PURO
PURO

Perché ad Apple serve la IA al più presto (anche per scopi finanziari)

Per due decenni, nessuna azienda ha incarnato la promessa di guadagni e crescita consolidata nel mercato azionario meglio di Apple. La sua trasformazione da produttore di computer di nicchia a società con il maggior valore del pianeta ha reso le sue azioni una pietra angolare dei portafogli di investimento in tutto il mondo. Ma in quello che sembra un batter d’occhio, lo splendore di Apple sta iniziando a svanire. L’intelligenza artificiale è l’attuale periodo storico della tecnologia, guidando – senza la guida di Apple – il tipo di crescita su cui l’azienda contava vendendo i suoi prodotti e servizi a consumatori entusiasti in tutto il mondo. Ciò mette in difficoltà gli investitori di Apple. Quest’ultima sta vivendo una espansione dei ricavi stagnante e il titolo sta sotto performando al Nasdaq 100 di circa 16 punti percentuali, il massimo raggiunto per l’inizio anno dal 2013. La società genera ancora ricavi massicci, ma è possibile che continuino ad aumentare al ritmo che gli investitori si aspettano? La domanda è aperta. I dirigenti Apple affermano di avere grandi progetti per l’intelligenza artificiale, che i rialzisti sperano possa aiutare a rilanciare la crescita. Ma finora è difficile valutarne le prospettive della IA in salsa Apple, se non che quando questa arriverà è ragionevole ipotizzare che decreterà un “prima” e un “dopo”.

Tutto ciò ha portato gli investitori a chiedersi: se i sogni di Apple sull’intelligenza artificiale non si realizzano, qual è il ruolo delle azioni oggi? “È diventato più un titolo value, un po’ come Coca-Cola”, ha affermato Phil Blancato , amministratore delegato di Ladenburg Thalmann Asset Management e capo stratega di mercato di Osaic. “In sostanza significa che offrono un profilo difensivo e rendimenti sui tassi di mercato per il prossimo futuro finché non ci sarà un nuovo catalizzatore”.

Apple rimane la macchina da soldi affidabile che è sempre stata. È certamente un colosso del flusso di cassa favorevole agli azionisti e un rifugio sicuro con un bilancio a prova di proiettile. “Se sei un investitore a lungo termine a cui piace davvero una crescita solida e stabile, per esempio una rendita, con margini in crescita, una redditività in miglioramento e un business che genera quantità significative di denaro e ha ancora molta pista di innovazione, pensiamo che Apple sia un ottimo posto dove stare”, ha detto Kevin Walkush, portfolio manager di Jensen Investment Management .

Ma gli investitori che desiderano investire nel prossimo grande mercato in crescita hanno rivolto la loro attenzione all’intelligenza artificiale. Nvidia sta prendendo il posto di Apple come colosso tecnologico da possedere a causa della domanda apparentemente insaziabile di chip utilizzati per alimentare modelli linguistici di grandi dimensioni.

Apple è scesa di oltre il 10% quest’anno, cancellando circa 330 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato e cedendo la sua posizione di azienda di maggior valore al mondo a Microsoft, la cui incorporazione di ChatGPT attraverso Copilot su tutta la gamma di prodotti (da Windows alle app fino al cloud), sta iniziando a stimolare la crescita dei ricavi. Microsoft ha ora un valore di mercato di quasi 3,1 trilioni di dollari contro i 2,7 trilioni di dollari di Apple. Nvidia, le cui entrate e profitti sono aumentati vertiginosamente nel contesto di una corsa agli armamenti per la potenza di calcolo dell’intelligenza artificiale, non è molto indietro con 2,2 trilioni di dollari.

Il problema non è tanto il fatto che Apple abbia improvvisamente smesso di crescere, questo accade già da un po’: i suoi ricavi si sono ridotti in ogni trimestre del suo ultimo anno fiscale, anche se il titolo stava raggiungendo dei record. Il problema è che l’azienda non ha mostrato nulla sull’intelligenza artificiale in un momento in cui le vendite di iPhone sono lente e l’azienda si trova ad affrontare crescenti minacce normative. “Stiamo attraversando un’incredibile ondata di innovazione”, ha affermato Mark Lehmann , amministratore delegato di Citizens JMP Securities. “Il mercato ti sta dicendo che Apple ha molto da dimostrare qui e fino ad oggi non hanno dimostrato molto”.

Come da prassi, Apple divulga poco sui progetti futuri e questo atteggiamento vale anche per i piani per incorporare i servizi di intelligenza artificiale nei suoi prodotti. L’amministratore delegato Tim Cook ha promesso che quest’anno Apple “aprirà nuovi orizzonti” nell’intelligenza artificiale e i professionisti del mercato si aspettano grandi novità alla conferenza annuale degli sviluppatori di software dell’azienda che si terrà tra pochi mesi. Tuttavia, molti investitori stanno perdendo la pazienza e si stanno rivolgendo a titoli con un percorso più chiaro nell’intelligenza artificiale. Al centro dei problemi di Apple c’è la scomparsa della crescita dei ricavi e non è chiaro cosa, se non altro, lo alimenterà. Non si prevede che la prima importante nuova categoria di prodotti dell’azienda in quasi un decennio, il visore Vision Pro, contribuirà in modo significativo alla crescita per anni. Apple ha recentemente interrotto il suo lungo impegno per costruire un’auto elettrica. Allo stesso tempo, le entrate dell’iPhone sono rimaste stagnanti e le vendite in Cina sono diminuite in un contesto di economia debole e maggiore concorrenza.

Oltre a ciò, Apple si trova ad affrontare una crescente pressione da parte delle autorità di regolamentazione. All’inizio di questo mese, Apple è stata multata di circa 1,8 miliardi di euro dall’Unione Europea per un’indagine sulle accuse di aver bloccato i concorrenti di streaming musicale sulle sue piattaforme. Negli Stati Uniti, il Dipartimento di Giustizia sembra vicino ad avviare una causa antitrust dopo cinque anni di lavoro per costruire un caso secondo cui Apple avrebbe imposto limitazioni software e hardware su iPhone e iPad per ostacolare la concorrenza dei rivali.

Secondo i dati compilati da Bloomberg, le vendite nell’anno fiscale 2023 sono diminuite del 3% e si prevede che aumenteranno solo del 2% nell’anno in corso. In confronto, le entrate sono aumentate del 33% nel 2021. Nel frattempo, si prevede che le vendite di Nvidia aumenteranno del 79% e quelle di Microsoft del 15% negli attuali anni fiscali delle società.

Negli ultimi due anni, Apple ha ottenuto una valutazione premium alla pari di quella di Microsoft. Due anni fa, quando i titoli tecnologici hanno subito un duro colpo, le azioni hanno retto molto meglio di quelle dei suoi concorrenti. Ma non è più così. Il prezzo di Apple è pari a circa 25 volte i profitti previsti nei prossimi 12 mesi, in calo rispetto a circa 30 volte l’estate scorsa. Microsoft, nel frattempo, ha un prezzo di 32 volte e Nvidia di 35 volte .

Detto questo, il livello record di Microsoft potrebbe effettivamente offrire un buon esempio del potenziale a lungo termine di Apple. Quando Satya Nadella rilevò l’azienda nel 2014, si trattava di un produttore di software con una mentalità ancorata al mondo dei pc e un patrimonio languido. Ora è ovunque, dal cloud all’intelligenza artificiale, e le sue azioni sono in forte aumento. “Tutti devono reinventarsi e questo dimostra quanto sia rapida la rivoluzione nella tecnologia”, ha affermato Lehmann di Citizens JMP. “Microsoft finalmente è riuscita ad andare avanti, ma ci sono voluti 15 anni per capirlo”.

Nonostante la performance deludente di quest’anno, è facile sostenere che le azioni Apple sono pronte per un rimbalzo e che è troppo presto per escluderle dalla corsa all’intelligenza artificiale. La società ha più di 170 miliardi di dollari in contanti nel suo bilancio e si prevede che il suo utile netto supererà i 100 miliardi di dollari quest’anno. Ciò offre ad Apple risorse senza eguali per spingersi in nuovi mercati e restituire comunque liquidità agli azionisti attraverso dividendi e riacquisti di azioni. “È difficile non fare paragoni con quello che è il trend del momento”, ha detto Walkush di Jensen Investment Management. “Se in questo momento eliminassimo l’intelligenza artificiale e il sensazionalismo, le persone guarderebbero Apple in modo diverso? Penso che lo farebbero”.

PURO
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
MYSTERY BOX
SUBSONIC