NIKON
NIKON

Ecolamp, i risultati del bilancio di massa 2023 e i vincitori del concorso scolastico Raccogliamo Valore

Il Consorzio Ecolamp – puntando l’attenzione delle giovani generazioni sulle questioni riguardanti l’ambiente, il riciclo e il valore che i rifiuti possono rappresentare per la collettività – ha proclamato i vincitori del concorso scolastico Raccogliamo Valore.

Si tratta di un progetto (giunto alla sesta edizione) pensato per coinvolgere il territorio e promuovere attraverso le nuove generazioni la cultura della sostenibilità.

Raccogliamo Valore, i premiati della sesta edizione

L’iniziativa Raccogliamo Valore del Consorzio Ecolamp intende educare ragazzi e adulti all’importanza di operare una corretta raccolta differenziata delle apparecchiature elettriche ed elettroniche giunte a fine vita (Raee), favorendone un giusto processo di riciclo e diventando, così, artefici essi stessi del percorso di recupero e riutilizzo dei materiali di cui tali rifiuti sono composti. I destinatari diretti del progetto sono stati anche quest’anno le studentesse e gli studenti delle scuole dell’infanzia e delle scuole primarie e secondarie italiane compresi tra i 3 e i 18 anni a cui sono stati rivolti strumenti didattici diversificati.

All’edizione 2024 hanno partecipato 412 utenti da oltre 300 scuole diverse che hanno prodotto i 96 elaborati in gara, equamente ripartiti nei tre diversi gradi scolastici coinvolti. I vincitori del concorso – a cui vanno premi in denaro destinati all’acquisto di materiale scolastico/didattico sono:

·      Scuola Primaria, le Classi 3^B e 3^C Principe di Piemonte dell’I.C.S. N. 7 Enzo Drago di Messina

·      Scuola Secondaria di Primo Grado, la Classe 1^B dell’IC Ospedaletto di Coriano (RN) con il progetto e la Classe 2^A dell’I.C. San Pancrazio Salentino (BR)

·      Scuola Secondaria di Secondo Grado, la Classe 1^G dell’IIS Einaudi-Pareto di Palermo la Classe 4^G del Liceo Artistico Candianidi Busto Arsizio (VA).

Ecolamp: il recupero della materie prime ed energia dai Raee

Ma non solo. Il Consorzio Ecolamp ha anche presentato il proprio bilancio di massa relativo al 2023 (con il recupero di materie prime ed energia per i Raee delle categorie R4 e R5). Con R4 si intendono piccoli elettrodomestici ed elettronica di consumo quali ferri da stiro, ventilatori, cellulari, apparecchi elettronici o digitali, apparecchi di illuminazione, pannelli fotovoltaici e molto altro. Nel 2023, dal corretto trattamento di questi Raee, Ecolamp ha recuperato oltre il 97,5% di cui l’84,5% in materie prime seconde (ovvero quelle provenienti dai materiali trasformati e non da estrazione diretta) e il 14% in energia. Con una forte prevalenza di plastica e metalli ferrosi, si può dire che la quasi totalità di questa categoria di prodotti è stata recuperata, limitando lo smaltimento in discarica, non recuperabile, al 2,5%. Per quanto riguarda invece gli R5 – ovvero tutte le sorgenti luminose tra cui tubi fluorescenti, lampade a scarica ad alta intensità, lampade a Led – il recupero è stato del 95%, di cui il 90% per ciò che concerne le materie prime seconde e il 5% di valorizzazione energetica. Tra i materiali recuperati, il 74% è vetro e il 7% metalli.

Fabrizio D’Amico, direttore generale di Ecolamp

Fabrizio D’Amico, direttore generale del Consozio ha dichiarato: “Ecolamp da vent’anni assicura elevati tassi di recupero dai rifiuti elettrici ed elettronici conferiti correttamente, in un’ottica Zero Waste che guarda ai rifiuti non come scarti ma come risorse. È il modello dell’economia circolare, che salvaguarda la natura grazie al reinserimento nel ciclo produttivo di quanto viene recuperato dai prodotti a fine vita. Alimentare sempre più e sempre meglio questo circolo virtuoso e contribuire agli sforzi della #GenerationRestoration è tra le priorità anche del consorzio Ecolamp”.

NIKON
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
SHADOW NINJA
SUBSONIC