NIKON
TOPPS

L’impegno di Amazon per bloccare le recensioni false

Le recensioni dei consumatori di Amazon sono uno dei motivi essenziali per cui i clienti amano fare acquisti nei nostri negozi. Da quando Amazon ha introdotto le recensioni dei clienti nel 1995, si legge nel comunicato, “abbiamo continuato a implementare le funzioni che aiutano chi acquista a vedere e condividere facilmente i feedback positivi e negativi dei clienti che sono rilevanti, utili e affidabili. L’anno scorso 125 milioni di clienti hanno contribuito con quasi 1,5 miliardi di recensioni e valutazioni ai nostri negozi, mettendo a disposizione dei futuri acquirenti di Amazon informazioni trasparenti sui prodotti da acquistare”. Insomma, il centro del problema sono le recensioni false.

Continua Amazon: “Il nostro obiettivo è garantire che ogni recensione nei negozi Amazon sia affidabile e rifletta le esperienze reali dei clienti. Per questo motivo, Amazon accoglie con favore le recensioni autentiche, siano esse positive o negative, ma vieta rigorosamente le recensioni false che possono fuorviare intenzionalmente i clienti con informazioni che non siano imparziali, autentiche o destinate a quel prodotto o servizio. Investiamo significative risorse per bloccare in modo proattivo le recensioni false. Questo include ad esempio modelli di machine learning che analizzano migliaia di dati per rilevare i rischi – tra cui relazioni con altri account, attività di accesso, cronologia delle recensioni e altre indicazioni di comportamenti insoliti – e investigatori esperti che utilizzano strumenti sofisticati di rilevamento delle frodi per analizzare e impedire che le recensioni false appaiano nel nostro negozio. Attraverso continui investimenti, nel 2022 Amazon ha bloccato, grazie ad attività proattive, oltre 200 milioni di recensioni sospette dai nostri negozi. Continueremo a costruire strumenti sofisticati che proteggano i clienti, i nostri partner di vendita e il nostro negozio dai malintenzionati che cercano di trarre profitto dalla proliferazione di recensioni false a livello globale”.

Negli ultimi anni, queste recensioni false sono state alimentate principalmente dall’emergere di un’industria illecita di “broker di recensioni false”. Man mano che le contromisure sono diventate più efficaci, anche le tattiche dei broker di recensioni false si sono evolute nel tentativo di eludere il rilevamento. Questi broker si rivolgono direttamente ai consumatori attraverso siti web, canali sui social media e servizi di messaggistica criptati, invitandoli a scrivere recensioni false in cambio di denaro, prodotti gratuiti o altri incentivi. A volte si presentano come aziende in regola, con reti di centinaia di dipendenti dislocati in tutto il mondo, per sostenere i loro schemi fraudolenti. Poiché questa cattiva condotta è spesso orchestrata al di fuori del negozio di Amazon, può essere più difficile individuare, prevenire e contrastare questi malintenzionati se ci muoviamo da soli.

Spiega Amazon: “Stiamo combattendo duramente i broker di recensioni e continueremo a intraprendere azioni legali per bloccare definitivamente i truffatori responsabili della diffusione di tali recensioni. L’anno scorso, Amazon ha intrapreso azioni legali contro più di 90 malfattori in tutto il mondo che hanno veicolato recensioni false, e abbiamo citato in giudizio più di 10.000 amministratori di gruppi Facebook che hanno tentato di inserire recensioni false nei nostri negozi in cambio di denaro o prodotti gratuiti. Alla fine di maggio 2023, abbiamo già superato quel numero, intraprendendo un’azione legale contro 94 malfattori, inclusi i truffatori negli Stati Uniti, in Cina e in Europa. A giugno abbiamo aggiunto l’azione legale contro Nice Discount, Nice Rebate e 100 Rabatt, che operano rispettivamente negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Germania. In Europa, stiamo anche collaborando con le principali organizzazioni di protezione dei consumatori per identificare e citare in giudizio i peggiori trasgressori. Le nostre azioni legali a livello globale stanno iniziando a produrre risultati poiché abbiamo fatto chiudere alcuni dei più grandi broker globali, tra cui Matronex e Climbazon. Inoltre, la prima denuncia penale a livello europeo è stata presentata proprio in Italia, sempre nel 2022. La decisione di Amazon di riportare questo caso all’Autorità Giudiziaria dimostra la determinazione dell’azienda a fermare coloro che traggono profitto ingannando i clienti e i partner di vendita. Con queste azioni, Amazon colpisce la fonte del problema”.

Amazon “continuerà a ritenere colpevole chi agisce in malafede, nell’ottica di proteggere i nostri clienti e i nostri partner di vendita. Tuttavia, questi broker che pubblicano un’elevata quantità di recensioni false sono un problema globale che ha un impatto sulle recensioni dei clienti in diversi settori industriali. Il settore privato, i gruppi di consumatori e i governi devono collaborare per fermare questi broker di recensioni false e lanciare il messaggio chiaro che questa attività illecita deve cessare”.

Alla luce di quanto appreso grazie agli sforzi proattivi, alla collaborazione con altri soggetti e alle azioni di contrasto, Amazon si dichiara favorevole a una maggiore collaborazione tra il settore pubblico e quello privato per perseguire i seguenti obiettivi e interrompere le recensioni false:

  1. Maggiore condivisione delle informazioni sui malfattori noti. I broker di recensioni false sono un problema globale che interessa diversi settori e l’obiettivo è condividere le informazioni su questi malfattori con le associazioni dei consumatori e i partner del settore in tutto il mondo. Grazie alla condivisione di informazioni tra le diverse parti – comprese quelle su strategie e tecniche di questi malintenzionati, sul target a cui si rivolgono, sui servizi che forniscono e su come operano – è possibile bloccare più efficacemente questi schemi, proteggendo così un maggior numero di consumatori in diversi ambiti.
  2. Più chiarezza dell’Autorità competente e maggiori fondi per perseguire legalmente i malfattori: questi truffatori devono essere ritenuti responsabili dei danni che perpetrano ai danni dei consumatori, delle piccole imprese e di aziende come Amazon. Anche se Amazon e altri possono fare molto, è necessario che gli enti governativi abbiano l’autorità e i fondi necessari per perseguire questi intermediari di recensioni false. La situazione specifica varia da Paese a Paese. In alcuni Paesi i governi dovrebbero istituire un’autorità di controllo o strumenti di applicazione più incisivi per sanzionare i broker di recensioni false. Nei Paesi che già dispongono di leggi o regolamenti contro la sollecitazione di recensioni false, Amazon ritiene “che le autorità di regolamentazione dovrebbero fare di più per utilizzare la loro autorità di applicazione per agire contro i broker di recensioni false. Siamo inoltre favorevoli a maggiori finanziamenti per le forze dell’ordine, al fine di sviluppare ulteriori competenze tecniche per indagare e eliminare questi broker”.
  3. Controlli più stringenti per i servizi che agevolano le richieste di recensioni false: i broker di recensioni false utilizzano servizi di terze parti come i social media e i servizi di messaggistica criptati di terze parti per facilitare i loro schemi illeciti. Amazon indaga e segnala regolarmente a queste terze parti i gruppi abusivi, gli influencer ingannevoli e altri malintenzionati. Nel 2022, Amazon ha segnalato più di 23.000 gruppi abusivi sui social media, con oltre 46 milioni di membri e follower, che agevolavano le recensioni false sui siti di social media. Sottolinea Amazon: “Sebbene i nostri sforzi con i servizi di terze parti abbiano portato a risposte migliori e più rapide alle nostre richieste di rimozione da parte di alcuni fornitori di servizi, tutti i siti che potrebbero essere utilizzati per facilitare queste attività illecite dovrebbero avere processi di notifica e rimozione solidi, efficaci e veloci. Per interrompere veramente le reti di recensioni false e affrontare il problema in scala, vogliamo collaborare con queste aziende per contribuire a migliorare i loro metodi di rilevamento e garantire che dispongano di controlli migliori per individuare queste reti e chiuderle in modo proattivo. Riteniamo inoltre che insieme possiamo fare di più per educare i clienti alla sollecitazione di recensioni false e per garantire politiche di applicazione solide per i broker di recensioni false”.

Conclude Amazon: “Ci impegniamo a garantire che le nostre recensioni rimangano una risorsa affidabile e ricca di informazioni per i clienti. Amazon continuerà a proteggere i suoi negozi dalle recensioni false, investendo in strumenti proattivi per individuare e impedire che le recensioni false influenzino la decisione di acquisto dei clienti. Continueremo inoltre a intraprendere azioni legali contro i broker di recensioni false. Tuttavia, non possiamo vincere questa battaglia da soli. Solo attraverso collaborazioni con soggetti interessati che condividono le stesse idee nel settore pubblico e privato possiamo davvero fermare i broker di recensioni false, affrontare il problema alla fonte e contribuire a garantire l’affidabilità delle recensioni in tutto il settore”.

TOPPS
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC