IWS21

Meta Platforms, proprietaria di Facebook, sta preparando tagli alla sua divisione Reality Labs, l’unità al centro della strategia dell’azienda di rifocalizzarsi sui prodotti hardware e sul “metaverso”. La voce, confermata, è stata raccolta da Reuters. Il Chief Technology Officer Andrew Bosworth ha detto ai membri dello staff di Reality Labs durante una sessione settimanale di domande e risposte di aspettarsi che le modifiche saranno annunciate entro una settimana, secondo un riepilogo dei suoi commenti che Reuters ha potuto vedere.

Il portavoce di Meta ha confermato che Bosworth ha detto allo staff che la divisione non poteva più permettersi di fare alcuni progetti e avrebbe dovuto rimandarne altri, senza specificare quali progetti sarebbero stati interessati. Ha anche riferito che Meta non stava pianificando licenziamenti come parte dei cambiamenti.

La più grande società di social media del mondo il mese scorso ha dichiarato agli investitori che avrebbe ridotto i costi nel 2022, a seguito di un calo degli utenti di Facebook all’inizio di quest’anno che ha causato il crollo del titolo. In una richiesta di utili a fine aprile, l’amministratore delegato Mark Zuckerberg ha affermato che Meta prevede di “rallentare il ritmo” di alcuni investimenti a lungo termine in aree come la sua piattaforma aziendale, l’infrastruttura di intelligenza artificiale e i Reality Labs.

Meta ha abbassato le spese totali previste per il 2022 tra 87 miliardi di dollari e 92 miliardi di dollari, in calo rispetto alla sua previsione precedente compresa tra 90 e 95 miliardi di dollari. La scorsa settimana, Zuckerberg ha detto ai dipendenti che stava riducendo le assunzioni per la maggior parte delle posizioni di livello medio-alto, come inizialmente riportato da Insider.

Facebook ha investito molto in Reality Labs, che è cresciuto dalla sua attività di realtà virtuale Oculus e ora comprende il lavoro su realtà aumentata, occhiali intelligenti, dispositivi di videochiamata Portal e soluzioni tecnologiche aziendali. L’unità sta anche costruendo un visore per realtà mista con rilevamento del viso e degli occhi chiamato Project Cambria, che Zuckerberg ha presentato in anteprima in un post sulla sua pagina Facebook.

Questi investimenti mirano a posizionare Meta come una porta di accesso al metaverso, un universo di mondi digitali immersivi, condivisi e interconnessi che Zuckerberg ha affermato di ritenere sarà il successore di Internet mobile. L’azienda ha cambiato nome in ottobre per riflettere i suoi obiettivi metaverse e ha assunto ampiamente il personale di Reality Labs, aggiungendo più di 13.000 dipendenti l’anno scorso e quasi 6.000 nel primo trimestre di quest’anno.

Allo stesso tempo, Zuckerberg ha avvertito che potrebbe volerci circa un decennio prima che le scommesse sul metaverso vengano ripagate e Reality Labs ha dissanguato denaro. L’unità ha perso 10,2 miliardi di dollari nel 2021 e altri 3 miliardi di dollari nel primo trimestre di quest’anno.

Zuckerberg ha detto agli investitori il mese scorso che mira ancora nei prossimi anni a generare una crescita del reddito sufficiente dalle app legacy Facebook, Instagram e WhatsApp per finanziare investimenti in Reality Labs, continuando a far crescere i profitti complessivi. “Purtroppo, questo non accadrà nel 2022”, ha concluso.