NIKON
TOPPS

Gordon Moore: muore a 94 anni il padre di Intel e della Legge di Moore

È morto Gordon Moore, il co-fondatore di Intel e padre della Legge di Moore, ossia della teoria sullo sviluppo di chip per computer che è diventata il metro di paragone per il progresso nell’industria elettronica. Aveva 94 anni. “Moore è morto serenamente, circondato dalla famiglia nella sua casa alle Hawaii”, ha dichiarato la Gordon and Betty Moore Foundation in un comunicato.

Fondatore del pioniere dell’industria Fairchild Semiconductor, Moore nel 1968 ha co-fondato Intel, che a un certo punto è diventata il più grande produttore di semiconduttori al mondo. L’azienda con sede a Santa Clara, in California, equipaggia circa l’80% dei personal computer del mondo con la loro parte più importante, il microprocessore. Moore è stato amministratore delegato dal 1975 al 1987.

Intel e altri produttori di semiconduttori sviluppano ancora prodotti secondo una versione della legge di Moore, elaborada dallo scienziato nel 1965 e secondo cui il numero di transistor su un chip di computer, che determina la velocità, la memoria e le capacità di un dispositivo elettronico, raddoppia ogni anno. La legge, che Moore ha rivisto nel 1975, rimane un parametro per il progresso sia all’interno che all’esterno dell’industria dei chip, anche se la sua continua applicabilità è oggetto di dibattito.

L’osservazione di Moore è stata fondamentale per l’ascesa alla ribalta di Intel. L’azienda ha investito somme crescenti di denaro nella produzione dei minuscoli componenti elettronici, superando i suoi rivali. Il frenetico ritmo del progresso ha reso la tecnologia di Intel il cuore hardware della rivoluzione dei personal computer, quindi della rivoluzione di Internet, fino a quando i rivali asiatici dell’azienda non hanno sfidato la sua leadership.

I dirigenti delle aziende tecnologiche di tutto il mondo hanno reso omaggio a Moore.

“Il mondo ha perso un gigante in Gordon Moore, che è stato uno dei padri fondatori della Silicon Valley e un vero visionario che ha contribuito a spianare la strada alla rivoluzione tecnologica”, ha dichiarato Tim Cook, amministratore delegato di Apple in un tweet. “Tutti noi che abbiamo seguito gli dobbiamo un debito di gratitudine.”

Molti hanno preso la morte di Moore sul personale, una testimonianza del mondo interconnesso della tecnologia. “La sua visione ha ispirato così tanti di noi a perseguire la tecnologia, è stata un’ispirazione per me”, ha twittato il ceo di Alphabet Sundar Pichai.

“Sono molto rattristato dalla notizia della morte di Gordon”, ha dichiarato Morris Chang, fondatore del produttore di chip Taiwan Semiconductor Manufacturing, in un commento inviato via e-mail a Bloomberg News. “È stato un grande e rispettato amico per più di sessant’anni. Con Gordon andato, quasi tutti i miei colleghi semiconduttori di prima generazione se ne sono andati.

Nell’attuale contesto evolutivo, la maggior parte dei leader e degli osservatori del settore dei chip sosterrebbe che la legge di Moore non sarebbe più valida. Alcuni degli strati di materiali utilizzati per costruire i semiconduttori sono spessi solo un atomo, il che significa che non possono essere ulteriormente ridotti. A geometrie così minuscole le proprietà dei materiali che li rendono semiconduttori si rompono. Ciò distrugge la loro utilità come interruttori microscopici utilizzati per rappresentare la forma più elementare di informazioni elettroniche. Ma il principio alla base della legge di Moore continua a influenzare le decisioni di investimento.

“Intel sarà il punto di riferimento della legge di Moore per i decenni a venire”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Intel Pat Gelsinger in un’intervista del gennaio 2022. Ha detto che la legge “è viva e la manterremo molto bene”. Carver Mead, professore di ingegneria presso il California Institute of Technology, ha inventato il nome Legge di Moore. Lo stesso Moore ha espresso sorpresa per la sua influenza e longevità e ha preferito minimizzarlo. “Volevo far capire, ecco un’idea in cui la tecnologia si evolverà rapidamente e avrà un impatto importante sul costo dell’elettronica”, ha ricordato Moore per un video prodotto dalla Chemical Heritage Foundation . “Questo era il punto principale che stavo cercando di trasmettere, che questo sarebbe stato il percorso verso l’elettronica a basso costo”.

Moore era direttore della ricerca e sviluppo presso Fairchild quando fece la sua famosa proiezione in un articolo , “Cramming More Components Onto Integrated Circuits”, per l’edizione del 19 aprile 1965 della rivista Electronics. Notando che il circuito più conveniente in quel momento conteneva 50 transistor, ha predetto che il numero sarebbe raddoppiato all’incirca ogni anno fino a 65.000 unità. I moderni microprocessori hanno miliardi di transistor.

Nello stesso articolo scrisse: “I circuiti integrati porteranno a meraviglie come i computer domestici, o almeno i terminali collegati a un computer centrale, i controlli automatici per le automobili e le apparecchiature di comunicazione portatili personali”.

La revisione della legge di Moore nel 1975 e la Fondazione nel 2000

Rivedendo la sua legge nel 1975, Moore disse che i componenti per chip sarebbero cresciuti della metà più velocemente, raddoppiando ogni due anni invece che ogni anno. Un collega di Intel, David House, ha escogitato il corollario spesso citato che le prestazioni di un chip, a causa sia del numero che della qualità dei transistor, raddoppierebbero ogni 18 mesi.

La dichiarazione per procura di Intel nel 2006 mostrava che Moore possedeva 173 milioni di azioni. Questa è l’ultima volta che il suo nome compare nei documenti normativi dell’azienda. Il suo patrimonio netto era di circa 7,5 miliardi di dollari, secondo il Bloomberg Billionaires Index.

Nel 2000, Moore ha istituito la Gordon and Betty Moore Foundation , che ha registrato un patrimonio di 9,5 miliardi di dollari a partire dal 2021, rendendola una delle più grandi fondazioni private di sovvenzioni negli Stati Uniti. Supporta la conservazione dell’ambiente, la cura dei pazienti e la ricerca scientifica in tutto il mondo, nonché le cause locali nell’area della baia di San Francisco. Moore ha detto che la sua preoccupazione per l’ambiente derivava dal suo amore per la pesca.

Tra i loro doni più importanti, Moore e sua moglie hanno donato 600 milioni di dollari al Caltech, con sede a Pasadena, in California; 200 milioni di dollari al Caltech e all’Università della California per costruire il telescopio ottico più potente del mondo. 100 milioni di dollari sono andati all’Università della California a Davis per costruire una scuola per infermieri. Moore si trasferì all’Università della California a Berkeley e, nel 1950, divenne la prima persona della sua famiglia a laurearsi al college. Nel 1954 conseguì un dottorato in fisica e chimica presso il Caltech.

Ha ottenuto un lavoro come ricercatore presso il laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University a Silver Spring, nel Maryland. William Shockley , che aveva creato il transistor ai Bell Telephone Laboratories e che avrebbe condiviso il Premio Nobel per la fisica nel 1956, reclutò Moore nel suo Shockley Semiconductor Laboratory vicino a Palo Alto, in California.

Moore e sette colleghi, tra cui Robert Noyce, partirono per fondare Fairchild nel 1957 con 3.500 dollari di tasca propria e un investimento di 1,5 milioni di dollari da parte di Fairchild Camera and Instrument Corp. Shockley li soprannominò “Traitorous Eight”. Noyce, alla fine degli anni ’50, ha contribuito a inventare il circuito integrato, la base di tutti i progetti di chip fino ad oggi. Morì nel 1990.

Intel tra presente e passato di Moore

Noyce e Moore hanno formato Intel, una contrazione di “elettronica integrata”, in un’ex fabbrica della Union Carbide a Mountain View, il cuore di ciò che avrebbero contribuito a costruire nella Silicon Valley. Il primo titolo di Moore è stato vicepresidente esecutivo. Andy Grove, un altro dipendente di Fairchild, si unì presto a loro.

Nel 1971, Intel ha introdotto il suo primo microprocessore, contenente più di 2.000 transistor. Il suo microprocessore 8080 si trovava nell’Altair 8800, introdotto nel 1975 e ampiamente considerato il primo personal computer di successo. Nel 1981, IBM scelse il microprocessore 8088 di Intel per alimentare il suo primo personal computer .

Moore è diventato presidente e CEO nel 1975, poi presidente e CEO nel 1979. Grove gli è succeduto come CEO nel 1987 e Moore si è ritirato dal consiglio di Intel nel 2001 all’età di 72 anni, in conformità con una politica obbligatoria sull’età pensionabile da lui istituita.

Moore “non si vanta, anche se il suo record di successi offre molto di cui vantarsi”, ha scritto Richard Tedlow nella sua biografia di Grove del 2006. “Sembra essere, vale a dire, semplicemente una persona normale.” Tedlow ha citato Grove definendo Moore “un ragazzo intelligente senza arie”.

A differenza dei successivi leader di Intel che hanno confutato le previsioni sulla fine della legge di Moore, Moore ne ha previsto l’irrilevanza. “Un giorno deve finire”, ha detto Moore a un evento nel 2015 per commemorare il 50° anniversario della sua legge. “Nessuna cosa esponenziale come questa va avanti per sempre”. Moore lascia Betty Irene Whitaker, che sposò nel 1950, così come i figli Kenneth e Steven e quattro nipoti.

TOPPS
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC