pixel 6
ims22

Hanno attraversato l’Oceano, valicato le Alpi e finalmente i Pixel 6 e Pixel 6 Pro sono in vendita anche in Italia a partire da 649 euro. Google ha fatto attendere un po’ gli italiani (e anche gli spagnoli, per la verità, dato che i device sbarcano anche nella penisola iberica) ma alla fine qualche mese dopo il debutto negli Stati Uniti (estate 2021) e in alcuni Paesi europei i nuovi smartphone “di riferimento” sono pronti per incrociare le reti mobili italiane, anche in 5G. La società di Mountain View ci tiene a sottolineare che, rispetto ai precedenti Pixel, i nuovi 6 e 6 Pro sono stati “completamente riprogettati” ma anche che nel nostro Paese sono “disponibili da oggi in quantità limitata”. In più, lo precisiamo subito: i Pixel 6 e 6 Pro sono acquistabili solo ed esclusivamente online sul Google Store.

Li abbiamo testati in anteprima per qualche giorno e qui di seguito trovate il video del nostro unboxing e delle prime impressioni. Le novità profuse da Google nei nuovi Pixel sono tante, abbastanza per convincerci a scrivere che Big G crea un momento di spaccatura rispetto ai precedenti Pixel, forse meno coraggiosi. I Pixel 6 incarnano il coraggio e la tensione innovativa impressa nei Nexus, sommandolo alle tre caratteristiche che piacevano dei precedenti Pixel: reparto fotografico, Android allo stato puro e eccellente ottimizzazione del sistema operativo. Il tutto condito da un ulteriore debutto per Google, ancora più cruciale e che in modo plastico sintetizza l’investimento evolutivo e tecnologico: il processore Tensor. Questo SoC è stato progettato e sviluppato ad hoc da Google per intonarsi e sfruttare al massimo il sistema operativo Android 12. Tensor è una piattaforma di fascia flagship, come testimonia la sua architettura:

2 core Cortex-X1 @2,8 GHz (high-performance)
2 core Cortex-A76 @ 2,25 GHz (mid-core)
4 core Cortex-A55 @ 1,8 GHz (efficiency-core)
Gpu Mali-G78 MP20 a 20 core
Context Hub (ultra low power engine) per la gestione di processi “leggeri” e in background, come Now Playing o l’Always-On-Display mantenendo basso il consumo della batteria sfruttando il machine learning
Tensor Security Core, il sottosistema di sicurezza che opera in simbiosi con il chip di sicurezza Titan M2.

Dunque la nuova gamma Pixel è basata su Google Tensor, costruito con geometria a 5 nm, e che l’azienda spiega essere “appositamente progettato per adattarsi all’AI” al fine di “usare funzionalità completamente nuove sullo smartphone”.

Sempre Google indica una bussola per scegliere al meglio il modello ideale: “Pixel 6 è un telefono eccezionale sotto ogni aspetto e il prezzo parte da soli 649 euro. Se volete usufruire di tutte le funzionalità avanzate in un telefono dalle finiture di alto livello, Pixel 6 Pro è la scelta giusta per voi, a partire da 899 euro”.

tensor

Google Pixel 6: “design distintivo”

Google non ha dubbi: “Pixel ha un design nuovo e audace, con un look omogeneo che armonizza il software interno e l’hardware esterno”. Il primo elemento che salta all’occhio è la barra posteriore che ingloba le ottiche del reparto fotografico, che conferisce al telefono un aspetto lineare e simmetrico e mette in risalto gli obiettivi che, come da tradizione, sono un aspetto fondamentale per Big G.

Pixel 6 “ha una grafica particolare e un look vibrante”. Secondo l’azienda lo smartphone è “ispirato dalle finiture tipiche dei gioielli e degli orologi di lusso”. Pixel 6 Pro è stato realizzato con un corpo monoscocca in metallo lucido che si fonde con il vetro curvo di tipo Corning Gorilla Glass Victus a protezione del display Amoled Ltpo a 120 Hz.

A proposito di colori, Android 12 introduce nel sistema operativo un’idea progettuale completamente nuova grazie a Material You. E che si esalta in modo particolare sui nuovi smartphone e in virtù degli stilemi minimal degli stessi.

Android 12 su Pixel 6

Android 12 è la più recente release del sistema operativo di Google e assicura le più recenti funzioni disponibili, scelte per fare in modo che lo smartphone possa essere realmente personalizzato. Si adatta all’utente sia a livello estetico, con eleganti e sofisticate nuance per sfondi, colori dominanti e icone, sia perché la piattaforma “impara” le preferenze dell’utente e con il passare del tempo si abitua a fornire suggerimenti e notifiche in linea con i gusti della persona. In più, continua a evolvere nel funzionamento in base alle app e alle funzioni che si usano di più.

E ancora: quando si lo sfondo della schermata home, l’intera UI si aggiorna per riflettere la scelta. Il Riepilogo delle informazioni personali, che appare sulla Home e sulla schermata di blocco, ha un nuovo look e offre nuove funzionalità. In questo elenco sono proposti contenuti utili, al momento giusto, per esempio la carta d’imbarco il giorno del volo o le statistiche del piano di allenamento.

Android 12 sui Pixel 6 vanta una superiore cifra di sicurezza in virtù della presenza del processore dedicato Titan M2. È il chip di nuova generazione che interagisce con la sicurezza di Tensor per proteggere i dati utente sensibili, i PIN e le password. Google ha anche esteso il periodo di assistenza ad almeno cinque anni di aggiornamenti di sicurezza per mantenere i Pixel 6 sempre in linea con le patch di sicurezza e di miglioramento funzionale.

Le nuove fotocamere: sul Pixel 6 Pro c’è anche lo zoom ottico

Pixel 6 e Pixel 6 Pro incorporano le fotocamere più avanzate che Google ha finora proposto sui propri smartphone. L’intera esperienza fotografica è stata migliorata, sia nell’hardware sia nell’approccio della fotografia computazionale in salsa Pixel.

Sia Pixel 6 sia Pixel 6 Pro hanno un nuovo sensore principale da 50 Mpixel (1/1,3 pollici). Questo sensore principale è capace di cattura fino al 150% di luce in più rispetto alla fotocamera principale di Pixel 5, per foto e video ancora più dettagliati e dai colori più intensi. Inoltre, entrambi i modelli hanno obiettivi ultrawide completamente nuovi con sensori più grandi, che permettono di ottenere foto eccezionali anche allargando l’inquadratura.

Pixel 6 Pro ha anche un il teleobiettivo con zoom ottico 4x e fino a 20x con una versione migliorata dello Zoom ad alta definizione di Pixel. È presente anche una fotocamera anteriore (da 8 Mpixel sul 6 e da 11,1 Mpixel sul 6 Pro) ultra wide aggiornata che registra video in 4K. Il sensore selfie è compatibile con la funzione per selfie ultra wide di Snapchat. In più, per l’accesso istantaneo a Snapchat, la nuova funzionalità Tocco rapido per Snap sarà disponibile esclusivamente su Pixel 6 e Pixel 6 Pro entro quest’anno.

Riassumendo, le fotocamere dei due smartphone sono così configurate:

Google Pixel 6 Pro

principale: 50 MP, f/1.9, 25mm (wide), 1/1.31″, 1.2µm, Dual Pixel PDAF, Laser AF, OIS
tele obiettivo. 48 MP, f/3.5, 104mm (telephoto), 1/2″, 0.8µm, PDAF, OIS, 4x optical zoom
ultra grandangolare: 12 MP, f/2.2, 17mm, 114˚ (ultrawide), 1.25µm
selfie: 1.1 MP, f/2.2, 20mm (ultrawide), 1.22µm

Google Pixel 6

principale: 50 MP, f/1.9, 25mm (wide), 1/1.31″, 1.2µm, Dual Pixel PDAF, Laser AF, OIS
ultra grandangolare: 12 MP, f/2.2, 17mm, 114˚ (ultrawide), 1.25µm
selfie: 8 MP, f/2.0, 24mm (wide), 1.12µm

Non solo ottiche ma anche funzioni fotografiche

Se la sezione fotografica dei nuovi Pixel 6 è stata strutturata per ribadire la capacità di Google di sfruttare al massimo le risorse della computational photography, a livello software le novità sono altrettanto promettenti. Come per esempio la funzione Gomma magica, che permette di cancellare gli elementi di disturbo dalle foto. Con pochi tocchi in Google Foto è possibile cancellare persone estranee e oggetti indesiderati.

La modalità Movimento offre opzioni come il Panning e l’Esposizione lunga, che introducono più azione negli scatti. È possibile utilizzare il Panning per scattare foto dei figli mentre guidano lo scooter o eseguono incredibili acrobazie con lo skateboard su un elegante sfondo sfocato. Oppure è possibile scattare bellissime foto a lunga esposizione dove il soggetto è in movimento, per esempio cascate o scene cittadine movimentate. 

Un altro progresso significativo nella fotografia offerta dal combinato disposto di Pixel 6 e Google Foto è rappresentato da Real Tone. Spiega Google: “Ormai da decenni, le fotocamere vengono progettate per fotografare la pelle chiara, un pregiudizio che si è insinuato in molti dei nostri moderni prodotti e algoritmi di imaging digitale. I nostri team hanno lavorato direttamente con fotografi, operatori cinematografici e coloristi diventati famosi per le loro splendide e accurate immagini di comunità di colore. Abbiamo chiesto a questi professionisti di testare le nostre fotocamere e i nostri strumenti di editing e di fornire un feedback onesto, contribuendo così a rendere più fedeli alla realtà sia le fotocamere stesse sia le funzionalità di correzione automatica”.

