NIKON
TOPPS

Intel vuole rafforzare la posizione di produttore di chip per terze parti

Intel ha annunciato un altro cambio di leadership per le attività di produzione di chip a contratto per terze parti. È stato nominato Kevin O’Buckley, dirigente della Marvell Technology, che ora è a capo della divisione che gestisce le fonderie di Intel. O’Buckley è diventato vicepresidente senior e direttore generale dei servizi di fonderia, l’unità incaricata di produrre chip per clienti esterni. Succede a Stu Pann, dirigente di lunga data di Intel, che va in pensione, e riporterà direttamente all’amministratore delegato Pat Gelsinger come membro del gruppo dirigente. Tutto questo è stato ufficializzato da Intel mediante una nota.

Veterano della IBM, Kevin O’Buckley ha trascorso gli ultimi cinque anni alla Marvell e ora si sta cimentando in uno dei lavori più impegnativi nel settore dei semiconduttori. Nell’ambito dell’ambizioso piano di risanamento di Gelsinger, Intel si sta trasformando progressivamente in una fonderia per terze parti, un segmento di mercato dominato saldamente da Tsmc. Intel ha bisogno di attrarre grandi clienti per il progetto, soprattutto perché deve “giustificare” la costruzione di nuove fabbriche negli Stati Uniti e in Europa.

Stu Pann lascia Intel dopo poco più di un anno nel ruolo che ora è andato al suo successore. Intel sostiene di avere lanciato con successo la nuova struttura aziendale per la divisione Intel Foundry, ma il progetto è nelle fasi iniziali. Quando Intel ha recentemente iniziato a fornire maggiori informazioni finanziarie sull’azienda, tra cui vendite in calo e perdite crescenti, gli investitori hanno fatto crollare le azioni. Dunque la strategia dell’azienda di medio e lungo periodo consiste nell’entrare nel settore della fonderia producendo chip per terze parti. Intel sta anche correndo per aggiornare la propria tecnologia. Dopo decenni di supremazia, l’azienda è rimasta indietro rispetto alla velocità di sviluppo di nuovi processi produttivi di Tsmc e di altre realtà che già operano in massa a 5,4 e 3 nm.

Il piano di Gelsinger è anche di migliorare il know-how produttivo di Intel facendo leva sulla partnership con aziende che sviluppano chip e che, finora, sono state sostanzialmente competitor. La divisione Foundry ha registrato un fatturato di 18,9 miliardi di dollari nel 2023, in calo rispetto ai 27,5 miliardi di dollari dell’anno precedente. L’unità ha registrato un fatturato di 4,4 miliardi di dollari nel primo trimestre del 2024.

TOPPS
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC