PANTHEK
BEKO

Swisscom acquisisce il 100% di Vodafone Italia: tutti i dettagli

Swisscom ha stipulato accordi vincolanti con Vodafone Group Plc in relazione all’acquisizione del 100% di Vodafone Italia per 8 miliardi di euro senza debiti e senza contanti con l’obiettivo di dare vita a una fusione con Fastweb, l’azienda che cementa la presenza di Swisscom in Italia. Il corrispettivo della transazione sarà al 100% in contanti e sarà interamente finanziato tramite debito. Vodafone Italia e Fastweb uniranno infrastrutture, competenze e capacità mobili e fisse complementari di alta qualità per creare uno sfidante convergente leader in un mercato con opportunità di crescita concrete. L’aumento delle dimensioni, la struttura dei costi più efficiente e le significative sinergie annuali pari a circa 600 milioni di euro consentiranno alla nuova entità di sbloccare un valore significativo per tutte le parti interessate, sostenere gli investimenti nel mercato italiano delle telecomunicazioni e offrire servizi convergenti innovativi e a prezzi competitivi, migliorando prestazioni ed esperienza utente per i clienti in tutti i segmenti di mercato. L’operazione rappresenta “un passo fondamentale per Swisscom verso il raggiungimento del suo obiettivo strategico di crescita redditizia in Italia. Swisscom intende aumentare il dividendo e conta di mantenere la sua eccellente solvibilità aziendale. La transazione rimane soggetta alle approvazioni normative e ad altre approvazioni consuete”. Il 28 febbraio scorso, in una nota ufficiale, Vodafone Italia aveva confermato le trattative esclusive con Swisscom “spegnendo” tutte le illazioni di eventuali altre acquisizioni in essere. Qui la notizia completa: https://www.igizmo.it/vodafone-italia-trattative-esclusive-con-swisscom/

Ritratto di Christoph Aeschlimann, CEO di Swisscom

Con questa operazione Swisscom “rafforza notevolmente la propria presenza in Italia, dove opera con successo dal 2007 attraverso Fastweb. Negli ultimi dieci anni Fastweb è cresciuta di oltre il 50% in termini di clienti, fatturato ed EBITDA rettificato e si è affermata come uno dei principali concorrenti nel quarto mercato europeo della banda larga. Vodafone Italia è un operatore di rete mobile premium con un’ampia base clienti. Unendo i punti di forza di Fastweb nella connettività fissa con la posizione di leader di Vodafone Italia nei servizi mobili, la nuova entità è pronta a fornire vantaggi sostanziali ai consumatori, alle imprese e al Paese”.

Secondo il comunicato stampa di Swisscom, l’operazione porterà una serie di vantaggi: “I clienti mobili beneficeranno di una migliore connettività e di una qualità del servizio migliore della categoria, grazie a una rete wireless completamente controllata e gestita end-to-end. I clienti della banda larga beneficeranno inoltre di una maggiore qualità del servizio, grazie alla combinazione della rete fissa gestita end-to-end di Fastweb e dell’accesso wireless fisso (FWA) basato sul 5G di Vodafone. Pertanto, i clienti residenziali in Italia avranno accesso a soluzioni combinate fibra e mobile ad alte prestazioni. Di conseguenza, la base clienti combinata beneficerà di una maggiore convergenza di servizi, prestazioni migliorate ed esperienza del cliente a prezzi competitivi”.

Non solo: “L’accesso ad risorse e competenze complementari, come l’infrastruttura cloud all’avanguardia di Fastweb e le risorse mobili di Vodafone Italia, fornirà ai clienti B2B un portafoglio più ampio di servizi IT e di comunicazione e una migliore esperienza di sportello unico, consentendo una digitalizzazione più rapida per le imprese e la pubblica amministrazione in Italia. L’entità combinata sarà commercialmente più resiliente, garantendo livelli di investimento sostenuti e a lungo termine nelle migliori infrastrutture di rete e innovazione in Italia, aiutando il Paese a colmare il divario digitale e ad accelerare la trasformazione digitale dell’Italia. La transazione creerà un operatore sfidante con asset convergenti e le dimensioni necessarie, in grado di livellare il campo di gioco e aumentare la concorrenza nel Paese; l’entità risultante dalla fusione continuerà inoltre a mettere a disposizione di terzi la propria infrastruttura di alta qualità per servizi all’ingrosso”.

Dal punto di vista tecnico e operativo, il valore aziendale di 8 miliardi di euro implica multipli di transazione di 5,1x EBITDAaL e 9,2x OpFCF sulla base di sinergie annuali a tasso di riferimento di circa 600 milioni di euro (7,8x EBITDAaL e 29,4x pre-sinergie OpFCF). Si prevede che l’acquisizione creerà un valore sostanziale per gli azionisti di Swisscom, sarà neutrale in termini di flusso di cassa libero (FCF) per Swisscom nel primo anno e accrescerà il FCF dal secondo anno dopo la chiusura (esclusi i costi di integrazione) e contribuirà successivamente alla crescita del FCF. Ciò è pienamente supportato da sinergie tangibili in termini di costi e investimenti con un rischio di esecuzione limitato, poiché una parte significativa delle sinergie è determinata dalla migrazione del traffico sull’infrastruttura propria dell’entità combinata.

Spiega ancora Swisscomm: “L’acquisizione sarà interamente finanziata tramite debito, aumentando la leva finanziaria di Swisscom a 2,6x (debito netto/EBITDA) alla fine del 2025, pur mantenendo un bilancio solido. Swisscom prevede di mantenere un rating creditizio aziendale «A», uno dei rating di debito più alti tra i concorrenti europei nel settore delle telecomunicazioni, supportato da un chiaro percorso di riduzione della leva finanziaria. Con riserva di chiusura all’inizio del 2025, Swisscom intende aumentare il dividendo annuo a 26 franchi per azione pagabile nel 2026 (per l’anno finanziario 2025), con l’ambizione di un’ulteriore crescita dei dividendi successivamente supportata dalla realizzazione di sinergie e soggetta all’evoluzione del FCF”.

La chiusura è soggetta alle approvazioni normative e ad altre approvazioni consuete, non richiederà il voto degli azionisti di Swisscom e dovrebbe avvenire nel primo trimestre del 2025. L’entità combinata e il Gruppo Vodafone stipuleranno diversi accordi di servizio transitori e a lungo termine, compreso un accordo di licenza del marchio, che consentirà l’uso del marchio Vodafone in Italia fino a 5 anni dopo la chiusura. Vodafone fornirà alcuni servizi per un costo di servizio annuo totale iniziale di circa 350 milioni di euro, destinato a diminuire nel tempo. Swisscom e il Gruppo Vodafone stanno inoltre esplorando una relazione commerciale più stretta per consentire la collaborazione in un’ampia gamma di settori, oltre l’Italia. Le aree chiave della collaborazione commerciale che Vodafone e Swisscom stanno esplorando includono IoT, servizi e soluzioni aziendali, procurement, servizi operativi condivisi e roaming.

Christoph Aeschlimann, ceo di Swisscom, ha commentato: “Swisscom opera con successo in Italia sin dall’acquisizione di Fastweb nel 2007. In questo periodo, abbiamo costruito un forte track record di investimenti e crescita redditizia in Italia. La logica industriale di questa fusione è molto forte. Fastweb e Vodafone Italia sono la combinazione ideale per creare un elevato valore aggiunto per tutti gli stakeholder. I clienti privati ​​e commerciali beneficiano così dell’offerta più completa. Anche Swisscom verrà rafforzata nel suo complesso, permettendoci di continuare a investire in modo significativo nel mercato svizzero e italiano”.

Michael Rechsteiner, presidente del Consiglio d’amministrazione di Swisscom, sottolinea: “Il Consiglio d’amministrazione di Swisscom ha valutato in modo approfondito ed esauriente le opportunità e i rischi di questa transazione ed è giunto fermamente alla conclusione che le opportunità per tutti gli stakeholder superano di gran lunga i rischi inerenti in una transazione di queste dimensioni. L’acquisizione di Vodafone Italia è inoltre conforme agli obiettivi strategici del Consiglio federale per Swisscom. Nella piena convinzione che la decisione sia nell’interesse di Swisscom e della Svizzera intera, il Consiglio d’amministrazione ha quindi approvato l’operazione all’unanimità”.

Margherita Della Valle, Amministratore Delegato del Gruppo Vodafone, ha commentato: “Unendo Vodafone Italia e Fastweb, stiamo consentendo la creazione di una forte telco convergente, ben posizionata per competere nel mercato italiano. E stiamo aprendo la possibilità di stabilire una partnership commerciale più ampia tra Swisscom e Vodafone”.

BEKO
AIR TWISTER
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
PANTHEK
ARCADE1UP