni precedenti. E pensare che era un palcoscenico utilizzato e valorizzato per lanciare nuovi prodotti con budget di marketing sbalorditivi e astronomici.

Ma forse nessun evento di alto livello illustra la portata dell’inversione di tendenza rispetto al World Economic Forum di Davos, che un tempo annoverava Huawei tra i suoi principali sponsor. Il 21 gennaio 2020, appena una settimana prima che Johnson si schierasse con Huawei su Trump, Ren era sul palco della località alpina, discutendo del futuro dell’IA con l’autore di “Sapiens” Yuval Noah Harari.

L’anno successivo, il raduno globale di attori del potere politico e titani finanziari a Davos è stato, grazie alla pandemia, annullato. Quando si è riunito di nuovo nell’estate del 2022, i massimi capi di Huawei hanno perso la possibilità di unirsi alla piazza di incontri. In base alla politica zero-Covid di Pechino, non potevano lasciare la Cina.

La geopolitica colpisce i bilanci

L’azienda detiene ancora una solida quota in alcuni grandi mercati nazionali, tra cui Germania e Spagna, affermano gli analisti del settore.

Uno  studio del 2020 di Strand Consult  – ancora la panoramica pubblica più completa dell’impronta di Huawei in Europa – ha mostrato quanto profondamente l’azienda cinese fosse radicata nei mercati europei: in 15 dei 31 paesi studiati da Strand, più della metà di tutte le reti di accesso radio 4G attrezzature (RAN) provenivano da fornitori cinesi.

Ma in molti di questi mercati, le autorità hanno imposto misure che costringono gli operatori a eliminare gradualmente o almeno a limitare in modo significativo l’uso di “fornitori ad alto rischio” – comunemente inteso come Huawei affiliata allo stato e la telecomunicazione militare cinese ZTE – in arrivo anni.

Nella corsa iniziale per implementare il 5G, Huawei ha superato i suoi rivali in Europa. Tuttavia, all’inizio dello scorso anno – proprio mentre i funzionari europei stavano cambiando direzione sulla sicurezza 5G – la svedese Ericsson ha superato Huawei nella quota di mercato delle nuove vendite europee di reti di accesso radio, secondo i dati proprietari compilati dalla società di ricerca sulle telecomunicazioni Dell’Oro, condivisa con Politico.eu da un funzionario del settore. Le reti di accesso radio costituiscono la parte più grande dell’investimento di rete e includono stazioni base e antenne.

L’ultimo aggiornamento, del secondo trimestre del 2022, ha mostrato Ericsson al 41%, Huawei al 28% e Nokia al 27%. Ciò include nuove vendite di stazioni base e antenne su 3G, 4G e 5G, alcune delle quali fanno parte di contratti in corso con gli operatori. Per il 5G RAN in particolare, il cambiamento è ancora più evidente: Huawei ha perso la sua posizione iniziale di leader di mercato all’inizio del lancio; ora fornisce il 22% delle vendite, con Ericsson al 42% e Nokia al 32% in Europa, ha stimato Dell’Oro.

Gli analisti del settore affermano che la mossa di Huawei di consolidare e eliminare ruoli chiave nelle relazioni pubbliche potrebbe danneggiare l’azienda nei paesi in cui ha ancora la pelle in gioco: soprattutto, Germania, Italia e Spagna. In questi grandi mercati europei, i governi sono stati lenti nell’imporre misure ai “venditori ad alto rischio” e particolarmente lenti e morbidi nel farle rispettare. Anche i maggiori operatori europei, come Deutsche Telekom e Vodafone, hanno contratti in corso con Huawei, il che significa che l’azienda cinese sta ancora fornendo manutenzione e mantenendo le reti funzionanti e potenzialmente supporta ancora parti del lancio del 5G.

Ma almeno in Germania, il nuovo governo di Olaf Scholz ha assunto una posizione più critica nei confronti della tecnologia cinese. Questo mese, il ministro dell’Economia Robert Habeck, che ha adottato un approccio aggressivo nei confronti della Cina, ha formalmente impedito agli investitori cinesi di acquistare un impianto di chip tedesco per potenziali minacce alla sicurezza.

Un’orizzonte europeo è ancora possibile per Huawei

Huawei, ovviamente, non ha rinunciato del tutto all’Europa. Coloro che ancora hanno concesso ancora tempo all’azienda a Bruxelles quest’estate hanno ricevuto un pesante pacco regalo. Almeno secondo quanto scrive Politico.eu: “Oltre alle copertine rigide patinate dei libri che descrivono l’operazione di pubbliche relazioni dell’azienda – con titoli come ‘Scegli un futuro più intelligente: un contributo alla prossima politica digitale dell’Europa’ e ‘Dieci anni di connessione dell’Europa’ – la borsa conteneva un libro di memorie di Frédéric Pierucci. Ex dirigente del produttore di infrastrutture francese Alstom, Pierucci è stato arrestato dall’FBI con l’accusa di corruzione nel 2013, proprio mentre il conglomerato americano General Electric stava negoziando per rilevare le operazioni nucleari di Alstom”.