Funzionalità smart e riconoscimento vocale, immancabili sui Pixel 6

In Pixel 6 e Pixel 6 Pro sono anche stati migliorati il riconoscimento vocale e i modelli di comprensione della lingua, in modo da rendere più facili le attività quotidiane. Ad esempio, si può usare la voce per digitare, modificare e inviare rapidamente i messaggi con Digitazione vocale dell’assistente in Messaggi, Gmail e altre app. È sufficiente affidarsi all’Assistente Google per aggiungere la punteggiatura, fare correzioni, inserire emoji e inviare messaggi.

La geniale funzione Traduzione dal vivo vi permette di scambiare messaggi con le persone in diverse lingue, tra cui l’inglese, il francese, il tedesco, l’italiano e il giapponese. Questa funzionalità rileva se un messaggio presente nelle app di chat, come WhatsApp o Snapchat, è scritto in una lingua diversa dal quella predefinita: in caso affermativo, offre la traduzione istantanea.

Queste attività di rilevamento ed elaborazione avvengono interamente sul dispositivo all’interno del Private Compute Core e sono eseguite anche senza connettività di rete, così i dati rimangono privati e non escono mai dal Pixel 6. Con il supporto per la modalità Interprete è anche possibile tradurre a turno ciò che viene detto in 48 lingue. Basta attivare l’Assistente e pronunciare il comando “Fammi da interprete”.

Abilitando i comandi rapidi, quando arriva una chiamata basterà dire “accetta” o “rifiuta” senza dover aggiungere ogni volta “Hey Google”. Potete anche usare i comandi “interrompi” e “posticipa” con sveglie e timer.

Google Pixel 6 e 6 Pro: prezzi

Pixel 6 è proposto a 649 euro e Pixel 6 Pro a 899 euro, entrambi disponibili solo sul Google Store nelle versioni nero tempesta e con 128 GB di storage, fino a esaurimento scorte. Google ha anche varato una nuova collezione di custodie appositamente progettate per i Pixel 6.

Pixel 6 e Pixel 6 Pro in 10 caratteristiche chiave

1) Pixel 6, il telefono che si adatta alle vostre esigenze.Pixel 6 è completamente reinventato, dentro e fuori, e grazie a Google Tensor, il primo processore progettato da Google, è veloce, smart e sicuro. La batteria che dura tutto il giorno si adatta alle vostre esigenze. La fotocamera Pixel cattura ogni momento esattamente come lo avete vissuto. L’app Emergenze personali e il nuovo chip Titan M2 aiutano a proteggere voi, i vostri dati e la vostra privacy. Pixel 6 è tanto bello quanto resistente. Grazie al grado di protezione IP68, resiste a piccole quantità di acqua e polvere. Il Display fluido da 6,4 pollici è realizzato con Corning Gorilla Glass Victus, il vetro Gorilla Glass più robusto di tutti, con una resistenza ai graffi doppia rispetto ai telefoni Pixel precedenti. Pixel 6 è disponibile nel colore Nero Tempesta e il prezzo parte da soli 649 euro.
2) Vi presentiamo Pixel 6 Pro: tutto il meglio di Google, per voi.  Vi presentiamo Pixel 6 Pro, il telefono Google completamente riprogettato e ricco di funzionalità. Il nuovissimo sistema a tripla fotocamera posteriore include un teleobiettivo di livello professionale con zoom ottico 4x. Il sensore principale cattura il 150% di luce in più, per foto più definite dai colori più vividi. Il Display fluido da 6,7 pollici di Pixel 6 Pro con tecnologia LTPO può adattare la frequenza di aggiornamento in modo intelligente fino a 120 Hz per migliorare rapidità e reattività o ridurla fino a 10 Hz per risparmiare la batteria. Pixel 6 Pro è un prodotto unico, disponibile in Italia nel colore Nero Tempesta. Disponibile a partire da 899 euro , fissa un nuovo standard per i telefoni Pixel.
3) Con Google Tensor, il nuovo chip di Google.Google Tensor è il primo processore progettato da Google, creato appositamente per Pixel. Contribuisce a fare di Pixel 6 e Pixel 6 Pro i telefoni Pixel più veloci e più smart di sempre. Con prestazioni fino all’80% più rapide rispetto a Pixel 5, Pixel 6 è più veloce, le app si avviano più rapidamente e i giochi sono più reattivi. Tensor rende disponibile l’AI on-device avanzata di Google per funzionalità all’altezza di Google, come il riconoscimento vocale e l’elaborazione immagini, più veloci e più accurate. Inoltre, consuma meno energia per accompagnarvi tutto il giorno.
4) Il telefono tutto nuovo e inconfondibilmente Google.Una tecnologia di machine learning incredibilmente intelligente vi aiuta a fare cose che solo Google sa rendere possibili, come tradurre istantaneamente i messaggi e i video con Traduzione dal vivo. Grazie al processore di immagini personalizzato di Tensor, la nuovissima fotocamera Pixel è in grado di immortalare i momenti più divertenti e i cieli stellati esattamente come li ricordi. Inoltre, il core di sicurezza di Tensor aggiunge un ulteriore livello di protezione e funziona con il nuovo chip di sicurezza Titan M2 per rendere Pixel 6 e Pixel 6 Pro ancora più resilienti agli attacchi.
5) La fotocamera per smartphone più avanzata di sempre.  I vostri scatti rifletteranno in maniera fedele i momenti vissuti grazie alla fotocamera Pixel più avanzata di sempre su Pixel 6 e Pixel 6 Pro. Il sensore principale cattura il 150% di luce in più, il valore più alto mai raggiunto da un Pixel. Viso nitido vi aiuta a ritrarre con chiarezza i volti anche nelle condizioni più difficili. Con Gomma magica di Google Foto potete rimuovere in un attimo photobomber ed elementi di disturbo dalle foto. Trasformate gli scatti quotidiani in foto fantastiche con la modalità Movimento, immortalando l’azione al meglio e le esposizioni lunghe in maniera suggestiva. Con Real Tone, i ritratti su Pixel riproducono fedelmente tutti i soggetti e le tonalità della pelle in tutta la loro bellezza. Gli obiettivi di livello professionale di Pixel 6 Pro includono anche un teleobiettivo con zoom ottico 4x e una fotocamera anteriore ultrawide con campo visivo di 94° per eccezionali selfie di gruppo.
6) I telefoni Pixel più sicuri di sempre.Sul vostro telefono c’e gran parte della vostra vita: informazioni finanziarie, dati personali, foto e altro ancora. Per questo Pixel 6 e Pixel 6 Pro integrano un numero di livelli di sicurezza hardware maggiore di qualsiasi altro telefono, tra cui il nuovo processore e il chip di sicurezza Titan M2 di nuova generazione. Giorno dopo giorno Pixel vi protegge con 5 anni di aggiornamenti della sicurezza, il Pannello di sicurezza e la protezione da hacker e phishing nelle app di messaggistica. Inoltre, con Pixel siete voi ad avere il controllo della vostra privacy. Potete disattivare i microfoni e le fotocamere di Pixel e decidere quando le app possono utilizzarli. Pixel non protegge solo i vostri dati, protegge anche voi. Con l’app Emergenze personali, Pixel vi aiuta a raggiungere i contatti o i servizi di emergenza, se ne avete  bisogno.
7) Batteria adattiva che dura 24 ore e si ricarica rapidamente.  La batteria adattiva di Pixel che dura tutto il giorno vi offre tutto ciò di cui avete bisogno. Può durare più di 24 ore, anche con il 5G. Capisce quali sono le vostre app preferite e non spreca energia su quelle che non utilizzate  mai. Quando attivate  il risparmio energetico estremo, mantiene attive solo le vostre app essenziali e disattiva le altre per risparmiare ancora più energia ed estendere la durata della batteria fino a 48 ore. E con il caricatore 30 W USB-C compatibile (venduto separatamente), Pixel si ricarica in pochissimo tempo: fino al 50% in circa 30 minuti.
8) Arricchite l’esperienza Pixel con le nuove custodie e altri accessori.Scegliete tra gli accessori Google per Pixel 6 e Pixel 6 Pro o tra i prodotti di uno dei brand Made For Google, dove potete trovare più di 300 articoli. Le custodie per i nuovi Pixel 6 e Pixel 6 Pro proteggono il vostro telefono lasciando trasparire i suoi colori originali. Inoltre, potete scegliere i Google Pixel Buds A-Series, per un suono brillante e telefonate nitide, e per ricevere aiuto dall’Assistente Google utilizzando solo la voce.
9) Pixel non smette mai di migliorare.Più volte all’anno, Google migliora Pixel con aggiornamenti software che inviano nuove funzionalità al vostro telefono. Ogni rilascio di funzionalità permette di utilizzarlo in maniera sempre nuova e migliorata. Sarà come avere ogni volta un nuovo telefono.
10) Il meglio di Google a vostra disposizione.Pixel 6 include tre mesi di YouTube Premium e Google One senza costi aggiuntivi. Insieme equivalgono a un risparmio di quasi 14 euro  mensili e vi permettono di ottenere il massimo dal vostro nuovo Pixel.