Videogame e Luce blu: come proteggere i propri occhi quando si gioca per molto tempo al computer
Samsung pc

Negli ultimi mesi, anche a causa della pandemia che ci ha costretti a casa per lunghi periodi, sono sempre di più le persone che trascorrono molte ore al giorno davanti allo schermo anche per motivi extra-lavorativi. Dall’ultima ricerca effettuata da Euromedia Research, è emerso che negli ultimi 6 mesi oltre l’80% degli italiani ha avviato un videogame, un dato significato, soprattutto se pensiamo che il gaming non è più un fenomeno che riguarda soltanto i più giovani ma anche gli adulti, e senza alcuna distinzione di genere.

È stato però anche dimostrato che una prolungata esposizione agli schermi può causare problemi ai nostri occhi. La responsabilità è principalmente della luce blu, che può avere effetti potenzialmente dannosi, sia nel breve termine e quindi facilmente risolvibili con un po’ di relax, sia a lungo termine, con possibili danni a carico della nostra vista. Questi effetti sono molteplici e spaziano dalle emicranie al bruciore agli occhi, fino ai più gravi, che possono riguardare la retina.

Giocare per ore ai videogame e stressare gli occhi con la luce blu degli schermi è dunque uno dei principali problemi correlati al gaming e riguarda tutte le fasce d’età. In particolare, però sono i giovani coloro che dovrebbero imparare a proteggere la propria vista da subito, soprattutto considerando che hanno una media di ore trascorse davanti agli schermi molto alta – fino a 4 ore al giorno, tra gaming e social – fruiti da schermi fissi e dispositivi mobili, secondo l’Osservatorio della no-profit Movimento Etico Digitale.

Spiega il Dottor Franco Spedale, direttore dell’Unità Operativa a funzione Dipartimentale dell’Oculistica dell’Ospedale di Chiari ASST Franciacorta: “I nostri occhi sono nati per stare all’aperto, la vista si forma quotidianamente grazie agli stimoli luminosi, non è naturale stare al chiuso. Dovremmo quindi cercare di applicare la buona norma di trascorrere del tempo all’aria aperta: gli attuali stili di vita moderni ci obbligano a passare molto tempo al chiuso e ad utilizzare i dispositivi elettronici. Questi possono nuocere alla salute dei nostri occhi per diversi motivi: riducono la lacrimazione, possono provocare stress visivo digitale, ma anche danni di ossidazione alla retina. Questo è spesso legato anche all’esposizione della luce blu, emessa dagli schermi e dalle luci a LED. È importante che chi trascorre molto tempo davanti a questi dispositivi, indipendentemente dal fatto che abbia un difetto visivo, si doti di una protezione con delle lenti in grado di ridurre la quantità di luce blu che arriva all’occhio”.

Videogame e Luce blu: come proteggere i propri occhi quando si gioca per molto tempo al computer
Videogame e Luce blu: come proteggere i propri occhi quando si gioca per molto tempo al computer

ZEISS Vision Care ha da tempo posto l’attenzione su questo fenomeno e ha stilato una lista di utili consigli per permettere a chiunque, anche ai gamer professionisti, di proteggersi al meglio, e in particolare:

Adottare uno stile di vita sano, fare passeggiate all’aperto per ridurre lo stress visivo e ridare profondità alla vista

Staccare gli occhi dagli schermi a intervalli regolari per permettere alla nostra vista di mettere a fuoco a distanze diverse, guardando fuori da una finestra, verso il punto più lontano possibile 

Privilegiare dispositivi che hanno la funzione filtro luce blu o scegliere una lente che possa assolvere a questo compito, con o senza prescrizione

Cercare di regolare i propri ritmi sonno-veglia evitando l’uso di dispositivi elettronici prima di andare a dormire.

ZEISS Vision Care mette a disposizione dei gamer, giovani e adulti, occasionali e professionisti, le lenti ZEISS in materiale BlueGuard, una nuova generazione di lenti da vista in grado di bloccare la luce blu potenzialmente dannosa e assicurare una protezione UV completa. Il nuovo materiale con cui vengono costruite queste lenti lavora per assorbimento e non per riflessione della luce blu come i classici trattamenti antiriflesso: questo riduce i caratteristici riflessi blu-viola e, in caso di riunioni online o partite in streaming, il risultato estetico è più gradevole. Inoltre, poiché la luce blu è emessa anche dal sole, le lenti ZEISS in materiale BlueGuard sono una scelta ottimale anche per proteggersi anche quando si è all’aperto, grazie anche all’integrazione della protezione completa dai raggi UV fino a 400nm.

Oltre alla protezione dei nostri occhi e alla limitazione dell’esposizione alla luce blu è però fondamentale anche tenere monitorata la propria vista e la sua evoluzione nel tempo. ZEISS offre la possibilità, collegandosi al sito, di effettuare un primo “checkup visivo online” direttamente a casa, per verificare in pochi semplici passi se è tempo di effettuare un controllo degli occhi e della vista presso il proprio medico oculista grazie a tre test specifici: il test dell’acuità visiva, test della visione dei contrasti e test della visione dei colori.