fcc huawei zte hikvision igizmo ban
PALADONE

Huawei Technologies Co. e ZTE Corp. sono state bandite dalla vendita di elettronica negli Stati Uniti dalle autorità di regolamentazione, ossia la FCC, per il fatto che rappresentano un rischio per la sicurezza. Gli Usa continuano uno sforzo ormai di anni per limitare l’incidenza e la diffusione delle soluzioni delle società di telecomunicazioni cinesi nelle reti statunitensi. La Federal Communications Commission (FCC) in una ordinanza ha anche nominato i fornitori di telecamere connesse Hangzhou Hikvision Digital Technology Co. (proprietaria del marchio consumer Ezviz) e Dahua Technology Co. (che in Italia opera nel mondo consumer con il brand Imou), nonché il produttore di radio bidirezionali Hytera Communications Corp.

“La FCC si impegna a proteggere la nostra sicurezza nazionale garantendo che apparecchiature di comunicazione inaffidabili non siano autorizzate all’uso all’interno dei nostri confini e stiamo continuando a lavorare su questo fronte”, ha dichiarato la presidente Jessica Rosenworcel in un comunicato stampa. “Queste nuove regole sono una parte importante delle nostre azioni in corso per proteggere il popolo americano dalle minacce alla sicurezza nazionale che coinvolgono le telecomunicazioni”.

Con un voto di 4-0, la FCC ha concluso che i prodotti rappresentano un rischio per la sicurezza dei dati. Gli sforzi passati per frenare l’accesso cinese includono controlli sulle esportazioni per tagliare chiavi, apparecchiature sofisticate e software. Di recente i funzionari statunitensi hanno soppesato le restrizioni su TikTok rispetto ai timori che le autorità cinesi potessero accedere ai dati degli utenti statunitensi tramite l’app di condivisione video.

Non solo Huawei e Zte ma anche Hikvision, Dahua (Imou) e Hyter

“Questa è un’azione culminante”, ha affermato Klon Kitchen, un membro anziano dell’American Enterprise Institute con sede a Washington, un think tank di politica pubblica. “Le cose che sono iniziate sotto Trump ora vengono portate avanti. L’amministrazione Biden sta continuando a girare le viti su queste società perché la minaccia non sta cambiando”.

In una risposta via e-mail a Bloomberg, Hikvision ha affermato che i suoi prodotti di videosorveglianza “non presentano alcuna minaccia alla sicurezza per gli Stati Uniti e non vi è alcuna giustificazione tecnica o legale per la decisione della Federal Communications Commission”. La società ha affermato che la sentenza “renderà più dannoso e più costoso per le piccole imprese statunitensi, le autorità locali, i distretti scolastici e i singoli consumatori proteggere se stessi, le loro case, attività commerciali e proprietà”.

Huawei ha rifiutato di commentare, mentre Dahua, Hytera e ZTE non hanno risposto alle e-mail inviate da Bloomberg al di fuori del normale orario lavorativo in Cina.

L’incombente mossa della FCC non è emersa durante l’incontro bilaterale tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping in Indonesia la scorsa settimana, ha ammesso un funzionario statunitense, parlando a condizione di anonimato. Biden ha discusso di questioni tecnologiche in modo più ampio con Xi ed è stato chiaro che gli Stati Uniti continueranno ad agire per proteggere la propria sicurezza nazionale, ha affermato il funzionario.

“Questa è la campana a morto per tutti loro per le loro operazioni negli Stati Uniti”, ha affermato Conor Healy, direttore della ricerca governativa per l’IPVM del gruppo di ricerca sulla sorveglianza con sede a Bethlehem, in Pennsylvania. “Non saranno in grado di introdurre nuovi prodotti negli Stati Uniti”. 

I brand più esposti: Dahua (Imou) e Hikvision (Ezviz)

Dahua e Hikvision sono i più colpiti dal momento che le loro telecamere sono ampiamente utilizzate, spesso da agenzie governative con molte strutture da monitorare, ha affermato Healy. Anche le agenzie, compresa la polizia, usano radio Hytera portatili, ha affermato. Nella sua ordinanza, la FCC ha anche chiesto un commento sull’opportunità di revocare l’autorizzazione delle apparecchiature esistenti, ha affermato Rosenworcel in una dichiarazione online. Secondo Healy, i commercianti potrebbero essere bloccati di fatto rendendo l’attrezzatura in store “illegale” e che, quindi, non può essere venduta.

Nel 2018, il Congresso ha votato per impedire alle agenzie federali di acquistare attrezzature dalle cinque società nominate dalla FCC. L’agenzia ha affermato in precedenza che le società non sono idonee a ricevere sussidi federali e ha anche impedito alle compagnie telefoniche cinesi di fare affari negli Stati Uniti. L’ordinanza della FCC era prevista da un disegno di legge firmato da Biden nel novembre 2021.