black friday igizmo luca figini
PALADONE

QBerg ha analizzato le offerte del Black Friday 2022 concentrandosi sulla comparazione di tutti e solo i prodotti che erano già presenti nei giorni antecedenti al Black Friday 2021 e che ritroviamo sugli scaffali virtuali dei siti di e-commerce anche prima del 25 novembre 2022. Insomma, la comparazione è su tre fronti: i prezzi prima e dopo il Black Friday 2022 e quelli raffrontati con l’anno scorso.

Che prezzo troverebbe un consumatore a cui fosse sfuggito un prodotto durante il Black Friday 2021 e tentasse di acquistarlo durante lo stesso evento nel 2022?

Sono stati analizzati oltre 77.000 prodotti, in 25 categorie: prodotti che abbiamo rilevato sia l’anno scorso che quest’anno nei giorni antecedenti il Black Friday.

Sulle 25 categorie analizzate solo 6 presentano una diminuzione o parità di prezzo, mentre le restanti 19 salgono tutte. E i divari di prezzo sono molto più accentuati: sono ben 10 infatti le Categorie che vedono un aumento superiore al 10%.

Il grafico seguente riporta una situazione ancor più netta per ciò che riguarda gli aumenti: scendendo infatti a livello di Famiglia, sono bel 70 quelle che crescono, contro le 17 che diminuiscono o restano invariate. In particolare, nella Top ten degli aumenti ci sono Stampanti e Multifunzione (con un +32% e +28% rispettivamente): presente anche il Built-In (con Lavatrici a +22% e Frigo a +17) e tanto Ped (Rasoi uomo, Forni MW e Ferri da stiro). A diminuire sono invece gli Auricolari e Cuffie (con un netto -46%). Ritroviamo anche l’IT, con Hard Disk, Webcam e Notebook.

Conclude QBerg: “La gestione un po’ annacquata dello switch-off al DVBT-2, unitamente alla ‘buca’ dei Mondiali di Calcio fanno sì che troviamo nella Top ten delle diminuzioni di prezzo anche i TV Flat, come già evidenziato in un nostro studio dedicato sul tema”.