NIKON
OPPO

Visore AR/VR di Apple a WWDC: quale reale interesse di mercato?

Voci crescenti circolano da settimane sulla stampa, suggerendo che Apple si stia preparando a segnare il suo tanto atteso ingresso nel segmento dei visori VR/AR con il lancio di un dispositivo che dovrebbe essere svelato nel corso della conferenza annuale degli sviluppatori: la WWDC 2023. Il segmento tecnologico in cui si inserisce il device è molto volubile. Negli ultimi 12 mesi si è parlato tanto di metaverso, anche per via degli sforzi immensi profusi da Meta (Facebook), mentre ora la chiave del mercato sembra essere la IA.

Tuttavia, un tale sostegno pubblico del segmento AR/VR da parte di Apple che rivela un dispositivo di supporto alla sua Worldwide Developer Conference cambierà di nuovo la narrativa? Prima dell’evento e della presentazione anticipata del dispositivo, Mobile World Live ( MWL ) ha interrogato i migliori analisti sul lancio proposto e sul potenziale del gigante tecnologico in questo spazio.

L’analista di ricerca associato di IDC Diogo Santos ha dichiarato che “a breve termine, non sarà considerato rilevante nel portafoglio complessivo di Apple”, aggiungendo che il dispositivo era più un’indicazione che il venditore crede fermamente “nel potenziale futuro della tecnologia XR”. “L’azienda non si addentra in una nuova categoria” alla leggera “e possiamo supporre che si tratti di un investimento a lungo termine”.

Sempre secondo IDC, i visori per realtà aumentata (AR) e realtà virtuale (VR) sono diminuite significativamente nel primo trimestre del 2023 (1Q23) a causa del peggioramento delle condizioni macroeconomiche e del raffreddamento del mercato rispetto ai picchi causati dalla pandemia visti l’anno scorso. Secondo i nuovi dati dell’International Data Corporation (IDCWorldwide Quarterly Augmented and Virtual Reality Headset Tracker, il mercato complessivo dei device AR/VR è diminuito del 54,4% su base annua nel primo trimestre del 2023, con le cuffie VR che rappresentano il 96,2% delle cuffie spedite. Tra i primi 5 produttori di visori AR/VR, Meta ha continuato a guidare con una quota del 47,8%, anche se ha perso terreno rispetto a PSVR 2 di Sony, che ha conquistato il 35,9% durante il trimestre. ByteDance (Pico) è riuscita a far crescere la sua quota dal 4,4% dello scorso anno al 6,1% di quest’anno grazie a nuovi prodotti e nuovi mercati. DPVR e HTC hanno completato la top 5 con ciascuno con una quota inferiore al 2%.

In questo scenario, secondo i dati pubblicati da Bloomberg e altri fonti, Apple potrebbe vendere il suo visore a circa 3mila dollari, destinato alla comunità degli sviluppatori e nell’ambito del concetto più ampio di “mixed reality”. Supponendo che le voci, anche sul cartellino del prezzo, siano accurate, Santos ha ipotizzato che il dispositivo difficilmente sarebbe stato lanciato sul mercato di massa, invece è stato realizzato per mostrare il potenziale della categoria con Apple che alla fine ha realizzato “un mercato di massa più conveniente e redditizio dispositivo quando il pubblico diventa più ricettivo”.

Paolo Pescatore, analista di tecnologia, media e telco di PP Foresight, ha sostenuto un lancio da parte del produttore di iPhone può “fornire una spinta tanto necessaria e riaccendere l’interesse nel mercato”. Anch’egli ha notato che era più un gioco a lungo termine. “Per ora, si tratta di mettere un palo nel terreno per fornire agli sviluppatori tutti gli strumenti per creare esperienze di nuova generazione. Questo a sua volta genererà la domanda dei consumatori in vista di movimenti più grandi in futuro”.

In termini di mercati, Pescatore ha anticipato che “attirerà i fan fedeli e gli utenti che cercano un’esperienza coinvolgente in aree come giochi ed eventi dal vivo”, anche se ha notato che il settore è ancora in una fase iniziale e ha ancora molta strada da fare. L’analista principale di CCS Insight per i dispositivi connessi Leo Gebbie ha descritto una mossa nello spazio come “il più grande cambiamento nella direzione strategica di Apple da anni e un’enorme dichiarazione di intenti da parte dell’azienda nell’esplorazione della prossima generazione di computer”.

“Se Apple svela i piani per un visore per realtà estesa, ciò riaccenderebbe l’entusiasmo per una tecnologia che ha avuto difficoltà negli ultimi tempi”, ha aggiunto. “Dopo le prove e i travagli del metaverso, Apple avrebbe avuto il compito di ridare energia al segmento e mostrare una nuova direzione per il calcolo spaziale. Prevediamo che funzionerebbe molto per mostrare nuovi usi della realtà virtuale, come le esperienze sociali, per cercare di attrarre una fascia demografica più ampia di quella che la tecnologia è riuscita finora.

Se il dispositivo Apple sarà posizionato a 3mila dollari, di fatto presiederà la fascia alta del mercato. Lo standard Hololens 2 di Microsoft ha un prezzo di 3.500 dollari negli Stati Uniti, anche se ci sono opzioni molto più economiche sotto l’ombrello “realtà” di artisti del calibro di Meta Platforms e HTC con la sua linea Vive.

Tuttavia, Santos si aspettava che il prezzo di Apple “non fosse troppo problematico se si mantengono basse le aspettative di volume per questo primo modello da vetrina/appassionato, ma se Apple vuole essere considerata un attore dominante, o addirittura un attore rilevante in questo mercato, avrà bisogno far corrispondere il desiderio del pubblico con il portafoglio pubblico”.

Pescatore ha aggiunto: “Le persone non si affrettano ad alzarsi dai loro posti per acquistare un visore VR o persino per guardare video a 360 gradi”, notando che il fattore di forma attualmente ha subito una “mancanza di appetito da parte dei consumatori per sborsare così tanti soldi per un dispositivo goffo senza un forte offerta di contenuti”. Nonostante la crescente concorrenza, Gebbie ha affermato che l’emergere di Apple come attore nel settore susciterà l’interesse generale, a vantaggio delle offerte a tutti i prezzi.

“Si dice che l’offerta di Apple sia estremamente costosa”, ha aggiunto Gebbie, “il che significa che i dispositivi più convenienti di Meta, Pico e Sony potrebbero distinguersi mentre le persone cercano di fare il salto nei mondi virtuali. La crescente ondata di interesse per la realtà estesa dovrebbe risollevare le sorti di tutte le aziende coinvolte”.

Il commentatore del settore per Radio Free Mobile Richard Windsor ha notato che la società non aveva altra scelta che entrare nel segmento, anche se ha aggiunto che “la prossima settimana è troppo presto per rilasciare un dispositivo”. “Apple deve affrontare questo segmento anche se si tratta di un flop totale perché il prezzo del fallimento se il metaverso decolla e Apple rimane indietro, significa ripetere il destino di Nokia”. “Non mi aspetto che sia rivolto ai consumatori, ma che sia più un teaser per gli sviluppatori in modo che abbiano un’idea di dove Apple intende andare a lungo termine e possano fare qualche ritocco”.

Si dice che il lancio delle cuffie Apple sia previsto per il 5 giugno.

OPPO
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC