intel italia veneto igizmo
Nintendo

Il governo uscente di Mario Draghi e Intel hanno scelto la cittadina di Vigasio nel Veneto nord-orientale come sito ideale per la nuova fabbrica di chip multimiliardaria in Italia, hanno riferito a Reuters due persone che conoscono la materia. L’investimento di Intel in Italia fa parte di un più ampio piano annunciato dal produttore di chip statunitense lo scorso marzo di investire fino a 80 miliardi di euro nel prossimo decennio per la creazione di capacità produttiva in tutta Europa.

Con un investimento iniziale di circa 4,5 miliardi di euro che dovrebbe aumentare nel tempo, Intel ha affermato che lo stabilimento italiano creerà 1.500 posti di lavoro più altri 3.500 tra fornitori e partner, con attività che inizieranno tra il 2025 e il 2027.

La fabbrica italiana sarà un avanzato impianto di realizzazione e assemblaggio di semiconduttori, che utilizza nuove tecnologie per lastre costruite anche ricorrendo a parti di scarto di altre lavorazioni.

Chiedendo di non essere nominate per la delicatezza della questione, le fonti hanno affermato che le parti avevano dettagliato un accordo globale all’inizio di settembre, ma nessun annuncio pubblico sarebbe stato fatto prima dell’esito delle elezioni politiche.

Un portavoce di Intel non ha commentato poiché i negoziati sono in corso e riservati. Anche l’ufficio di Draghi ha rifiutato di commentare. Situata vicino a Verona, sulla strategica autostrada e ferrovia del Brennero, Vigasio è l’opzione preferita da una rosa di due siti che comprende anche uno nel Piemonte nord-occidentale.

Tra l’altro, il sito è ben collegato con la Germania e in particolare con la città di Magdeburgo, dove Intel realizzerà due stabilimenti, aggiunge una delle fonti.

Intel e governo italiano avevano inizialmente preso in considerazione anche siti nelle regioni Lombardia, Puglia e Sicilia. Gli stretti collaboratori di Draghi mirano ad avviare i negoziati dietro le quinte con i loro probabili successori per evitare qualsiasi rischio che l’accordo possa essere contestato dal nuovo governo italiano, hanno spiegato le fonti, aggiungendo che la scelta del sito è politicamente molto delicata.

Le fonti hanno rifiutato di fornire ulteriori dettagli, ma Reuters ha precedentemente riferito che Roma è pronta a finanziare fino al 40% dell’investimento totale di Intel in Italia. Il contributo statale al programma di investimento di Intel è qualcosa che deve essere necessariamente condiviso con il prossimo governo prima che qualsiasi accordo venga finalmente formalizzato, per questo Draghi potrebbe lasciare che il prossimo governo faccia l’annuncio.

Per aumentare la produzione di chip, Roma è anche in trattative con STMicroelectronics franco-italiana, i produttori di chip taiwanesi MEMC Electronic Materials Inc e TSMC e Israeli Tower Semiconductor, che Intel ha acquistato all’inizio di quest’anno.