Il libro di Pierucci è intitolato “The American Trap”, il libro sostiene che il suo autore era un ostaggio nella guerra economica segreta di Washington contro i suoi alleati. “Una dopo l’altra, alcune delle più grandi aziende del mondo vengono attivamente destabilizzate a vantaggio degli Stati Uniti, in atti di sabotaggio economico che sembrano essere l’inizio di ciò che verrà” si legge nel riassunto dell’editore.

È una narrazione con un profondo fascino all’interno dell’azienda e che crea un rapporto naturale con altri governi che si considerano in contrasto con i superpoteri liberali. Mentre Huawei cerca amici nel continente, l’Ungheria – sempre più in opposizione al resto dell’UE su come interagire con Cina e Russia – rimane un alleato vocale e la società si sta appoggiando a quella relazione.

Quest’anno, a settembre, l’unità regionale CEE e nordica di Huawei hanno tenuto l’evento annuale Innovation Day in Ungheria, sede del più grande centro logistico europeo dell’azienda. Sulle rive del Danubio, gli imprenditori tecnologici chiacchieravano in inglese e ungherese, con un po’ di cinese e tedesco mescolati, davanti a caffè su ordinazione e abbondanti tartine al Castle Garden Bazaar di Budapest. All’interno della sala conferenze, ospiti bilingue hanno preparato mini-documentari sulla protezione delle razze di salmone locali in Norvegia e sulla prevenzione delle inondazioni in Ungheria. I dirigenti delle piccole imprese hanno messo in evidenza i droni che monitorano i raccolti in Austria e i potenziali incendi boschivi in ​​Grecia, tutti sulle reti Huawei 5G.

Con la traduzione simultanea disponibile in ungherese, Huawei ha presentato la ricerca commissionata dall’Economist Intelligence Unit, ribadendo lo stato di ritardo dell’Europa sull’uso e l’implementazione del 5G. È stato un promemoria implicito che lo smantellamento dell’infrastruttura di Huawei avrà conseguenze reali. Ma l’azienda ha anche evidenziato ciò che spera sarà una parte più ampia del suo portafoglio: prodotti che hanno meno probabilità di suscitare problemi di sicurezza, come gli inverter per i pannelli solari.

“Huawei è impegnata nel progetto di rendere l’Europa più verde”, ha dichiarato Jeff Wang, attuale capo degli affari pubblici e delle comunicazioni dell’azienda, in un discorso video alla folla di Budapest, dove ha ricordato i 10 anni trascorsi a lavorare nel continente.

Per settimane prima dell’evento, i funzionari di Huawei hanno insistito per far parlare il primo ministro Viktor Orbán. Anche se ciò non ha funzionato, Orbán ha inviato uno dei suoi principali luogotenenti, il ministro degli affari esteri e del commercio Péter Szijjártó, a consegnare un messaggio. “Non discrimineremo [contro] nessuna società di investimento a causa del loro paese di origine”, ha affermato Szijjártó. Budapest resisterà alla “pressione internazionale”, ha aggiunto, per bloccare “la presenza di Huawei qui in Ungheria”.

Radoslaw Kedzia, vicepresidente di Huawei per la regione CEE e nordica (e il primo non cinese a ottenere lo status di CEO all’interno dell’azienda, nella Repubblica Ceca nel 2015), ha affermato che non vi era alcun calcolo politico dietro il raddoppio in Ungheria. “Non demonizziamoci, ok? Siamo come qualsiasi altra azienda”, ha detto Kedzia. Se una valutazione aziendale offre la “prospettiva dei prossimi 10-20 anni di attività stabile, allora pensi che sia bene concentrare alcune delle tue risorse in quel particolare paese”, ha aggiunto.

Allo stesso modo, ha insistito il portavoce europeo, Huawei comunica con tutti i paesi allo “stesso modo, allo stesso livello”. L’azienda si concentra sulla tecnologia e “non si impegna”, ha detto, in “giochi politici”. Una cosa è certa, almeno per Politico.eu: quando si tratta del grande gioco europeo, Huawei ha perso e ha mandato a casa tutti i suoi giocatori migliori in ambito politico.

La risposta ufficiale di Huawei

Huawei ha deciso di istituire un unico ufficio europeo regionale a Düsseldorf, in Germania, con il fine di migliorare il flusso delle proprie attività in tutta Europa. La nuova organizzazione consentirà all’HQ di Düsseldorf di rafforzare tutte le operazioni a livello locale. Come ogni azienda, Huawei valuta e adatta costantemente le proprie priorità commerciali, per poi implementare strategie che aiutino l’azienda a raggiungere al meglio tali obiettivi. È un periodo difficile per l’economia globale, e in queste circostanze è stato necessario apportare alcune modifiche al flusso delle attività per poter continuare ad offrire ai clienti i migliori prodotti e servizi hi-tech. Huawei mantiene il suo impegno nel creare nuove tecnologie e collaborare con partner industriali di tutto il mondo. Lavorando sia sull’hardware che sul software, l’azienda sarà in grado di portare ai consumatori di tutto il mondo nuovi smartphone di punta e una serie di altri prodotti di alta qualità. Huawei rinnova quindi l’impegno nel promuovere il meglio della tecnologia anche in Europa.

TOPPS
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC