ELECTROLUX
ELECTROLUX

La “next big thing” di Apple: i robot per la casa

Apple avrebbe costruito team interni per indagare le potenzialità di sviluppo dei robot domestici e per uso personale, un comparto di mercato che si sta ampliando (dagli aspirapolvere fino agli elettrodomestici) e che ha il potenziale per diventare la “next big thing” per la Mela morsicata. Gli ingegneri di Apple stanno esplorando un robot in grado di seguire gli utenti nelle loro case, hanno detto fonti vicine all’azienda e informate dei fatti. Il produttore di iPhone avrebbe anche sviluppato un dispositivo domestico avanzato da tavolo che utilizza la robotica per spostare un display.

Sebbene lo studio e gli sviluppi siano ancora nelle fasi iniziali – e non è chiaro se i prodotti saranno poi ufficializzati – Apple è sotto crescente pressione più dagli investitori che dai consumatori e dal mercato per trovare nuove fonti di entrate. Ha abbandonato un progetto di veicolo elettrico a febbraio e si prevede che la spinta verso i visori per la realtà mista richiederà anni prima di diventare una delle principali fonti di guadagno. Con la robotica, Apple potrebbe prendere piede nelle case dei consumatori e sfruttare i progressi dell’intelligenza artificiale. Ma non è ancora ipotizzabile quale approccio potrebbe adottare. Sebbene lo smart display robotico sia molto più avanti rispetto al robot mobile, le fonti indicano che nel corso degli anni è stato aggiunto e rimosso dalla road map dei prodotti dell’azienda.

Il lavoro sulla robotica si svolge all’interno della divisione di ingegneria hardware di Apple e del suo gruppo di intelligenza artificiale e apprendimento automatico, gestito da John Giannandrea. Matt Costello e Brian Lynch, due dirigenti focalizzati sui prodotti per la casa, hanno supervisionato lo sviluppo dell’hardware. Tuttavia, Apple non si è impegnata in nessuno dei due progetti come azienda e il lavoro è ancora considerato nella fase iniziale di ricerca. Gli investitori Apple hanno reagito freddamente alla notizia: alla chiusura di New York il titolo è aumentato di meno dell’1% a quota 169,65 dollari. Le azioni del produttore di Roomba, iRobot, sono balzate brevemente fino al 17%. A dimostrazione che l’ingresso di Apple in questo mercato ha la potenzialità di elevare la percezione e la propensione all’acquisto di tutto il comparto degli aspirapolvere robotizzati.

Prima che il progetto dell’auto elettrica venisse cancellato, Apple aveva detto ai suoi alti dirigenti che il futuro dell’azienda ruotava attorno a tre aree: automobilistico, domestico e realtà mista. Ma ora l’auto non esiste più e Apple ha già rilasciato il suo primo prodotto di realtà mista: il Vision Pro. Quindi l’attenzione si è spostata su altre opportunità future, incluso il modo in cui Apple può competere meglio nel mercato della casa intelligente.

La ricerca della “next big thing” da parte di Apple è stata un’ossessione fin dall’era di Steve Jobs . Ma è diventato più difficile immaginare un prodotto che possa mai eguagliare l’iPhone, che ha rappresentato il 52% delle vendite di 383,3 miliardi di dollari dell’azienda lo scorso anno. L’intelligenza artificiale è un obiettivo importante, anche se Apple sta cercando di recuperare terreno nel regno dei chatbot e di altre tecnologie generative. È qui che potrebbero esserci delle sovrapposizioni con il lavoro sulla robotica. Anche se sono ancora nelle fasi iniziali, i ricercatori dell’intelligenza artificiale di Apple stanno studiando l’uso di algoritmi per aiutare i robot a spostarsi negli spazi disordinati all’interno delle case delle persone.

Se il lavoro dovesse avanzare, Apple non sarebbe il primo colosso tecnologico a sviluppare un robot domestico. Il robot domestico più popolare rimane l’aspirapolvere Roomba, che ha debuttato più di vent’anni fa. Non è un caso che Amazon abbia provato ad acquisire iRobot, incagliandosi in blocchi antitrust. Un lato positivo del tentativo fallito di Apple nel settore automobilistico è che ha fornito le basi per altre iniziative. Il motore neurale, il chip AI dell’azienda all’interno di iPhone e Mac, è stato originariamente sviluppato per l’auto. Il progetto ha anche gettato le basi per Vision Pro perché Apple ha studiato l’uso della realtà virtuale durante la guida.

Sul suo sito web, Apple ha pubblicato la ricerca di ruoli legati alla robotica, indicando che sta cercando di espandere i team che lavorano al progetto. Nella descrizione dell’annuncio lavorativo si legge questo: “Il nostro team lavora all’intersezione tra l’apprendimento automatico moderno e la robotica per modellare l’intelligenza artificiale che alimenterà la prossima generazione di prodotti Apple. Siamo alla ricerca di ricercatori e ingegneri di robotica e machine learning innovativi e laboriosi che ci aiutino a ricercare, definire e sviluppare sistemi robotici intelligenti complessi ed esperienze nel mondo reale”.

ELECTROLUX
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
MYSTERY BOX
SUBSONIC