Vodafone prolunga la validità delle iniziative rivolte ai clienti e alle imprese
PALADONE

Il Gruppo Vodafone ha rivelato l’intenzione di ridurre i costi di oltre 1 miliardo di euro entro la fine dell’anno finanziario 2026 (31 marzo 2026) attraverso modifiche alla sua struttura e un’adozione accelerata delle operazioni digitali, nel tentativo di mitigare i problemi macroeconomici. Nella dichiarazione finanziaria del primo semestre fiscale 2023 della società (che copre il periodo fino alla fine di settembre), il ceo Nick Read ha spiegato che avrebbe cercato di semplificare ulteriormente le sue operazioni e accelerare la digitalizzazione per ottenere risparmi. Il piano si aggiunge agli sforzi di riduzione dei costi già in corso presso il gruppo .

La sua ultima proposta per compensare l’esplosione delle spese generali si accompagna ad aumenti dei prezzi contrattuali e sconti ridotti in diversi mercati. Le misure sono un tentativo di “mitigare il contesto economico di alti costi energetici e incremento dell’inflazione”, ha aggiunto Read. Nonostante gli aumenti dei prezzi nei suoi mercati, il dirigente ha anche osservato che Vodafone ha continuato con politiche progettate per supportare i suoi clienti più vulnerabili.

In termini di performance del primo semestre, Vodafone ha registrato un calo anno su anno dei ricavi da servizi in Germania, Spagna e Italia. Per gli ultimi due Paesi, rispettivamente del 2,8% e del 4,5%, sono stati attribuiti agli alti livelli di concorrenza. Nel suo mercato più grande, la Germania, che contribuisce per il 30% alle entrate del Gruppo, i numeri sono stati afflitti dalla riduzione delle attività di telefonia fissa e TV.

Il trio di diminuzioni è stato compensato dagli aumenti nel Regno Unito, nel resto d’Europa e dagli utili della controllata africana Vodacom Group, che ha registrato un incremento del 9,4% dei ricavi a 3,2 miliardi di euro, grazie ai tassi di cambio favorevoli. Vodacom ha anche registrato aumenti nell’utilizzo dei dati e aumenti dei prezzi contrattuali in Sud Africa, insieme a maggiori volumi di transazioni nei suoi servizi di denaro mobile in altri mercati.

I ricavi fiscali del primo semestre di Vodafone sono stati di 22,9 miliardi di euro, in aumento del 2% grazie all’incremento delle vendite di device e all’aumento dei ricavi complessivi dei servizi. L’utile è stato sostanzialmente stabile a 1,2 miliardi di euro.