NIKON
NIKON

World Selfie Day: i ritratti migliori si fanno con la serie Honor 200

Il 21 giugno è la giornata intitolata “World Selfie Day” e HONOR ha in serbo alcuni assi nella manica per sfruttare al meglio la fotocamera frontale e creare gli scatti migliori per condividere le proprie “vibes”. Grazie alla nuovissima Serie 200, si potranno avere foto mozzafiato e creare dei contenuti perfetti da pubblicare sui social o da condividere con le proprie persone del cuore.

I ritratti e i selfie non sono solo uno strumento per apparire e mettersi in mostra, ma anche un potentissimo metodo per abbattere le barriere linguistiche e avvicinare le persone. E più che mai lo slogan del brand “Share your vibes” deve spingere le persone a creare uno scatto unico da condividere con chi abbiamo più a cuore. Per questo motivo, HONOR ha pensato ad alcuni consigli per creare uno scatto perfetto.

I trucchi di Honor per scattare il selfie o il ritratto perfetto:

  • La luce: a differenza delle foto classiche nelle quali è bene che la luca provenga da dietro l’obbiettivo, nel caso del selfie, è bene che questa provenga dal lato. Meglio prediligere una luce naturale che illumini soprattutto gli occhi ed evitare il flash che crea una luce non naturale saturando i colori.                                                                             
  • Lo sguardo: per chi non sa mai dove guardare, è importante tenere a mente che lo sguardo va puntato sul sensore della fotocamera. Oppure, un altro escamotage, potrebbe essere quello di guardare altrove riprendendosi di profilo.                            
  • La posa: per avere una posa naturale, meglio allungare un po’ il collo e portare giù le spalle (si apparirà più rilassati).                                        
  • Limpugnatura: come impugnare lo smartphone evitando che cada? Il trucco è mettere il telefono in orizzontale. in questo modo il pollice resterà libero e potrà premere il pulsante per scattare la foto.                                            
  • La posizione dello smartphone: meglio tenerlo a distanza “di braccio”. Più si è vicini all’obiettivo, più l’immagine sarà distorta.

Se il comparto a tre fotocamere (una fotocamera principale per ritratti da 50 MP, un teleobiettivo da 50 MP con sensore Sony e un ultra-grandangolare e macro da 12 MP) è in grado di stupire, lo è altrettanto la fotocamera frontale. Infatti, è in grado di realizzare selfie per ritratti da 50 MP con un algoritmo HONOR per ritratti avanzato garantendo selfie dai colori vividi, di alta qualità e che sappiano riprodurre l’”io” più autentico presente in ognuno di noi per condividerlo con gli altri senza il timore di essere giudicati.

La serie HONOR 200, che comprende i nuovi arrivati HONOR 200, 200 Pro e 200 lite, è dotata di un notevole comparto fotografico che punta tutto sulla ritrattistica, il vero fiore all’occhiello della serie. Infatti, il motore Honor AI Portrait potenziato dall’intelligenza artificiale, in collaborazione con il parigino Studio Harcourt, unisce il sapere alla ricerca tecnologica per uno studio sull’espressività di luce e ombra, di modo che il comparto fotografico da 50 megapixel nei ritratti, grazie anche a un algoritmo aggiornato, garantisca scatti equilibrati che bilancino bene il rapporto tra oscurità e luminosità, riuscendo a cogliere anche i più piccoli dettagli, la “vibe” di ognuno. Per maggiori informazioni sulla serie 200, consultare la pagina su honor.com

NIKON
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
SHADOW NINJA
SUBSONIC