PURO
PURO

TIM vende asset per 1 miliardo di euro per tagliare i debiti

TIM potrebbe vendere asset per un valore di circa 1 miliardo di euro nel tentativo di ridurre ulteriormente il proprio debito e potenzialmente remunerare gli investitori, hanno detto fonti a conoscenza della questione. L’operatore telefonico potrebbe cedere la sua quota rimanente nell’operatore di telefonia mobile Inwit SpA, valutata circa 300 milioni di euro, secondo le fonti interpellate da Bloomberg. Tale cessione si aggiungerebbe alla prevista vendita dell’unità di connettività sottomarina Sparkle, pari a un ammontare compreso tra 600 e 800 milioni di euro. Un accordo per la holding Inwit non è imminente e potrebbe concretizzarsi già nel 2026, dicono le fonti. I portavoce di Telecom Italia non hanno voluto commentare.

Le azioni di TIM sono crollate all’inizio di questo mese quando gli investitori hanno espresso preoccupazione per una previsione di debito superiore al previsto per la fine del 2024. La società ha affermato che sarà in grado di rispettare le sue linee guida pluriennali anche se il suo debito aumenterà quest’anno a seguito della chiusura di un accordo storico per la vendita della sua rete fissa: Netco sarà ceduta al consorzio capitanato da KKR in una mossa elaborata dal monopolio di una volta nel tentativo di riportare il debito sotto controllo.

La nuova cessione aiuterebbe il gestore telefonico a raccogliere liquidità, che potrebbe poi essere utilizzata per ridurre ulteriormente il debito o per remunerare gli azionisti. La vendita dell’infrastruttura di rete di TIM alla statunitense KKR è stata siglata alla fine dello scorso anno, segnando la prima volta che un operatore telefonico europeo ha deciso di vendere la propria rete fissa. KKR la scorsa settimana ha confermato che l’accordo si concluderà in estate.

“Telecom Italia dovrebbe tornare a generare liquidità a livello di gruppo, così come nel mercato nazionale italiano, grazie al nostro nuovo piano industriale triennale”, ha dichiarato l’amministratore delegato Pietro Labriola al quotidiano Corriere della Sera in un’intervista nel fine settimana. L’eventuale vendita di Sparkle aiuterà anche ad accelerare i piani per eventualmente remunerare gli azionisti, ha affermato l’amministratore delegato.

PURO
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
MYSTERY BOX
SUBSONIC