NIKON
NIKON

Windows 12 sarà modulare, con aggiornamenti più rapidi e integrazioni AI

Windows 12 è quasi confermato a questo punto e ci sono già numerosi suggerimenti e suggestioni su come sarà la prossima importante versione del sistema operativo di Microsoft. Una delle novità potrebbe essere una cadenza di aggiornamento più rapida rispetto a Windows 11. Si dice anche che sarà un sistema operativo più modulare con moduli che saranno operativi su diverse partizioni. Nuove funzionalità potrebbero anche semplificare la gestione del sistema operativo su dispositivi di fascia bassa, offrendo allo stesso tempo agli utenti l’intera gamma di compatibilità delle app con aggiornamenti continui.

Microsoft ha già passato anni a cercare di modernizzare la piattaforma Windows, incluso un tentativo di creare una versione completamente separata (Windows 10X) per gli utenti che non avevano di una piattaforma duttile e capace di supportare i software legacy. Quando gli utenti sono passati al lavoro e allo studio ibridi, l’azienda ha deciso semplicemente di eliminare il progetto e integrare quelle idee in Windows rimuovendo ciò che considerava app e funzionalità superflue.

Il tentativo prima di Windows 11 era qualcosa chiamato “Windows Core OS”. L’idea era quella di creare un sistema operativo ridotto e leggero che fungesse da base per un Windows modulare che potesse quindi essere impacchettato con le esatte funzionalità necessarie per il fattore di forma del dispositivo di destinazione, sia esso tablet, laptop o PC desktop.

Il concetto presentava molte sfide tecniche, quindi non sorprende che Microsoft abbia invece optato per un approccio più graduale che vediamo incarnato in Windows 11. Tuttavia, Zac Bowden di Windows Central riferisce che il gigante di Redmond sta costruendo il successore di Windows 11 – noto come Windows 12 per ora, nome in codice Hudson Valley – con in mente molti dei principi del sistema operativo principale, tutti parte di un progetto denominato “CorePC”.

Laddove Windows 11 ha apportato modifiche all’interfaccia utente e all’esperienza predefinita, Windows 12 sarà presumibilmente separato in “stati” che risiedono su partizioni diverse sull’unità di archiviazione. Secondo quanto riferito, ciò renderà la gestione e l’aggiornamento di Windows più semplice per Microsoft e un’esperienza meno spaventosa per gli utenti Windows.

Un’implicazione della diversa architettura del sistema operativo è che sarà leggermente più facile mantenere la sicurezza poiché i file di sistema saranno separati dai file utente e dalle app di terze parti. Allo stesso tempo, l’aggiornamento di una parte del sistema operativo sarà più rapido e probabilmente non richiederà sempre il riavvio del pc per essere completato. Per i dispositivi utilizzati nell’istruzione, potrebbe diventare più semplice cancellarli in modo simile alla funzione “powerwash” presente sui Chromebook.

Questo approccio consentirà inoltre a Microsoft di ridurre l’ingombro di Windows per i dispositivi che sarebbero lenti e non risponderebbero durante l’esecuzione di Windows “completo”. Bowden cita fonti interne che sostengono l’esistenza di una versione di Windows 12 per dispositivi educativi che esegue solo Office, Edge, app Android e app Web. Peserà dal 60% al 75% in meno in termini di requisiti di archiviazione rispetto a Windows 11 SE.

Per i dispositivi che richiedono la compatibilità con le app legacy, Windows 12 avrà un livello di compatibilità denominato “Neon” per aiutare gli utenti a passare al nuovo sistema operativo. È interessante notare che ci sono anche voci su una versione di CorePC/Windows 12 che sarà priva di funzionalità legacy e ottimizzata per i prossimi chip di Intel, AMD, Nvidia e Qualcomm, con un’enorme attenzione alle funzionalità basate sull’intelligenza artificiale che suonano molto come un “Clippy” overfitted e sovralimentato che segue l’utente nel sistema operativo con suggerimenti contestuali.

Il progetto CorePC è ancora agli inizi, quindi molto potrebbe cambiare prima che Microsoft decida di distribuirlo agli utenti. Il piano è di far debuttare il concetto con Windows 12 nel 2024, ma potrebbe essere ritardato se la società dovesse affrontare grossi ostacoli lungo il percorso.

Nel frattempo, Microsoft ha già aumentato la cadenza di rilascio delle funzionalità per Windows 11, quindi ora sarà in grado di fornire gli update sotto forma di “aggiornamenti qualitativi mensili” invece di raggrupparli insieme come parte degli aggiornamenti annuali. Il primo aggiornamento di questo tipo è avvenuto all’inizio di questo mese e non passerà molto tempo prima che il prossimo arrivi, poiché la società si sta affrettando ad aggiungere più funzionalità e integrazioni basate sull’intelligenza artificiale e su app come Teams, Edge e Microsoft 365.

NIKON
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
MYSTERY BOX
SUBSONIC