t2 software
playit

Sonos ha acquisito la startup audio T2 Software, secondo quanto riportato dal sito Protocol, e questo avvalorerebbe le voci secondo cui il brand specializzato in prodotti audio di alto profilo stia sviluppando cuffie di nuova generazione. T2 è una startup nata per studiare le implementazioni del nuovo standard Bluetooth LE Audio e del codec LC3, che offre una migliore qualità audio a bitrate inferiori e consente di migliorare l’autonomia delle batterie integrate in auricolari e currie.

In un recente post su LinkedIn del vicepresidente del marketing e delle comunicazioni globali di Sonos, Pete Pedersen, si suggerisce che il debutto delle cuffie Sonos potrebbe essere imminente. Il manager ha scritto che la società stava cercando un’agenzia di marketing per aiutarla a lanciare “una nuova categoria” di prodotti, “mirando a un nuovo segmento di pubblico/consumatore”.

Un portavoce di Sonos ha confermato l’indiscrezione di Protocol: “Occasionalmente, acquisiremo team, talenti e/o tecnologie per supportare la nostra roadmap di prodotti esistente e futura”. T2 Software è stata acquisita da Sonos nel novembre 2021, riporta l’articolo su Protocol, circa tre anni dopo la fondazione della startup.

A conti fatti la vera novità potrebbe non essere tanto il debutto delle cuffie firmate Sonos, quanto l’arrivo sul mercato di un prodotto con tecnologia innovativa determinata dal codec Bluetooth a basso consumo energetico come LC3. Il che risolverebbe il difficile compromesso che i brand sono chiamati a trovare tra durata della batteria, resa acustica e peso, ovvero comfort, dei prodotti destinati a essere indossati per lunghe sessioni di ascolto. La promessa di LC3 è che può aiutare a trovare un nuovo equilibrio in virtù di una qualità audio superiore che richiede di assorbire meno energia dalla batteria.

Per avere un’idea chiara di cosa permette di ottenere il codec L3, consigliamo di affidarsi alla demo proposta dal Bluetooth SIG sul suo Web del gruppo d’interesse. In quest’ultima pagina è possibile alternare l’ascolto tra diversi codec audio e bitrate. Lo strumento mostra come l’audio LC3 rimane di qualità elevata anche a bitrate molto inferiori rispetto al solito codec SBC. E, cosa ancora più interessante, è interessante leggere che i flussi audio codificati sono stati forniti da “T2 Labs”, il vecchio nome di T2 Software. Ossia la startup acquisita da Sonos.

Sonos storicamente ha evitato lo streaming tramite Bluetooth a favore del Wi-Fi per i suoi altoparlanti domestici e ha adottato l’audio Bluetooth solo più recentemente per altoparlanti portatili come Sonos Move e Sonos Roam. Secondo quanto riferito da Protocol, le cuffie Sonos competeranno con i concorrenti di fascia alta di Sony e Bose, integrandosi perfettamente anche con gli altoparlanti Sonos esistenti.