NIKON
NIKON

Microsoft assume Sam Altman: risposta record di mercato e in centinaia vogliono seguirlo da OpenAI

Microsoft ha imboccato la strada per raggiungere il massimo storico dopo che il colosso del software ha assunto i co-fondatori di OpenAI Sam Altman e Greg Brockman per guidare il suo nuovo team interno di ricerca sull’intelligenza artificiale avanzata. Le azioni della società con sede a Redmond, Washington, sono precipitate venerdì dopo la scioccante uscita di Altman dal creatore di ChatGPT. Nelle scorse ore le azioni si sono riprese nelle negoziazioni pre-mercato poiché gli analisti hanno notato che non vedono il licenziamento influenzare il rapporto OpenAI-Microsoft e hanno affermato di essere positivi riguardo al nuovo ruolo di Altman presso il produttore di software Windows.

Questa è una “chiara vittoria” per Microsoft e “dovrebbe aiutare a compensare le preoccupazioni riguardanti la potenziale incertezza a breve termine in OpenAI”, ha scritto in una nota l’analista di Evercore ISI Kirk Materne. Nel frattempo, il consiglio di amministrazione di OpenAI ha sostituito Altman con Emmett Shear, l’ex ceo di Twitch, sfidando le richieste degli investitori di reintegrare il capo estromesso della startup. “Anche se resta da vedere quanta ‘fuga di cervelli’ ci sarà in OpenAI, riteniamo che il rischio fondamentale per Microsoft sia in gran parte contenuto con Altman e il suo team a bordo”, ha affermato Materne.

I titoli tecnologici hanno registrato un rimbalzo nelle ultime settimane poiché il rallentamento dell’inflazione ha alimentato le speranze che la Federal Reserve fosse vicina alla fine del suo ciclo di rialzo dei tassi. I rally hanno fatto sì che sia Apple sia Microsoft si stiano avvicinando sempre più ai 3 trilioni di dollari di capitalizzazione di mercato.

Centinaia di dipendenti OpenAI minacciano di dimettersi e unirsi a Microsoft

La maggior parte del personale di OpenAI ha minacciato di dimettersi dalla società e di unirsi a Microsoft, che ha assunto il deposto CEO di OpenAI Sam Altman e l’ex co-fondatore di OpenAI Greg Brockman per guidare un nuovo “team di ricerca sull’intelligenza artificiale avanzata”. In una lettera al consiglio di amministrazione di OpenAI riportata questa mattina da Wired e dalla giornalista Kara Swisher, più di 500 attuali membri dello staff di OpenAI affermano che “Microsoft ci ha assicurato che ci sono posizioni per tutti i dipendenti di OpenAI in questa nuova filiale se dovessimo scegliere di aderire”.

Nella lettera si legge che i dipendenti di OpenAI se ne andranno se il consiglio non reintegra Altman e Brockman e poi si dimette. Ma visto che il consiglio ha già fatto la sua scelta, decidendo di restare in carica e nominando un nuovo amministratore delegato, mentre Altman e Brockman si sono diretti verso Microsoft, sembra che Microsoft abbia appena trovato le prime centinaia di dipendenti di Altman, supponendo che abbiano ragione la promessa dell’azienda di assumerli tutti.

I dipendenti di OpenAI che firmano la lettera accusano il consiglio di amministrazione dell’azienda di mettere a repentaglio il loro lavoro e di aver “minato la nostra missione e la nostra azienda”. Respingono anche l’idea che OpenAI stesse andando avanti troppo velocemente senza preoccuparsi della sicurezza. “Il nostro lavoro sulla sicurezza e la governance dell’IA modella le norme globali”, scrivono. Ecco la lettera nella sua forma integrale.

Swisher riferisce che attualmente ci sono 700 dipendenti in OpenAI e che altre firme devono ancora essere aggiunte alla lettera. La lettera sembra essere stata scritta prima degli eventi di ieri sera, suggerendo che circolasse da un periodo più vicino al licenziamento di Altman. Ciò significa anche che potrebbe essere troppo tardi perché il consiglio di OpenAI dia seguito alle richieste del promemoria, sempre che lo desiderino.

Il capo scienziato di OpenAI Ilya Sutskever, che secondo quanto riferito ha guidato la spinta per rimuovere Altman, ha fatto notare su X (ex Twitter) di avere alcuni rimpianti per il fine settimana di caos all’interno di OpenAI. “Mi rammarico profondamente della mia partecipazione alle azioni del consiglio. Non ho mai avuto intenzione di danneggiare OpenAI”, ha affermato Sutskever. “Amo tutto ciò che abbiamo costruito insieme e farò tutto il possibile per riunire l’azienda.” Stranamente, anche il nome di Sutskever è sulla lista delle dimissioni.

Il nuovo team di ricerca avanzato sull’intelligenza artificiale di Microsoft, guidato da Altman e Brockman, arriva appena una settimana dopo che Microsoft ha annunciato di aver costruito il chip AI personalizzato  che può essere utilizzato per addestrare modelli linguistici di grandi dimensioni e potenzialmente evitare una costosa dipendenza da Nvidia. Secondo quanto riferito, Altman avrebbe recentemente lanciato agli investitori una startup separata per costruire chip AI tensor Processing Unit (TPU) personalizzati per rivaleggiare con Nvidia, secondo quanto riporta il New York Times.

NIKON
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
SHADOW NINJA
SUBSONIC