HUAWEI
PANTHEK

Recensione Motorola Edge 50 Pro: una bella sorpresa

C’è un tocco unico che Motorola inserisce nei suoi smartphone: il profumo. Sì, quando si apre la scatola dell’Edge 50 Pro color lavanda una nuance in armonia proviene dall’interno, che aiuta subito a coinvolgere l’utente nell’uso dello smartphone. Più che le caratteristiche tecniche, più che la fisicità del device compatta e leggera: il profumo arriva diritto alla testa e alla parte più emotiva, fa subito sentire proprio l’Edge 50 Pro. Che è la fascia media della nuova generazione Motorola Edge 50 tuttavia esprime al meglio le doti che l’azienda afferente a Lenovo vuole comunicare. Ossia: elevata qualità costruttiva, reparto fotografico rinnovato e nuovo ambiente di utilizzo. Edge 50 Pro è un prodotto a cavallo tra la fascia alta e quella premium (prezzo di listino di 699 euro), che dimostra come Motorola stia seguendo un percorso di continuo e tangibile miglioramento.

motorola edge 50 pro recensione igizmo
BEST-FOR-IGIZMO

Le caratteristiche tecniche del Motorola Edge 50 parlano chiaro:

  • Dimensioni: 161,2×72,4×8,2 mm
  • Peso: 186 grammi
  • Scocca: polimero su frame in alluminio, certificata IP68
  • SoC: Qualcomm Snapdragon 7 Gen 3 (4 nm)
  • Storage: 12+512 GB (nel modello in prova)
  • Display: P-Oled da 6,7″ (2.712×1.220 pixel) con refresh fino a 144 Hz, 2.000 nit di picco di luminosità e vetro protetto da lastra Corning Gorilla Glass. I colori sono Pantone Validated
  • Sistema operativo: Android 14 con interfaccia Moto
  • Fotocamere: principale da 50 Mpixel, f/1.4, 25 mm, Pdaf, Ois, autofocus laser; teleobiettivo da 10 Mpixel, f/2.0, 67 mm, Padf, Ois e zoom ottico 3x; ultra grandangolo da 13 Mpixel, f/2.2, 18 mm, Fov di 120°.
  • Selfie: 50 Mpixel, f/1.9, 21 mm (grandangolare)
  • Connettività: 5G, Wi-Fi6e, Bluetooth 5.4, Usb-C 3.1 con supporto DisplayPort 1.4
  • Batteria: 4.500 mA con ricarica rapida TurboPower da 125 Watt.

Da notare che il Motorola Edge 50 Pro viene fornito in una confezione al dettaglio ecologica e priva di plastica, composta per l’80% da materiali riciclati. Include il carica batterie da 125 Watt con cavo annesso, strumento di estrazione della Sim e cover protettiva in materiale plastico riciclato in tinta con la scocca dello smartphone (lavanda). Come detto, completa la confezione la cosiddetta “Moto Fragrance” che regala fin da subito sia una “esperienza unica” sia una “connessione sensoriale”.

Una volta perfezionata l’attivazione e la configurazione di Android, si possono sperimentare le caratteristiche dell’Edge 50 Pro. Piace fin da subito il display perché ben contrastato. Sotto il display c’è uno scanner di impronte digitali, che abbiamo trovato veloce e preciso e che può essere affiancato dal classico codice, dal tratto e dal riconoscimento del volto. Il display è curvo e si innesta sul frame in alluminio: si ottiene il binomio dato da un’estetica curata e dimensioni compatte. La cover fornita di serie copre solo la parte postere trattata con effetto vellulato, quindi impatta sul design dello smartphone ma, al contempo, provvede a proteggere i bordi arrotondati dello schermo (di solito le zone più fragili).

Il modulo fotocamera squadrato sporge, ma si fonde anche con il pannello posteriore in modo lieve e delicato. In mano è comodo e si impugna bene, senza timore che sfugga o sia scivoloso. Il profilo sottile assicura una buona ergonomia in tutte le situazioni. Le cornici laterali dello schermo sono simmetriche e riducono al minimo indispensabile i bordi laterali, compresi quelli superiore e inferiore. I pulsanti del volume e di accensione si trovano sul bordo sinistro e sono comodi da raggiungere. Osservandolo bene si riconoscono anche le tacche di giuntura delle antenne, bene distribuite sul frame in alluminio e a cui va la nostra lode perché la struttura ideata da Motorola assicura all’Edge 50 di trovare sempre segnale. Lo abbiamo usato in abbinata con una sim Iliad con supporto 5G e la qualità della sintonizzazione non è mai stata un problema. Merito, ancora una volta, del lavoro eseguito dal brand sulle disposizione delle antenne in abbinata alla tecnologia CrystalTalk che si affida all’intelligenza artificiale per eliminare i rumori.

Segnale ottimo che va di pari passo con i tre microfoni integrati per attenuare i rumori di fondo quando si parla allo smartphone e una capsula auricolare ben precisa. Insomma, Motorola nasce come brand di telefoni ed è ancora oggi uno dei migliori produttori di telefoni, cioè di oggetti atti alla conversazione. Cosa non da poco. Peraltro gli speaker stereo integrati sono certificati Dolby Atmos e restituiscono un audio potente, in linea con le ottime qualità di riproduzione multimediale dello schermo (uno dei punti di forza dell’Edge 50 Pro).

Le prestazioni non sono un problema. Il Motorola Edge 50 Pro è dotato di chipset Snapdragon 7 Gen 3 (4 nm) che nell’unità in prova è abbinato a 12 GB di Ram e 512 GB di storage Ufs 2.2. Questa configurazione permette allo smartphone di sfiorare 800mila punti in Antutu v10, vale a dire che è pronto a tutto. Supporta più del 90% delle app più diffuse e non teme anche l’impiego gaming, persino con giochi piuttosto esigenti (a patto di rinunciare a qualche dettaglio grafico). Il sistema di raffreddamento passivo scelto da Motorola è efficiente e l’Edge 50 Pro non scalda mai, solo leggermente e non in modo fastidioso quando si utilizza l’alimentatore da 125 Watt. Che ricarica la batteria in poco più di 20 minuti da 0 a 100%. Da 30% a 100% ci impiega poco più di dieci minuti. Questo assicura la possibilità di avere il 100% dell’autonomia in un poco tempo.

Perché poi l’Edge 50 Pro è efficiente nell’utilizzo della batteria integrata da 4.500 mAh dato che arriva tranquillamente al termine della giornata lavorativa impegnandosi a sfruttare al massimo tutte le funzioni. Nel weekend, con un utilizzo più tranquillo e rilassato, si scavallano i due giorni senza troppi sforzi. Per la cronaca, lo smartphone supporta la ricarica wireless da 50 Watt.

Una delle prime novità che balzano all’occhio relativamente all’Edge 50 Pro è la rinnovata veste software. La MyUX, fortemente basata sull’interfaccia stock di Android, è stata sostituita con la Hello UI che si appoggia ad Android 14 e lo estende con nuove gesture, una più profonda possibilità di personalizzazione, strumenti potenziati per la sicurezza con Moto Secure (che permette anche di creare una cartella protetta da password o sistema biometrico) e il supporto a Ready For, per semplificare l’interazione e lo scambio di dati tra Motorola e pc. Con Ready For si può proiettare (anche via wireless) lo schermo dello smartphone su quello del notebook per interagire con le app e trascinare i file e i dati personali sul desktop di Windows.

Le app firmate da Motorola sono completate da Moto Unplugget, che invita a “scollegarsi” dall’Edge 50 Pro per alcuni periodi di tempo così da eseguire un digital detox volontario, e Family Space, con cui si attiva uno spazio protetto dedicato ai minori. La buona notizia è che Motorola non ha eseguito altre personalizzazioni, quindi limitando al massimo il numero di app aggiuntive se non quelle indicate che però svolgono funzioni mirate o estensive rispetto ad Android 14. Anche perché l’ambiente è del tutto simile a quello standard di Google e questo, secondo noi, è il migliore modo per sfruttare al massimo Android senza appesantirlo con user interface accessorie che sovente non aggiungono nulla, salvo alcuni rari casi nel quale estendono l’OS (casi che si contano, senza esaurirle, sulle dita di una mano). La scelta di Motorola è smart ed efficace, perché assicura che Android 14 sia sempre reattivo ma senza limitare la possibilità di personalizzarlo con anche sfondi generati dalla IA.

Ecco, l’intelligenza artificiale c’è. Si chiama moto ai e la si vede all’opera quando si scattano le foto, quando il device ottimizza il sistema operativo per massimizzare l’utilizzo della batteria e nelle app come Moto Secure. Così spiega Motorola il suo approccio alla IA:

“moto ai lavora dietro le quinte per migliorare ogni interazione, consentendo agli utenti di creare contenuti in modo intuitivo, di personalizzare il proprio dispositivo, di ottenere le informazioni che cercano e di fare sempre di più in meno tempo. moto ai è all’interno di tutti i dispositivi, dalla fotocamera all’applicazione generativa di temi, fino alla navigazione e alla ricerca. Con la nuova famiglia edge, gli utenti potranno sperimentare i progressi fatti per una miglior qualità dell’immagine e per una più avanzata ripresa di immagini in movimento. L’impressionante tecnologia di messa a fuoco automatica, i sensori della fotocamera e i pixel più grandi consentono di migliorare le prestazioni anche di notte o in condizioni di scarsa illuminazione. Tutte queste straordinarie caratteristiche, combinate con una serie di obiettivi di qualità, garantiranno agli utenti di catturare i loro migliori ritratti, paesaggi, primi piani artistici, selfie e tanto altro ancora”.

Per esempio si può creare uno sfondo con la IA generativa da una foto e usare la funzione “Stile in sincronia” che correda i colori dell’interfaccia sulla base dell’immagine elaborata per il wallpaper. Peraltro, questa IA generativa per gli sfondi mette in risalto le doti dello schermo curvo sui bordo e con i colori ben calibrati grazie all’intervento di Pantone. Il P-Oled da 6,7 ​​arriva a una frequenza di refresh massima di 144 Hz: può essere gestita dinamicamente o impostata a mano, noi l’abbiamo tenuta fissa su 120 Hz. La fluidità è stata eccellente con qualsiasi tipo di contenuto. Soprattutto con le serie Tv e i film, il pannello si esalta per colori e definizione. Eccellente, con calibrazione dei colori Brillanti e ottima gestione della gamma dinamica. Abbiamo visto la serie The Hijacking of Flight 601 su Netflix composta da sei puntate, di circa 50 minuti. Abbiamo ricaricato una volta sola.

Le altre calibrazioni del display P-Oled propongono colori molto saturi in modalità Luminosi e piuttosto naturali in quella Naturali, anche se quest’ultima tende a “chiudere” un po’ le tonalità scure. Il display è nel complesso ottimo, offre angoli di visualizzazione eccellenti ed è facile da leggere anche sotto la luce diretta del sole. Motorola Edge 50 Pro è un ottimo telefono per il consumo di contenuti, anche grazie all’audio potente sia dagli speaker, sia via Bluetooth con l’efficace equalizzatore anch’esso basato su Dolby Atmos.

Così nell’uso quotidiano, per il lavoro o per le attività più multimediali e di svago, l’Edge 50 Pro si rivela essere un fido compagno, comodo anche da tenere in tasca, mentre la sezione fotografica un perfetto completamento per portare definitivamente il Pro nella classe premium. Le tre fotocamere sono assistitte da sensore ToF che si rivela molto preciso nella gestione del bokeh. Quest’ultimo permette di operare sui quattro obiettivi ma per lunghezze focali: 24 mm, 35 mm (il migliore), 50 mm e 85 mm, per conferire un accento creativo ancora maggiore. I risultati grazie al Tof sono sempre di ottimo l ivello. Meno avvincente il sensore per i selfie, che tende a scurire un po’ le foto in condizioni di scarsa luminosità, però va detto che è precisissimo nella messa a fuoco.

A portare l’Edge 50 Pro su un livello superiore è il sensore principale da 50 Mpixel che, in condizione di luce ideale, riesce a scattare in modalità “zero lag”, ossia senza ritardo. Si cattura la scena senza latenze. Gli ingrandimenti proposti sono 0,6 (ultra grandangolare), 1x (sensore principale), 2x (crop sul sensore principale) e 3x (teleobiettivo). Poi si passa allo zoom digitale, che regge bene fino a 10x ma meglio non osare troppo se non in condizioni di ottima luce.

La calibrazione dei colori attuata da Motorola è abbastanza precisa. Il sensore principale è eccellente, in qualsiasi situazione. Il sensore ultra grandangolare e il teleobiettivo tendono a scurire e contrastare i colori, ma nel complesso l’intelligenza artificiale in post editing ha il grandissimo pregio di rimettere le cose a posto e di riequilibrare correttamente le tonalità. Si vede e si percepisce utilizzandolo che i nuovi algoritmi IA per la parte fotografica hanno un ruolo fondamentale, tanto che la foto elaborata è più precisa e bella di quella che si vede come anteprima di scatto. Motorola con l’Edge 50 Pro ha portato la computational photography a un nuovo livello rispetto a quanto visto finora dal brand. E il livello è ottimo e i colori calibrati insieme con Pantone restituiscono una buona dose di naturalezza.

In sintesi, le immagini scattate con la fotocamera principale posteriore da 50 megapixel offrono dettagli e colori molto buoni con un’ottima gestione Hdr. Anche se il teleobiettivo scatta buoni scatti con zoom 3x sia in condizioni di luce diurna che di scarsa illuminazione, i dettagli possono essere un po’ confusi quando la luce tende ad abbassarsi. La fotocamera ultra-wide produce buone foto alla luce del giorno, ma produce scatti scuri in modalità notturna. Eccellenti il bokeh e la macro.

Venendo alle prestazioni video, la fotocamera principale può scattare con risoluzione 4K a 30 fps. I video vengono bene, anche con lo zoom 3x, e hanno una buona gamma dinamica con quasi nessun rumore. I colori sono leggermente enfatizzati, ma non irrealistici. In condizioni di scarsa illuminazione, la qualità decresce ma in modo del tutto accettabile. In tutte queste condizioni, comprese quelle fotografiche, lo stabilizzatore del sensore principale è fondamentale per ottenere egregi risultati.

Galleria – Foto 0,5x - 1x - 2x - 3x e in modalità bokeh
Galleria – Foto in notturna e macro
Valutazione
Motorola Edge 50 Pro
Il Motorola Edge 50 Pro è un ottimo telefono dal prezzo interessante. Offre molte più funzionalità rispetto ad alcuni dei suoi concorrenti diretti e si candida a essere uno dei migliori modelli del 2024 nel segmento di riferimento. Le fotocamere sono ottime: quella principale è eccellente, le altre sono più nella norma ma il pacchetto completo rende l'Edge 50 Pro un'ottima soluzione per l'imaging. Il display è eccellente e la scocca di qualità e ben rifinita. In più, Edge 50 Pro è compatto pur senza rinunciare a uno schermo generoso. Difficilmente si trovano smartphone che offrono tutto e riescono a mantenere un simile equilibrio.
4.5
PUNTEGGIO TOTALE
PANTHEK
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
MYSTERY BOX
SUBSONIC