PANTHEK
BEKO

Oracle vuole TikTok, parola del Financial Times

Oracle ha intrapreso una serie di dialoghi preliminari con ByteDance, l’azienda cinese che controlla TikTok, perché sta seriamente considerando l’acquisto della divisione del social che opera negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e in Nuova Zelanda. A sostenerlo è il prestigioso quotidiano Financial Times.

Oracle si aggiunge a Microsoft e Twitter nel tentativo di acquisire il business di TikTok che è stato messo al bando dall’amministrazione Trump con efficacia a partire dal 12 novembre, come vi abbiamo descritto in questo articolo: https://igizmo.it/tiktok-trump-proroga-a-90-giorni-il-bando/

L’intenzione di Oracle è operare in sintonia con alcuni investitori statunitensi già titolari di alcune quote di ByteDance. Tra queste figurano alcuni fondi del calibro di General Atlantic e Sequoia Capital. Nessuna delle parti coinvolte ha commentato la notizia del Financial Times, anche perché i contorni dell’acquisizione sono ancora nebulosi.

A iniziare dall’investimento che Oracle dovrebbe affrontare: tra 20 a 50 miliardi di dollari. Forse per questo l’azienda sta pensando a una cordata di investitori. Si consideri inoltre la portata dell’operazione in termini di antitrust: più le parti coinvolte sono grandi, più i controlli dell’Authority sono approfonditi. Una sorte che potrebbe toccare a Microsoft qualora si avveri l’acquisizione di TikTok. E che potrebbe toccare anche a Oracle. Sarebbe invece minore l’impatto qualora l’affare venisse perfezionato da Twitter, dato che il trust che si verrebbe a creare è di portata inferiore.

E poi c’è da capire quale siano gli obiettivi di business di Oracle. Abbiamo provato a entrare nella testa di Microsoft per comprendere quale fosse l’interesse a Redmond per TikTok: lo abbiamo spiegato in questo articolo https://igizmo.it/perche-microsoft-vuole-tiktok/. Gli stessi ragionamenti possono essere applicati a Oracle, perché l’azienda è sì fortemente legato a un mondo B2B ma ha necessità di disintermediare rispetto all’utente finale. TikTok è un formidabile aggregatore di dati personali, abitudini e gusti delle persone, tanto che può rappresentare un punto di osservazione prezioso e impareggiabile sulle nuove generazioni. E se queste informazioni saranno vitali per Microsoft per adattare le strategie future, parimenti lo sono per Oracle. Che, in più, può finalmente diversificare il proprio focus con un approccio più diretto e un dialogo immediato con gli utenti finali.

BEKO
AIR TWISTER
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
PANTHEK
ARCADE1UP