android cross-device google igizmo
OTL

Google ha presentato la Developer Preview di Cross Device SDK per AndroidAnnunciato per la prima volta durante la sessione di sviluppo multi-dispositivo di Google I/O ’22 , questa piattaforma di sviluppo consente agli sviluppatori di creare esperienze multi-dispositivo ricche grazie a un insieme di strumenti semplice e intuitivo. Questo SDK astrae le complessità legate alla necessità di individuare il tipo di dispositivo su cui è presente il sistema operativo, all’autenticazione e ai protocolli di connessione, consentendo agli sviluppatori di concentrarsi su ciò che conta di più: creare esperienze utente piacevoli e connettere queste esperienze attraverso una varietà di fattori di forma e piattaforme.

Un solo Android per qualsiasi dispositivo

Questa versione iniziale della SDK contiene una serie di API avanzate incentrate sulle funzionalità principali di rilevamento dei dispositivi, connessioni sicure e sessioni multi-dispositivo. Nella fattispecie:

  1. Individuazione dei dispositivi: si possono trovare facilmente i dispositivi nelle vicinanze, autorizzare la comunicazione peer-to-peer e avviare l’applicazione di destinazione sui dispositivi riceventi.
  2. Connessioni sicure: per abilitare la condivisione di dati bidirezionali crittografati a bassa latenza tra dispositivi autorizzati.
  3. Sessioni multi-dispositivo: consente di trasferire o estendere l’esperienza utente di un’applicazione su più dispositivi.

A sua volta, ciò che consentirà di creare avvincenti esperienze cross-device abilitando e semplificando i seguenti casi d’uso è:

  • Individuazione e autorizzazione della comunicazione con i dispositivi vicini.
  • Condivisione dello stato corrente di un’app con la stessa app su un altro dispositivo.
  • Avvio dell’app su un dispositivo secondario senza dover mantenere l’app in esecuzione in background.
  • Stabilire connessioni sicure per consentire ai dispositivi di comunicare tra loro.
  • Abilitazione del trasferimento delle attività in cui l’utente avvia un’attività su un dispositivo e può continuare facilmente su un altro dispositivo.

La Developer Preview è per ora limitata a smartphone e tablet Android; l’SDK Cross Device sarà disponibile in seguito per altri device Android e anche sistemi operativi non Android.

Come funziona il “cross-device”

L’SDK Cross Device fornisce un livello di astrazione software che gestisce tutti gli aspetti della connettività cross-device, sfruttando tecnologie wireless come Bluetooth, Wi-Fi e banda ultralarga (4G e 5G). Il kit di Google si occupa di svolgere tutto il lavoro pesante nascosto, offrendo allo sviluppatore una serie di interfacce modulari, indipendente dalla connettività che attiva la comunicazione bidirezionale tra dispositivi. È retrocompatibile con Android 8. Inoltre, le app non dovranno dichiarare o richiedere autorizzazioni di runtime per uno qualsiasi dei protocolli di connettività sottostanti utilizzati (come BLUETOOTH_CONNECT , BLUETOOTH_SCAN , ACCESS_FINE_LOCATION e così via) e l’utente può consentire alle app di connettersi solo ai dispositivi selezionati.

Da dove iniziare per Android “cross-device”

Se siete uno sviluppatore di Android oppure vi interessa approfondire l’argomento di Android “cross-device”, consigliamo di consultare la guida di Google per iniziare e provare l’anteprima per i developer dell’SDK dedicata al sistema operativo di Big G. L’azienda consiglia di controllare la app di esempio Rock Paper Scissor (Kotlin e Java ) su GitHub per una dimostrazione su come lavorare con le varie API e di consultare la sessione di sviluppo multi-dispositivo che si è tenuta a Google I/O ’22 per una panoramica generale dell’SDK.