google ai igizmo
PALADONE

Più di 40 concorrenti europei del servizio di acquisto di Google hanno esortato le autorità di regolamentazione antitrust dell’UE a utilizzare le regole tecnologiche di recente adozione per garantire che l’unità Alphabet rispetti un ordine dell’UE del 2017 per consentire una maggiore concorrenza sulla sua pagina di ricerca. La Commissione europea ha inflitto a Google una multa di 2,4 miliardi di euro (2,33 miliardi di dollari) cinque anni fa e ha detto all’azienda di smettere di favorire il suo servizio di shopping.

Google ha successivamente precisato all’Antitrust che gestisce il proprio servizio di acquisto come i concorrenti quando fanno offerte in un’asta per annunci nella casella della spesa che appare nella parte superiore di una pagina di ricerca. Ma in una lettera al capo dell’antitrust dell’UE Margrethe Vestager, le 43 società – tra cui la britannica Kelkoo, il francese LeGuide Group, la svedese PriceRunner e la tedesca idealo – hanno affermato che la proposta era giuridicamente insufficiente e non aveva portato loro a beneficiare delle aste pubblicitarie.

“La Commissione deve riaprire spazio nelle pagine dei risultati di ricerca generali per i fornitori più rilevanti, rimuovendo le Shopping Unit di Google che non consentono concorrenza ma portano a prezzi più elevati e meno scelta per i consumatori e un trasferimento ingiusto dei margini di profitto da commercianti e concorrenti CSS a Google”, hanno scritto le società nella lettera vista da Reuters. I CSS si riferiscono a Servizi di shopping comparativo e sono al centro delle proteste contro Google all’Antitrust.

Le parti hanno spiegato all’Antitrust che il meccanismo di Google viola il Digital Markets Act (DMA), le nuove regole di Vestager volte a tenere a freno il potere dei giganti della tecnologia, che si applicheranno a maggio del prossimo anno. “L’importante incorporazione di Shopping Unit da parte di Google è una violazione prima facie del divieto di autopreferenza del DMA”, hanno scritto le parti. “Considerato il nuovo quadro giuridico inequivocabile, è giunto il momento di parlare. Il caso più importante al centro delle richieste di DMA deve essere portato a termine in modo efficace”, hanno sottolineato le società di 20 paesi europei.