NIKON
NIKON

Sonos: la configurazione perfetta per l’home theater di alta qualità

I prodotti Sonos hanno una caratteristica unica che li rende semplici da configurare e abbinare in kit, per esempio al fine di costruire il perfetto sistema di audio surround cinematografico da casa con perfino il supporto spaziale. Stiamo parlando dell’app per Android e iOS, che serve sia per la fase iniziale di attivazione e configurazione degli speaker, sia per raggrupparli in modo da uniformare l’assetto sonoro, il volume e la resa acustica. La procedura è semplice: una volta impostati tutti i prodotti, con l’attenzione di inserirli tutti nella medesima stanza, è possibile abbinarli all’interno delle impostazioni di ciascuno di essi. Dunque, per realizzare un sistema surround perfetto che appaghi le orecchie tanto quanto il Tv lo fa con gli occhi, la configurazione ideale è creare un set composto da Sonos Arc a cui si sommano il subwoofer Sub Mini, che migliora la resa per i bassi, e i due speaker posteriori Era 300, che supportano l’audio spaziale e conferisco una profondità maggiore all’audio.

Dall’app di Sonos il Sub Mini si innesta subito in sinergia funzionale con la Arc, tanto che quest’ultimo si prende il carico delle sonorità più basse lasciando alla soundbar il compito di restituire una superiore acustica con alti e medi (e il parlato spicca). Infine, dopo avere abbinato i due Era 300 (con la funzione “Configura coppia stereo” nell’app) vanno inseriti in simbiosi con Arc e Sub Mini. Pochi passaggi sull’applicazione e il gioco è fatto. Ribadiamo, con due accorgimenti: tutti i sistemi devono essere nella medesima stanza e appartenere alla medesima connessione di rete Wi-Fi, affinché tutto funzioni. Dall’app rimane il controllo sull’equalizzazione complessiva del kit e singola di ogni diffusore, oltre che il volume (globale) e la gestione di aggiornamenti, volume e contenuti audio riprodotti. Sì, perché questo kit è ideale per gli amanti di film e serie ma si presta anche per conferire uno scenario sonoro impareggiabile con la musica: provare per credere. Vediamo dunque in dettaglio i modelli di Sonos per costruire il sistema surround ideale.

Sonos Arc

Sonos Arc rimane la soundbar di punta di Sonos che garantisce un’acustica di livello cinematografico. Si tratta di un prodotto premium con funzioni di smart speaker e che offre un campo sonoro estremamente ampio. Undici driver ad alte prestazioni, due dei quali rivolti verso l’alto per un audio 3D, riproducono i suoni con la massima chiarezza, precisione e profondità. Ottimizzato in collaborazione con tecnici audio vincitori di un premio Oscar, Arc regola il profilo sonoro tramite software in base alla configurazione dell’home theater e al contenuto riprodotto, in stereo, Dolby 5.1 o Dolby Atmos. Gli utenti possono ottimizzare il suono di Arc dall’app Sonos con funzionalità come il miglioramento del parlato per rendere ancor più chiara la voce, Night Sound per ridurre il volume di rumori forti e un aggiornamento della tecnologia Trueplay di Sonos regola il profilo acustico di Arc a seconda della stanza e della componente orizzontale e verticale per garantire un suono coinvolgente.

Sonos Sub Mini

L’idea è geniale: un subwoofer di dimensioni compatte da abbinare alle principali soundbare di Sonos al fine di aggiungere la profondità di bassi che mancava per realizzare un vero sistema home theater compatto da salotto. Sonos Sub Mini è compatto e può essere posizionato nella stanza con un ingombro paragonabile a una scatola da scarpe. L’obiettivo primario di Sub Mini è assistere in modo sinergico la soundbar per la riproduzione di film, serie Tv, contenuti multimediali, gaming e musica aggiungendo le frequenze che, per forza di cose, una soundbar non può gestire. In più si aggiunge il design a cilindro, compatto ed elegante, e il fatto che con la funzione Trueplay si intona con la soundbar al fine di organizzare in modo equilibrato le frequenze. Quindi medi e alti più enfatizzati sulla soundbar; bassi profondi dal Sub Mini. Il nuovo subwoofer di Sonos rende ancora più semplice godersi un’esperienza migliorata. Ecco perché: i due woofer su misura e l’elevata capacità di elaborazione generano frequenze basse, profonde e vivaci senza tremolii o tintinnii, per un’esperienza d’ascolto di film e musica più coinvolgente. Entrambi i woofer sono installati in un cabinet sigillato acusticamente e sono rivolti verso l’interno per creare un effetto force canceling che neutralizza le distorsioni. L’elaborazione avanzata del segnale digitale ottimizza i bassi e consente di riprodurre la stessa gamma completa di basse frequenze di cui è capace un subwoofer di dimensioni molto più grandi.

Sonos Era 300

È il primo speaker compatto ad avere sei driver potenti che proiettano il suono a destra, a sinistra, in avanti e verso l’alto per prestazioni audio elevate grazie a Dolby Atmos L’architettura acustica estremamente complessa di Era 300 è racchiusa in un elegante involucro a forma di clessidra più stretto nella parte centrale, appositamente proporzionato, orientato e perforato per migliorare la direzione e la diffusione del suono in modo da avvolgerti completamente.

Un audio surround incredibile: Era 300 è il primo speaker del brand capace di produrre un audio surround multicanale se usato come speaker posteriore in un sistema home theater. Gli appassionati di film possono abbinare due Era 300 ad Arc o Beam (Gen 2) per creare un’esperienza Dolby Atmos ancora più gratificante che li catapulti nel cuore dell’azione. Sonos ha collaborato a stretto contatto con il proprio gruppo di artisti e di creatori di successo (compresi i membri del Sonos Soundboard) per ottimizzare meticolosamente Era 300 in modo che chi ascolta possa godersi il suono così come l’artista l’ha concepito e come è stato registrato in studio.

Per commentare questo articolo e altri contenuti di igizmo.it, visita la nostra pagina Facebook o il nostro feed Twitter.

Articolo correlato
Autore correlato