Vodafone
Nintendo

Il gruppo Vodafone ha confermato la speculazione di lunga data su una fusione con 3 UK, rivelando che le società sono in trattative per un accordo che fornirà la scala necessaria per accelerare il lancio del 5G e l’accesso alla banda larga rurale. I termini in discussione prevedono che Vodafone acquisisca una partecipazione del 51% nell’entità comune, con il resto di proprietà della controllante britannica CK Hutchison. Non sono previsti contanti.

Vodafone ha aggiunto che non vi era alcuna garanzia che sarebbe stato raggiunto un accordo definitivo e non ha offerto una tempistica provvisoria. Ha affermato che “l’attività unita sfiderebbe i due attori già consolidati per tutti i clienti del Regno Unito e porterebbe vantaggi attraverso l’accesso a prezzi competitivi a una terza rete 5G affidabile, di alta qualità e sicura”.

I dati di GSMA Intelligence per il secondo trimestre stimano le connessioni combinate a 25,8 milioni. Ciò vedrebbe la società combinata in testa al mercato, con Virgin Media O2, recentemente fusa, al secondo posto con 24,1 milioni e EE di BT con 22,4 milioni.

La notizia delle discussioni su un pareggio non sorprende, date le precedenti speculazioni dei media e le osservazioni dei dirigenti di entrambi i campi. Il CEO di Vodafone Nick Read ha regolarmente definito il Regno Unito un paese con un numero elevato di operatori , sottolineando al contempo le sue mosse attive verso il consolidamento nel mercato in alcune delle sue operazioni europee. Dal lato 3, i dirigenti si sono anche lamentati del livello di concorrenza nel paese, bollando il mercato come disfunzionale.

Qualsiasi accordo dovrebbe passare attraverso una serie di passaggi normativi tra cui l’autorità di regolamentazione Ofcom, che era stata scettica nei confronti di una proposta di collegamento tra 3 e O2 che è stata successivamente bloccata dalla Commissione europea (CE) nel 2016. La decisione della CE è stata annullata quattro anni dopo, anche se l’accordo era già stato abbandonato da tempo.

Tuttavia, all’inizio di quest’anno Ofcom ha lasciato intendere che ora potrebbe essere più aperto. In una consultazione sul futuro del mercato mobile, ha chiarito che avrebbe tenuto conto di “come si stanno evolvendo i mercati” nelle sue valutazioni.

Discutendo del potenziale accordo, Kester Mann, direttore di CCS Insight consumer e connettività, ha notato che la scala è stata la motivazione principale per le parti. “In questo status quo, è difficile vedere uno dei due operatori crescere abbastanza organicamente da avvicinarsi alla sfida per le dimensioni di BT e Virgin Media O2 nel Regno Unito. Non molto tempo fa, un legame tra Vodafone e Tre sarebbe sembrato un abbinamento innaturale. Ma negli ultimi tempi, Vodafone ha assunto un ruolo più sfidante nel suo mercato interno, quindi le strategie dei due operatori potrebbero non essere più troppo distanti tra loro”.