Fashion Week
playit

È un inno all’innovazione e alla creatività la collezione primavera-estate 2023, quella firmata oggi da Marco Rambaldi, uno dei più talentuosi stilisti di nuova generazione sulla scena italiana che, per il secondo anno consecutivo, vede in OPPO un partner d’eccezione che celebra oggi la tecnologia come forma d’arte e porta in passerella i suoi dispositivi come gioielli tecnologici ad impreziosire gli outfit della collezione. 

A sfilare nell’inedita cornice del parco del portello, insieme ai capi di abbigliamento, i dispositivi della appena lanciata OPPO Reno8 Series che, concepiti come oggetto di design, hanno saputo completare al meglio alcuni outfit della collezione, donando lucentezza e raffinatezza con le proprie colorazioni.

Un racconto inedito fatto di creatività e immaginazione, capace di avvicinare due mondi apparentemente distinti, ma uniti dallo stile e dalla ricerca continua di innovazione e trasmettere i valori di inclusione e diversity, dei quali, con differenti linguaggi espressivi e iniziative, entrambi i brand si fanno portavoce. Attraverso una collezione che interpreta il contesto culturale in cui viviamo con un linguaggio giovane e trasversale, tipico anche della OPPO Reno8 Series, Marco Rambaldi ha portato sulla passerella, in modo concreto e autentico, il senso di unione e innovazione, con eleganza e raffinatezza. 

Oppo e Marco Rambaldi

Siamo tutti parte della rivoluzione tecnologica che ci sta travolgendo, bisogna solamente abbracciarla. Usare i dispositivi per un nuovo modo di creare ed attraverso di essi immaginare scenari alternativi. Abbiamo provato a vestire i nostri uncinetti di schermi, finestre su un presente sempre più pressante, che dovrebbe urlare inclusività e gentilezza.” Ha commentato lo stilista Marco Rambaldi.

Abiti e tecnologia si uniscono perfettamente, da una parte l’artigianato e il crochet, tecnica di lavorazione molto cara allo stilista sin dagli esordi della sua carriera, dall’altra innovazione e tecnologia con i nuovi smartphone OPPO Reno8 Pro e Reno8 che, incastonati perfettamente all’interno dei capi fatti a mano, hanno sfilato completando due look della collezione: un mini dress e un top con gonna. Ogni capo, prodotto esclusivamente a mano, richiede 60 ore di lavoro e celebra una visione comune ai due brand: un’idea di bellezza, non stereotipata, ma legata alle nostre esperienze e ai nostri valori come persone uniche. 

La fusione di questi due mondi, che trova nella valorizzazione estetica un elemento essenziale, ha dato vita a una sinergia perfetta, unica e distintiva nel suo genere, che ha lo scopo di veicolare messaggi universali capaci di abbattere gli stereotipi comuni e di esaltare la bellezza di un mondo che fa della creatività e del dinamismo i suoi mantra. La tecnologia di OPPO, inoltre, ha rappresentato l’amplificatore perfetto di tutte le emozioni vissute durante la sfilata, diventando fonte d’ispirazione per chi ama osare. 

Siamo felici di rinnovare anche quest’anno la collaborazione con Marco Rambaldi, che ha saputo fondere i device della nostra serie Reno ai capi di abbigliamento della collezione in maniera armoniosa e raffinata, rendendoli protagonisti di uno spettacolo unico. Quello che ci unisce allo stile e al lavoro di Marco nasce dall’idea che in OPPO la tecnologia è una forma d’arte, è pura bellezza, così come lo è la moda. Marco non si limita a “vestire” e “accessoriare”, ma veicola un messaggio universale che abbatte gli stereotipi e si impegna nella sostenibilità, proprio come in OPPO, dove ogni giorno lavoriamo per innovare e distinguerci creando device che incontrino il gusto dei nostri utenti.” Ha concluso Isabella Lazzini, Chief Marketing Officer OPPO Italia