TIM
Samsung pc

Dopo un consiglio di amministrazione fiume, che si è chiuso poco prima della mezzanotte, il colosso delle tlc Tim ha sciolto la riserva. Dunque, l’Opa al 100% presentata dal fondo statunitense Kkr lo scorso novembre non viene respinta. E – come si legge nella nota diffusa dall’operatore – è stato conferito mandato al presidente Salvatore Rossi e all’amministratore delegato Pietro Labriola di valutare “l’attrattività e concretezza della potenziale offerta”.

Tim e il piano industriale

Nella seduta di ieri sera, il consiglio di amministrazione di Tim ha recepito le risultanze delle analisi presentate dagli advisor finanziari in merito alla manifestazione d’interesse. E, alla luce delle indicazioni preliminari degli stessi advisor finanziari in merito alle prospettive di valorizzazione della società basate sul piano industriale 2022-2024 e sulle proiezioni fino al 2030, è stata confermata la volontà di eseguire il piano. Ma anche di procedere all’esplorazione e allo sviluppo del progetto in discontinuità, attraverso la riorganizzazione delle attività del gruppo e una possibile integrazione con Open Fiber S.p.A., coltivando il negoziato con Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) e le necessarie interlocuzioni con le autorità.

Le potenzialità della compagnia telefonica

Di più: Tim ha ribadito che la compagnia telefonica dispone di un valore inespresso, anche in relazione alle discontinuità di cui sopra, che deve essere tenuto in debita considerazione nel valutare qualunque opzione alternativa alla realizzazione del piano industriale. Pertanto, con l’obiettivo di conseguire la massima valorizzazione del gruppo, anche con riferimento ad eventuali altri soggetti interessati, di avviare un’interlocuzione con Kkr, formale e ulteriore rispetto a quelle già intraprese informalmente nei mesi scorsi dai consulenti. Come a dire che il valore dell’operatore telefonico italiano – in termini di visione allargata – è considerato superiore alla proposta che giace sul tavolo (dello scorso novembre) che aveva fissato come prezzo indicativo quello di 0,505 euro per azione.  Adesso prende il via una nuova partita.