amazon fresh review igizmo london
playit

A Londra si capita spesso per lavoro. Quando però ci si trova a pochi passi da un Amazon Fresh, diventa irresistibile la voglia di sperimentare questa nuova modalità di acquisto. In sintesi, con Fresh sono identificati una serie di negozi fisici nelle principali città degli Stati Uniti e in alcune europee, tra cui Londra per l’appunto, nel quale è possibile acquistare tutto ciò che tradizionalmente si trova nei supermercati: dai prodotti freschi ai surgelati ai confezionati, fino a dolci di giornata e bevande calde erogate al momento. Negozi simili si trovano anche in Italia, solo che Amazon Fresh si basa su un’esperienza di acquisto unica: non c’è la cassa, si paga dall’app. O, meglio, si paga perché le telecamere ci “riconoscono” e addebitano attraverso l’app di Amazon. In Italia Amazon Fresh è presente come sottosezione dell’app Amazon per fare la spesa di prodotti freschi consegnati presso il domicilio o la residenza dell’utente: è attivo a Milano, Roma e Torino.

Il negozio Fresh che abbiamo visitato si trova nella zona di Camdem Town e ha una superficie superiore a 400 mq nella quale trovano posto circa una decina di scansie per i prodotti, suddivisi per tipo, della lunghezza di una dozzina di metri. L’ingresso è regolato dall’app, quella classica di Amazon.

C’è un QR Code in prossimità delle porte, si inquadra e se si ha l’app configurata per l’acquisto nel Regno Unito, si viene dirottati immediatamente su un QR Code personale, a cui si collega una carta di credito su cui avvengono gli addebiti della spesa fatta, e che va fatto leggere dal lettore a infrarossi che apre il tornello. Stando a osservare dall’esterno il negozio è un viavai di persone che entrano a mani vuote ed escono con sacchetti, prodotti singoli, bibite calde o fresche, snack o la spesa vera e propria.

Ci siamo fatti aiutare anche per misurare la gentilezza del personale: eccezionale. Dato che l’app di Amazon è configurata per l’Italia, l’addetto ci ha guidato nel modificare le impostazioni affinché il Paese di riferimento fosse il Regno Unito. Quindi si inquadra il QR Code all’ingresso del negozio e viene generato il profilo personale.

A questo punto per perfezionare il tutto è sufficiente abbinare una carta di credito tra quelle già impostate per Amazon. Cinque minuti e si è operativi. Cercando “Amazon Fresh Code” nella barra di ricerca dell’app di Amazon si trova il QR Code personale, attivo e pronto per essere letto dal lettore che apre i tornelli.

A questo punto ci si trova dentro un negozio tradizionale, fatta eccezione per alcuni elementi estetici in stile Amazon. Non manca il punto di ritiro o consegna delle merci denominato Amazon Hub, che opera sia in abbinata ad Amazon Fresh (si fa l’ordine via app, lo si ritira nel negozio), sia per tutti i prodotti di Amazon che possono essere ritirati allo sportello. Che opera anche in “viceversa”, cioè riceve i prodotti che si vogliono restituire. Questo sportello è dalla parte opposta rispetto all’ingresso.

L’Amazon Fresh di Camdem Town in Londra è piccolo ma ricchissimo di prodotti, dai freschi ai confezionati. Un tradizionale supermercato di medie dimensioni italiane. Ma senza casse.

Quindi come funziona? Si prendono i prodotti, che possono essere tenuti in mano, messi in un sacchetto o usando uno dei sacchetti verdi personalizzati (a pagamento). Abbiamo comprato giusto un paio di cose per sperimentare. Perché il clou è il pagamento.

Retroscena: quando si fa riconoscere il QR Code ai tornelli di ingresso, il nostro identificativo è abbinato al nostro volto. Quando acquistiamo viene monitorato costantemente ciò che prendiamo e caricato nella spesa; se si rimette a posto il bene, questo viene tolto dalla lista.

Non essendoci cassa fisica, si esce da un tornello specifico accanto a quelli d’ingresso. Amazon Fresh abbina il nostro volto ai prodotti che si stanno portando fuori dal negozio, che sono addebitati sulla carta di credito. L’esperienza di insacchettare e uscire come se nulla fosse, con nonchalance, può risultare strano le prime volte per chi è abituato a a pagare in cassa. Ma poi con il tempo azzera del tutto il momento peggiore, quello della fila in cassa, dei rimorsi su quello che si ha nel carrello o in mano, della cifra spesa.

In Amazon Fresh si entra a mani vuote, si esce con i prodotti e nel giro di una quarantina di minuti si riceve la mail con la distinta di quanto si è pagato. Geniale, perché non sembra nemmeno di fare la spesa. Pericoloso, almeno per chi vi scrive, perché il rischio di abbuffarsi senza rendersi conto di quanto si sta spendendo è dietro l’angolo. In ogni caso, splendido: si può girare e acquistare liberamente, uscire a piedi senza ulteriori impedimenti, trovarsi la spesa tra le mani. Come se niente fosse. Inebriante.