NIKON
TOPPS

Serie A: la battaglia del pezzotto porta in tribunale Cloudfare il il colosso Usa del cloud

La Serie A, tramite la sua Lega di top club, ha fatto ricorso presso il Tribunale di Milano nei confronti di Cloudfare, il colosso Usa informatico, accusandolo di aver “fornito servizi ai pirati e ai clienti, aggirando il sistema Piracy Shield attivato a inizio dello scorso mese di febbraio da parte di AgCom, l’Autorità Garante per le Comunicazioni.

Serie A: le accuse a Cloudfare su VPN e CDN

L’iniziativa della Lega, per altro da dimostrare e questo spetterà per l’appunto al Tribunale di Milano, si fonderebbe sulle istruzioni fornire da parte di Cloudfare al fine di eludere il sistema antipirateria, voluto da provvedimento legislativo e dopo una lunga gestazione, al fine di inibire le trasmissioni in modo illegale in favore della protezione del copyright e dei soggetti che detengono i diritti di trasmissione. Tanto in ambito sportivo (leggi alle voci DAZN e Sky) quanto in tema di entertainment.

I punti centrali dell’accusa sarebbero due. Il primo: Cloudfare offrirebbe la VPN gratuita – che “consente di spostare il collegamento tra i pirati e i propri clienti da una rete pubblica a una privata, in un circolo segreto dove è possibile operare al di fuori dei controlli delle Autorità” – sena però condividere con le forze di tutela i log di connessione, rendendo pertanto impossibili individuare i pirati. La seconda quindi attiene al tema della CDN, di cui si servono le Tv via Rete, e che sempre secondo la Lega, Cloudfare non nega. Di più, la società Usa fornirebbe addirittura DNS autoritativo. Il colosso Usa ha respinto le accuse e considera le richieste espresse dalle autorità italiane addirittura “illecite o incostituzionali. Rilancia lamentando anche l’oscuramenti di siti legali a fronte dell’attivazione del Piracy Shield.

TOPPS
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC