NIKON
TOPPS

Tempesta geomagnetica colpisce la Terra: disagi per Gps e cellulari

Lo Space Weather Prediction Center (SWPC) del National Weather Service ha emesso un raro allarme di tempesta geomagnetica “grave” che si sta abbattendo sulla Terra e che produrrà disagi in molti segnali radio (Gps, reti cellulari e molto altro). Questo ente ha messo in allarme gli Stati Uniti. Ma anche il servizio meteorologico del Met Office ha emesso un avviso simile per il Regno Unito. Ovunque nel mondo sono preoccupati per le espulsioni di massa coronale (CME), esplosioni di plasma e particelle magnetizzate provenienti dal Sole, che potrebbero potenzialmente avere un impatto sulle infrastrutture critiche, tra cui la rete elettrica, i cavi Internet e i satelliti. Questa è la prima volta dal 2005 che l’SWPC emette un avviso per una tempesta classificata come G4 , che è la seconda valutazione più alta della scala. Gli operatori delle infrastrutture critiche sono stati avvisati in modo che possano prendere precauzioni.

Nel peggiore dei casi, tutte quelle particelle cariche sparate verso la Terra potrebbero portare a interruzioni di corrente e interrompere i servizi, compreso il GPS, che si basano sui satelliti. Se gli operatori di rete e satellitari riuscissero a rafforzare le loro infrastrutture in anticipo, e se la tempesta non diventasse ancora più estrema del previsto , le persone potrebbero non notare nulla di ciò che sta succedendo, fatta eccezione per le luci dell’aurora che potrebbero diventare più visibili. È troppo presto per prevedere l’impatto, ma l’allarme tempesta indica che è una buona idea prepararsi.

tempesta elettromagnetica terra igizmo copia

È possibile confrontare questa allerta per tempeste geomagnetiche con avvisi simili emessi per tornado o uragani. Uno strumento apposito indica che sono probabili le condizioni per un evento grave . Se diventa un avvertimento, significa che l’agenzia è abbastanza certa che stiamo per essere colpiti. Anche se l’evento sta già effettivamente facendo sentire i suoi effetti, i tempi sono ancora in sospeso. Il picco della tempesta potrebbe già essersi verificato oppure potrebbe ancora avere effetti e strascichi per tutto il weekend a seconda delle zone del mondo. L’agenzia prevede solo 20-45 minuti di tempo prima di emettere un avviso. Non conosceranno il livello di gravità finché le CME non saranno a oltre 1,6 milioni di km dalla Terra (il Sole è a circa 150 milioni di km dalla Terra).

Una volta raggiunta la Terra, le tempeste elettromagnetiche interagiscono con il campo magnetico del nostro pianeta. Ciò può indurre improvvisamente una corrente elettrica nelle linee elettriche, nei binari ferroviari, nelle condutture e praticamente in qualsiasi pezzo lungo di infrastruttura in grado di condurre elettricità.

L’ultima volta che una tempesta come questa ha rappresentato un grosso problema è stato il famigerato evento Carrington del 1859, quando una tempesta geomagnetica G5 mandò fuori uso le macchine telegrafiche di tutto il mondo. Ovviamente, ci sono molte più tecnologie su cui facciamo affidamento oggi che potrebbero diventare vulnerabili. I blackout non colpirebbero solo le case e le imprese; potrebbero anche interrompere l’alimentazione alla rete di cavi in ​​fibra ottica sottomarini che sostengono Internet. Fortunatamente, afferma SWPC, dovrebbe esserci sufficiente ridondanza in questi sistemi per evitare grossi problemi. Ma tutto questo è ancora un territorio inesplorato.

“Non penso che abbiamo ancora alcuna esperienza in tempo reale con una tempesta [geomagnetica] significativa e cavi in ​​fibra ottica sotto il mare”, ha detto in un briefing Rob Steenburgh, uno scienziato spaziale dell’SWPC. “Ci sarebbero degli impatti, ma non dovrebbero essere al livello che li disabiliterebbe”. Ci sono anche cambiamenti nell’atmosfera terrestre che potrebbero comportare rischi per i satelliti. La ionosfera, uno strato superiore dell’atmosfera, diventa più densa, creando più resistenza per i satelliti nell’orbita terrestre inferiore.

Nel 2022, una tempesta geomagnetica potrebbe aver portato alla scomparsa di ben 40 satelliti Starlink che non riuscivano a raggiungere la loro orbita corretta. I cambiamenti nella ionosfera influenzano anche le comunicazioni radio ad alta frequenza e il GPS, potenzialmente interrompendo i segnali tra i satelliti GPS e i ricevitori sulla Terra. Il lato positivo è che più persone potrebbero vedere le luci del nord e del sud questo fine settimana poiché le aurore sono il risultato di particelle provenienti da tempeste solari che interagiscono con l’atmosfera terrestre. Nel 1859, l’aurora boreale si estendeva fino all’America centrale. Questa volta, la aurore boreali sono state viste anche in molte Regioni dell’Italia.

TOPPS
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC