tiktok canon
Nintendo

Social “mania” tra i giovani under 14. Con una preferenza marcata ed evidente per due app in particolare: il servizio di messaggistica WhatsApp e la piattaforma cinese TikTok. Il Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, ha condotto una ricerca che ha coinvolto un campione di oltre 2mila ragazzi con un’età compresa fra gli 11 e i 13 anni. Un’analisi che ha fatto emergere un dato rilevante, quanto atteso: l’88% degli intervistati dichiara di usare con regolarità i social network. E questo benché per accedere alle piattaforme secondo la legge siano richiesti 14 anni. Una tendenza che raggiunge il 100% quando si analizza il dato soltanto dei tredicenni (i più vicini alla suddetta soglia di legge). E ancora: il 40% dei ragazzi dispone di un profilo pubblico. Di qui tutto quanto potrebbe derivarne come rischi in materia di gestione e tutela della privacy.

La passione per WhatsApp e Tik Tok e la cura delle immagini da postare

L’indagine effettuata dal Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale ha svelato (come accennato) le app che vanno per la maggiore proprio tra i ragazzi. Ovviamente, le app preferite dai ragazzi: oltre il 50% del campione dichiara di usare più di due ore al giorno WhatsApp e TikTok dominano tra i gusti, con ben il 50% degli intervistati che dichiarano di trascorrere su questi social circa due ore al giorno. A seguire tra le preferenze ci sono Instagram, Youtube e Snapchat, app utilizzata principalmente per adattare le foto (pratica molto in voga nel target femminile) da postare successivamente su altri social. Proprio l’aspetto delle immagini sta assumendo una crescente rilevanza per arrivare a ottenere il “prodotto” migliore per la condivisione.  Continua invece tra gli under 14 l’allontanamento da Facebook, così come n merito a Twitter l’adesione e l’interesse restano decisamente bassi. Al tempo stesso, aumenta invece l’attenzione prestata a nuovi social quali Discord e Twitch che coinvolgono i ragazzi particolarmente attratti dal mondo gaming.