ELECTROLUX
ELECTROLUX

Il primo smartphone con display al diamante arriverà nel 2019

Il vostro peggior incubo sarà presto cancellato: rompere il display del telefonino. Sì, perché lo schermo degli smartphone è destinato a essere resistente come il diamante. Finora i produttori hanno potuto ricorrere a trattamenti chimici come il diffusissimo Gorilla Glass al fine di rendere più resistenti i pannelli dei dispositivi mobili verso urti, graffiature e sollecitazioni da impatto. Il prossimo passo sarà di affidare la copertura dello schermo a lastre realizzate in diamante.

I primi prototipi realizzati in questo modo arriveranno non prima del 2019.

L’azienda che sta sviluppando questa tecnologia si chiama Akahn Semiconductor e ha sviluppato la lastra Miraj Diamond Glass che sfrutta uno schema a nanocristalli. Nel dettaglio, i cristalli sono allineati in modo casuale e non già in modo lineare rispetto al loro piano, come avviene oggi. Questa disposizione disorganizzata assicura una superiore resistenza agli urti e protegge meglio i layer sottostanti.

I diamanti impiegati in questo processo sono sintetici, quindi ottenuti in laboratorio. Dalla loro combinazione si deriverà, così dice l’azienda, la lastra di materiali più resistente possibile per proteggere il display dei dispositivi mobili. Anche perché il processo può essere combinato in sinergia con altri trattamenti, Gorilla Glass incluso.

Il primo esperimento di smartphone con display al diamante doveva essere proposto entro la fine del 2017. Ma non è stato possibile. Ora il processo di produzione è stato migliorato e perfezionato, così il Ceo Adam Khan sta realizzando test di produzione e di resistenza su prototipi, oltre a verificare l’effettiva efficienza di trasmissione elettrica necessaria perché funzioni il touchscreen. Tuttavia prima che la lastra in diamante arrivi in commercio è necessario raggiungere elevate economie di scala a livello produttivo, oltre a individuare il miglior sistema di applicazione sul display.

Altro aspetto che merita attenzione, tanto per fare capire la difficoltà intrinseca nella realizzazione di questi pannelli, riguarda la gestione del riflesso e della rifrazione cromatica. L’obiettivo è fare in modo che la lastra in diamante garantisca il migliore passaggio della luce e una visualizzazione fedele dei contenuti. Ciò nell’ottica di mantenere bassi i consumi della batteria.

Maggiori informazioni sulla tecnologia a questo indirizzo.

 

 

ELECTROLUX
AIR TWISTER
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
PANTHEK
ARCADE1UP