playit

Dunque, ci siamo. Torna l’appuntamento musicale e televisivo (lo dicono i dati) più amato dagli italiani: il Festival della Canzone Italiana. Sanremo 2020, da martedì 4 a sabato 8 febbraio, sarà protagonista sulle radio e nei palinsesti televisivi. Ma a ben guardare anche sulle piattaforme digitali e dei servizi streaming, a cominciare da Spotify (che nel 2019 è stata la piattaforma più usata dagli italiani) per arrivare a Rai Play, Amazon Music e tutte le altre.

Amadeus, dieci madrine e tante polemiche

A condurre e dirigere Sanremo 2020 è stato scelto Amadeus, che ha debuttato con qualche gaffe, scatenando non poche polemiche. Al suo fianco, ben dieci madrine d’eccezione: Mara Venier, Rula Jebral, Antonella Clerici, Diletta Leotta, Emma D’Aquino, Laura Chimenti, Francesca Sofia Novello, Georgina Rodriguez, Sabrina Salerno e Alketa Vejsiu. Quello che una volta era il Dopo Festival, cambia etichetta e diventa l’Altro Festival: al timone ci sono Nicola Savino con Myss Keta e andrà in diretta su Rai Play (canale digitale del gruppo di Viale Mazzini, reduce dal successo ottenuto con Fiorello). Polemiche della vigilia anche per la scelta di alcuni cantanti. Nel mirino del Festival il rapper Junior Cally per il testo (considerato un concentrato di misoginia, quasi un’istigazione al femminicidio) di una sua precedente canzone. Ma Sanremo 2020 vuole essere anche continuità e tradizione: così tra gli ospiti d’onore c’è anche Roberto Benigni. Insomma, un format sufficientemente classico. Vedremo se sarà “scardinato” in diretta dai cantanti che si esibiranno sul palco dell’Ariston.

I 24 big in gara a Sanremo 2020

Tra vecchie glorie (Rita Pavone in primis), ritorni (Marco Masini e Michele Zarrillo), cantanti usciti dai talent (Alberto Urso, Giordana Angi, Anastasio, Elodie, Enrico Nigiotti e Riki) e debutti (Levante e Piero Pelù), per trionfare al Festival della Canzone Italiana si daranno battaglia 24 cantanti della categoria big. Eccoli in rigoroso ordine alfabetico.

Marco Masini – “Il confronto”

Alberto Urso – “Il sole a est”

Elettra Lamborghini – “Musica (e il resto scompare)”

Achille Lauro – “Me ne frego”

Anastasio – “Rosso di rabbia”

Bugo e Morgan – “Sincero”

Diodato – “Fai rumore”

Elodie – “Andromeda”

Enrico Nigiotti – “Baciami adesso”

Francesco Gabbani – “Viceversa”

Giordana Angi – “Come mia madre”

Irene Grandi – “Finalmente io”

Le Vibrazioni – “Dov’è”

Levante – “Tiki Bom Bom”

Junior Cally – “No grazie”

Michele Zarrillo – “Nell’estasi o nel fango”

Paolo Jannacci – “Voglio parlarti adesso”

Piero Pelù – “Gigante”

Pinguini Tattici Nucleari – “Ringo Starr”

Rancore – “Eden”

Raphael Gualazzi – “Carioca”

Riki – “Lo sappiamo entrambi”

Tosca – “Ho amato tutto”

Rita Pavone – “Niente (Resilienza 74)”