NIKON
TOPPS

Sam Altman: dal reintegro in OpenAI alle pressioni di Microsoft. Cosa sappiamo finora

Venerdì OpenAI ha sbalordito tutti, dipendenti, investitori e gran parte della Silicon Valley, spodestando l’amministratore delegato Sam Altman, che più di ogni altra figura era emerso come il volto dell’intelligenza artificiale in seguito al successo virale del chatbot della sua azienda, ChatGPT. Quasi istantaneamente, la startup di intelligenza artificiale più famosa al mondo, che era in trattative per vendere azioni dei dipendenti agli investitori per una valutazione di 86 miliardi di dollari, si è ritrovato nello scompiglio e gettata nella mischia mediatica. Ma non solo. Diverse persone, tra cui il presidente di OpenAI Greg Brockman, si sono dimesse, il consiglio sta affrontando la pressione degli investitori per reintegrare Altman e c’è la possibilità che il consiglio stesso si dimetta nei prossimi giorni. Ecco un riassunto d tutti gli scenari che sono emersi nelle ultime 48 ore.

1. Altman si è scontrato con il consiglio su sicurezza e ambizioni

La decisione di OpenAI di licenziare Altman ha fatto seguito ad ampi disaccordi tra l’amministratore delegato e il suo consiglio di amministrazione, secondo una persona a conoscenza della questione. I dibattiti includevano divergenze di opinione sulla sicurezza dell’intelligenza artificiale, sulla velocità di sviluppo della tecnologia e sulla commercializzazione dell’azienda. Anche le ambizioni di Altman potrebbero aver avuto un ruolo. Altman ha cercato di raccogliere decine di miliardi di dollari dai fondi sovrani del Medio Oriente per creare una startup di chip di intelligenza artificiale, secondo una persona a conoscenza della proposta di investimento. Altman stava anche corteggiando il presidente di SoftBank Group Masayoshi Son per un investimento multimiliardario in una nuova società al fine di realizzare hardware orientato all’intelligenza artificiale in collaborazione con l’ex designer Apple Jony Ive. Il consiglio potrebbe essere stato scoraggiato dal fatto che Altman abbia raccolto fondi tramite il nome di OpenAI e che queste nuove società non condividano lo stesso modello di governance di OpenAI.

2. Il capo scienziato di OpenAI ha fatto appello al consiglio

Ilya Sutskever, cofondatore di OpenAI e capo scienziato dell’azienda, ha detto ad Altman che era fuori e si pensa che questa figura sia al centro dello scontro del consiglio con l’ex ceo. Un mese fa, le responsabilità di Sutskever presso l’azienda sono state ridotte, riflettendo l’attrito tra lui e Altman e Brockman. In seguito Sutskever fece appello al consiglio, conquistando alcuni membri, tra cui Helen Toner, direttrice della strategia presso il Centro per la sicurezza e le tecnologie emergenti di Georgetown.

3. Altman colto di sorpresa in una chat di Google Meet

Altman è stato colto di sorpresa dalla mossa del CdA. In una dichiarazione congiunta pubblicata su X, precedentemente noto come Twitter, Brockman e Altman hanno affermato che Sutskever ha inviato un messaggio all’amministratore delegato giovedì sera chiedendo di chattare a mezzogiorno del giorno successivo. “Sam si è unito a un Google Meet e l’intero consiglio, tranne Greg, era presente”, si legge nel post. “Ilya ha detto a Sam che sarebbe stato licenziato e che la notizia sarebbe stata diffusa molto presto.” Poco dopo, a Brockman fu detto che sarebbe stato rimosso dalla sua posizione di presidente del consiglio, ma avrebbe mantenuto il suo ruolo di presidente.

4. Microsoft colta di sorpresa e ribadisce il sostegno ad Altman

Nonostante sia di gran lunga il più grande investitore di OpenAI, Microsoft è stata informata solo con pochi minuti di anticipo del licenziamento di Altman. Il ceo di Microsoft Satya Nadella è stato colto di sorpresa dalla decisione del consiglio ed è stato in contatto con Altman, impegnandosi a sostenerlo in qualunque passo intraprenderà. Il colosso della tecnologia ha scommesso miliardi su OpenAI e ha utilizzato la sua partnership con la startup per aggiungere funzionalità di intelligenza artificiale a molti dei suoi prodotti software più noti e apparentemente superare rivali come Google nella corsa agli armamenti di intelligenza artificiale. In una dichiarazione pubblica, Nadella ha cercato di alleviare ogni preoccupazione che la partenza di Altman potesse danneggiare i piani di intelligenza artificiale a lungo termine della sua azienda. “Abbiamo un accordo a lungo termine con OpenAI con pieno accesso a tutto ciò di cui abbiamo bisogno per realizzare la nostra agenda di innovazione e un’entusiasmante roadmap di prodotto; e rimaniamo impegnati nella nostra partnership”, ha scritto in un post sul blog.

5. La vendita delle azioni dei dipendenti e l’impatto su OpenAI

Solo poche settimane fa, i dipendenti di OpenAI erano sul punto di poter vendere le proprie azioni per l’incredibile valutazione di 86 miliardi di dollari. Ma nelle ore successive alla partenza di Altman, centinaia di milioni di dollari di scambi di azioni OpenAI strettamente detenute sul mercato secondario sono finite nel limbo, secondo persone a conoscenza della questione. Alcune transazioni sono sospese e altre sono state cancellate definitivamente. Thrive, che avrebbe dovuto condurre un’offerta pubblica di acquisto per le azioni dei dipendenti, non ha ancora versato il denaro e ha chiarito al consiglio di amministrazione di OpenAI che la partenza di Altman influenzerà la decisione.

6. Consiglio sotto pressione per reintegrare Altman

Gli investitori di OpenAI stanno ora facendo pressioni sul consiglio di amministrazione della società affinché inverta la decisione di licenziare Altman, secondo persone a conoscenza della questione. Altman è disponibile a tornare in azienda, ha detto una delle persone. In questo possibile scenario, i membri dell’attuale consiglio di amministrazione di OpenAI potrebbero anche dimettersi. Se Altman non ritorna, altri dipendenti potrebbero abbandonare l’azienda, unendosi all’ex ceo in qualunque progetto lancerà successivamente, mettendo ulteriormente a repentaglio la posizione di OpenAI come leader nel mercato dell’intelligenza artificiale. Nel loro post congiunto di venerdì, Brockman e Altman hanno affermato: “Grandi cose arriveranno presto”.

TOPPS
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC