Samsung pc

 alla fine il deal si è chiuso. Portobello, società proprietaria della omonima catena retail, si è aggiudicata per 6 milioni di euro il ramo d’azienda del marketplace di ePrice, all’interno della procedura di pre-concordato preventivo pendente al Tribunale di Milano. Nata nel 2000, ePrice ha rappresentato un player formato da negozi online italiani, specializzato nella vendita di prodotti tecnologici e grandi elettrodomestici.

Eprice, i conti del 2020

Il ramo d’azienda acquisito attiene l portale e-commerce eprice.it che nello scorso 2020 aveva registrato un fatturato di 101,4 milioni di euro, per un Ebitda in flessione di 14,1 milioni di euro, a fronte di circa 500mila clienti che avevano generato (per uno scontrino medio di 287 euro) 637mila ordini. Con questa acquisizione, Portobello e il gruppo nel suo insieme avrà modo di sviluppare un’attività omnicanale puntando su sinergie  tra il buisness online e offline, cercando di ampliare il panel di referenze all’interno del portale eprice.it. Previste economie di scala su logistica spedizione, attività di marketing e comunicazione. La parte acquirente si è fatta carico del debito di circa 900 mila euro, e l’operazione sarà sostenuta per il 50% da Portobello attraverso un finanziamento concesso da un istituto di credito internazionale e per il restante 50% dalla capo gruppo Riba Mundo Tecnologia.