NIKON
NIKON

Anche Gartner conferma: mercato pc in crisi nel 2023

Le spedizioni di PC in tutto il mondo hanno totalizzato 55,2 milioni di unità nel primo trimestre del 2023, in calo del 30% rispetto al primo trimestre del 2022, secondo i risultati preliminari di Gartner. L’istituto di ricerca dice: “La mancanza di motivazione all’acquisto ha portato al secondo trimestre consecutivo di declino storico anno su anno”.

Spiega Mikako Kitagawa, Director Analyst di Gartner: “Le pressioni sui prezzi dei PC si sono intensificate durante il trimestre poiché i brand hanno offerto sconti considerevoli per liberare l’inventario. Per stimolare la domanda, i brand hanno temporaneamente ridotto i prezzi medi di vendita (ASP) dei PC già presenti nei canali, ma gli ASP dei nuovi PC spediti nei canali sono rimasti elevati a causa dell’aumento dei costi della supply chain determinato dall’inflazione”.

“In sostanza, i venditori di PC hanno perseguito una strategia per proteggere i margini piuttosto che perseguire quote di mercato abbassando i prezzi”, ha aggiunto Kitagawa. “Gli ASP aumenteranno moderatamente nel 2023 man mano che i brand trasmettono agli utenti finali gli aumenti dei costi per i nuovi PC che arriveranno sul canale”.

I principali brand nel mercato mondiale dei PC sono rimasti invariati nel primo trimestre del 2023, con Lenovo che ha mantenuto il primo posto nelle spedizioni con una quota di mercato del 23,3% (vedere la tabella qui di seguito).

Lenovo ha registrato il più forte calo annuale delle spedizioni nella sua storia aziendale in due trimestri. Mentre gli Stati Uniti sono stati un mercato particolarmente impegnativo per Lenovo, l’azienda ha registrato una crescita modesta in Giappone, trainata dagli acquisti di PC alla fine dell’anno fiscale.

Questo è stato il settimo trimestre consecutivo di calo delle spedizioni a due cifre per HP. Le spedizioni HP in EMEA sono diminuite del 37% rispetto a un anno fa, ma sono diminuite meno drasticamente nel mercato statunitense.

Dell ha visto il suo quarto trimestre consecutivo di calo anno su anno. L’Asia Pacifico è stato il mercato più colpito, con spedizioni in calo di oltre il 40%. Il declino di Dell è stato in gran parte guidato dal debole mercato dei PC aziendali.

“La domanda di PC aziendali è stata complessivamente lenta in questo trimestre, ma il mercato delle piccole e medie imprese (PMI) è stato particolarmente debole a causa delle incertezze economiche”, dice Kitagawa. “L’IT è rimasta un’area principale per la spesa delle PMI poiché le organizzazioni riconoscono l’importanza di sfruttare la tecnologia per la crescita, ma i PC sono spesso la prima area a dover affrontare tagli di budget poiché la vita del prodotto può essere estesa. Al contrario, la spesa in altri segmenti tecnologici come software e servizi IT dovrebbe crescere nel 2023″.

Osservando i dati dal punto di vista dei mercati nei vari Paesi, il segmento PC negli Stati Uniti è diminuito del 25,8% nel primo trimestre del 2023. Sebbene le prospettive economiche degli Stati Uniti nel primo trimestre del 2023 siano state migliori di quanto inizialmente previsto, in particolare per la spesa dei consumatori, non ha avuto un impatto significativo sulle vendite di PC poiché i consumatori hanno scelto di spendere i propri soldi altrove.

Dell si è assicurata il primo posto nel mercato statunitense dei PC in base alle spedizioni con una quota di mercato del 26,4%, seguita da HP con una quota del 25,7% (vedere la tabella qui di seguito).

Il mercato dei PC EMEA ha registrato un calo significativo del 35,9% rispetto a un anno fa, con volumi di spedizione per l’intera regione al di sotto del volume totale di spedizioni negli Stati Uniti.

“Il continuo impatto di disordini politici, pressioni inflazionistiche, aumenti dei tassi di interesse e una recessione imminente è culminato in un altro massiccio declino nel mercato dei PC EMEA”, continua Kitagawa. “Nessuno dei primi sei fornitori è stato immune dal crollo, tutti hanno perso più di un terzo dei loro volumi di spedizione anno dopo anno”.

Anche il mercato dei PC dell’Asia Pacifico ha registrato un calo significativo, con la Cina che ha sofferto di più a causa dell’elevato inventario nel canale e della debole domanda. Al di fuori della Cina, anche il mercato dei PC è stato debole a causa dell’inflazione, dell’aumento dei tassi di interesse e del deprezzamento della valuta locale. Tuttavia, i paesi tra cui India e Vietnam hanno ottenuto risultati leggermente migliori a causa dello spostamento dei siti di produzione e delle operazioni commerciali fuori dalla Cina, poiché le organizzazioni hanno cercato di diversificare per ridurre l’eccessiva dipendenza dalla Cina come unica fonte di produzione. Il mercato giapponese ha visto un calo relativamente moderato al 9,8% rispetto ad altre regioni.

Questi risultati sono preliminari. Le statistiche finali saranno presto disponibili per i clienti del programma PC Quarterly Statistics Worldwide by Region di Gartner.

NIKON
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC