NIKON
NIKON

WhatsApp rende segrete le chat con il codice segreto per il lucchetto

A maggio WhatsApp ha introdotto il Lucchetto Chat per consentire alle persone di proteggere le loro conversazioni più riservate. Ora questa funzione si estende con l’aggiunta del codice segreto, un ulteriore strumento per proteggere le chat e renderle più difficili da trovare se qualcuno avesse accesso allo smartphone o qualora venga prestato a qualcuno.

Ricordiamo che la funzione di lucchetto applicata alla chat si attiva un’area dedicata nel quale la conversazione è ospitata ma in una sezione differente dal resto dei messaggi (in gergo è un sandbox). Tant’è che quando è rimosso il lucchetto, di conseguenza la chat è rimossa dagli altri messaggi e nascosta in una cartella dedicata cui è possibile accedere solo con la password o con i dati biometrici del tuo dispositivo, per esempio l’impronta digitale. I contenuti della chat sono nascosti automaticamente anche nelle notifiche.

Con il codice segreto di WhatsApp è possibile impostare una password unica, diversa da quella che si usa per sbloccare il telefono, per garantire un ulteriore livello di privacy alle chat con lucchetto. Si ha la possibilità di nascondere la cartella Chat con lucchetto dall’elenco delle chat, in modo da poterla visualizzare solo digitando il codice segreto nella barra di ricerca. Se si preferisce, è sempre possibile scegliere di visualizzare la conversazione protetta da lucchetto nell’elenco di chat. Quando si desidera applicare il lucchetto a una nuova chat, basta tenere premuto il dito sulla chat e attendere che si attivi la funzione senza dover passare dalle impostazioni.

Conclude WhatsApp: “Siamo felici che la community stia apprezzando Lucchetto Chat e speriamo che il codice segreto possa rendere questa funzione ancora più utile. Il codice segreto sarà disponibile da oggi e nei prossimi mesi verrà implementato in tutto il mondo. Siamo felici di continuare a introdurre nuove funzioni per aiutare le persone a proteggere la propria privacy su WhatsApp”.

Per commentare questo articolo e altri contenuti di igizmo.it, visita la nostra pagina Facebook o il nostro feed Twitter.

Articolo correlato
Autore correlato