cpu
playit

Microsoft ha annunciato la data di uscita di Windows 11: il nuovo sistema operativo sarà rilasciato il prossimo 5 ottobre. Il nuovo sistema operativo sarà disponibile come aggiornamento gratuito per i pc con Windows 10 idonei o sui nuovi computer con Windows 11 preinstallato.

L’aggiornamento gratuito a Windows 11 ha dunque la data ufficiale di uscita fissata per il 5 ottobre, ma come molti aggiornamenti di Windows in passato, sarà strutturato in più fasi. Prima sarà offerto l’aggiornamento ai nuovi dispositivi, quindi Windows 11 sarà disponibile per altri dispositivi sul mercato nelle settimane e nei mesi successivi a partire dal 5 ottobre.

“Seguendo gli straordinari apprendimenti di Windows 10, vogliamo assicurarci di offrire la migliore esperienza possibile”, spiega Aaron Woodman, direttore generale del marketing di Windows in Microsoft. “Ci aspettiamo che a tutti i dispositivi idonei venga offerto l’aggiornamento gratuito a Windows 11 entro la metà del 2022”.

Sui pc con Windows 10 esistenti, Windows Update avviserà gli utenti quando l’aggiornamento sarà disponibile per il download di Windows 11. Si può anche verificare se il computer supporta l’aggiornamento a Windows 11 tramite Windows Update oppure con l’app PC Health Check di Microsoft (attualmente in anteprima).

Data di uscita: 5 ottobre. Windows 11 sarà anche in Iso

Se da una parte Windows 11 sarà lanciato il 5 ottobre, dall’altra non tutte le funzionalità annunciate saranno disponibili. Microsoft sta portando le app Android su Windows 11 in collaborazione con Amazon e Intel, ma questa funzione non sarà disponibile subito nella release del prossimo 5 ottobre. Un’anteprima delle app Android su Windows 11 sarà disponibile per Windows Insider nei prossimi mesi. Questo suggerisce che forse la funzione non sarà attivata a tutti gli utenti di Windows 11 fino al 2022.

Nel frattempo, Microsoft ha rimodulato i requisiti minimi di sistema per installare Windows 11 e prepararsi alla data di uscita. Dalla scorsa settimana, le richieste hardware sono state portate a un livello tale da ampliare al massimo la platea di pc che possono adottare il nuovo sistema operativo.

A conti fatti, si può installare Windows 11 su qualsiasi hardware utilizzando una immagine del disco ISO, a condizione che il pc disponga di un processore a 64 bit ad almeno 1 GHz con due o più core, 4 GB di Ram, 64 GB di spazio di archiviazione e un chip TPM 1.2. Ma se si passa dall’immagine ISO si possono addirittura ridurre le specifiche hardware necessarie. Queste sono verificate in modo stringente se si passa dall’aggiornamento via Windows Update.

È bene ricordare che Microsoft supporta Windows 10 fino al 14 ottobre 2025. Tuttavia, non è chiaro quanti major update l’azienda di Redmond rilascerà per Windows 10 nei prossimi quattro anni. L’aggiornamento denominato 21H2 arriverà per gli utenti di Windows 10 entro la fine dell’anno e include il supporto di elaborazione Gpu nel sottosistema Windows per Linux (WSL), miglioramenti di Windows Hello e supporto per la sicurezza Wi-Fi WPA3 H2E.