Samsung pc

Deloitte ha presentato il rapporto Technology, Media & Telecommunications (TMT) Predictions 2022, che identifica le tendenze globali del settore che avranno impatto su aziende e consumatori nel prossimo anno. Il rapporto esplora i trend principali che attualmente influiscono sui cambiamenti economici e sociali scaturiti dalla pandemia globale.

Spiega Francesca Tagliapietra, Deloitte Italia Technology, Media & Telecommunications Industry leader: “La crisi pandemica continua a catalizzare l’adozione di nuove tecnologie e di connettività attraverso il digitale. L’enorme e crescente domanda di chip – che in Europa ha generato importanti movimenti per localizzare la produzione e diminuire la dipendenza dalle importazioni – è destinata ad espandersi con la diffusione di dispositivi smart e interconnessi. Lo stesso vale per la connettività, che può solo aumentare con tecnologie come il Wi-Fi 6 e il 5G, rafforzando così la rapida trasformazione digitale a cui stanno assistendo tutti i settori e le imprese del nostro paese e non”.

Riportiamo di seguito alcuni dei temi su cui si focalizza il report TMT Predictions 2022, con le principali previsioni elaborate da Deloitte Global. 

Wi-Fi6 e 5G

Nei prossimi anni, Deloitte prevede che la tecnologia Fixed Wireless Access continuerà a diffondersi: il numero delle connessioni FWA crescerà da circa 60 milioni nel 2020 a quasi 88 milioni nel 2022. Lo sviluppo principale è legato alla componente 5G, che è attesa crescere nel periodo 2020-2026 con un CAGR dell’88%.

L’infrastruttura di rete del 5G, con la sua maggiore efficienza di spettro, aumenta gli economics, la fattibilità tecnica del deployment del FWA e, di conseguenza, le opportunità di ricavi. In Italia, gli operatori di rete hanno già dichiarato di voler utilizzare il 5G FWA insieme alla fibra per migliorare e sostituire le attuali connessioni DSL, riducendo i costi grazie allo smantellamento delle tradizionali reti in rame.

In ambito Telco, anche la nuova generazione di WiFi (WiFi6) sta raccogliendo grande attenzione: le vendite di smart device con connettività WiFi6 continuano a superare ampiamente quelle dei dispositivi 5G, trend che è previsto proseguire anche nei prossimi anni. Il WiFi6 non è infatti una tecnologia marginale rispetto al 5G; al contrario, 5G e WiFi6 vengono per lo più sviluppati contemporaneamente dagli operatori di rete: secondo una rilevazione di Deloitte, su 437 ruoli executive all’interno di Telco in nove paesi, quasi un’azienda su 2 sta investendo simultaneamente nel 5G e nel WiFi6, all’interno dei loro piani per lo sviluppo di reti avanzate.

L’intelligenza artificiale motore del 2022

Nel 2022 Deloitte prevede che il dibattito sulla regolamentazione nell’ambito delle applicazioni di artificial intelligence, incluso il machine learning, il deep learning e le reti neurali, sarà più sistematico. Si andranno inoltre a concretizzare diverse proposte in questo senso, che d’altra parte difficilmente verranno attuate prima del 2023. Tra le possibili proposte, alcuni paesi potrebbero arrivare all’estremo di bloccare alcuni specifici sottoinsiemi dell’AI, come ad esempio il riconoscimento facciale o il social scoring.

La crescita e la diffusione dell’AI e del machine learning portano ad ulteriori considerazioni in merito alla necessità di incrementare la sicurezza in queste applicazioni. In questo senso, Deloitte prevede per il prossimo anno lo sviluppo a livello globale della crittografia omomorfica e dell’apprendimento federato: nel 2022 è attesa una crescita a doppia cifra per i due mercati combinati, arrivando a valere già 250 milioni di dollari; entro il 2025, Deloitte si aspetta che questo valore raggiungerà i 500 milioni di dollari.

Quantum Computing: una promessa ma poco concreta nel 2022

Deloitte prevede che nel 2022 le aziende che stanno producendo quantum computer raddoppieranno il numero e l’affidabilità dei qubit disponibili per la computazione. Inoltre, nel 2021 i venture capitalist hanno già investito oltre 1 miliardo di dollari in questo ambito e un’azienda ha avuto una valutazione multimiliardaria sul mercato.

Nonostante questa crescita attesa, Deloitte prevede che per il prossimo anno poche aziende a livello globale utilizzeranno il Quantum Computing come parte delle proprie attività day-by-day, e solo per un numero limitato di use case nell’ambito dei problemi di ottimizzazione: i ricavi in termini di hardware, software e servizi di Quantum Computing potrebbero così raggiungere un valore inferiore ai 500 milioni di dollari.

50 anni di gaming, data astrale 2022

Sempre nel 2022, l’ecosistema delle console di videogiochi festeggerà i suoi primi 50 anni: per questo anniversario Deloitte prevede che questo mercato genererà 81 miliardi di dollari, con un incremento del 10% rispetto al 2021. Inoltre, per quanto riguarda i ricavi per giocatori su console, questi sono attesi arrivare ad un valore medio di 92 dollari per persona, ben al di sopra di quanto previsto per i giocatori su PC (23 dollari) e su mobile (50 dollari).

Migliore focalizzazione sull’audience

Per il 2022 Deloitte stima che, a livello mondiale, la spesa in pubblicità televisiva in grado di targhettizzare l’audience (sulla scia di quanto accade online e sui social media) raggiungerà i 7,5 miliardi di dollari. Benché la crescita registrata negli ultimi anni per questo tipo di pubblicità sia particolarmente significativa, resta ben al di sotto dei valori complessivi del mercato tradizionale della pubblicità televisiva, che è stimato per il 2022 pari a 153 miliardi di dollari. Questo nuovo modello di pubblicità in TV fronteggia ancora delle barriere dovute all’assenza di un sistema di misurazione dei risultati degli spot televisivi sui diversi device e servizi.