playit

I Måneskin salgono anche sul tetto d’Europa. Dopo aver trionfato al recente Festival di Sanremo dello scorso mese di marzo, il gruppo italiano ha vinto anche l’edizione 2021 dell’Eurovision Song Contest di Rotterdam. Stiamo parlando del più grande concorso musicale del mondo. La canzone intitolata “Zitti e Buoni” ha permesso ai portabandiera della musica italiana di superare con 524 punti la francese Barbara Pravi – seconda con “Voilà” – e lo svizzero Gjon’s Tears, terzo classificato a 432 punti con la canzone “Tout l’univers”. Il gruppo musicale italiano – grazie ai consensi ottenuti dalle giurie internazionali, ma soprattutto dal televoto del pubblico tramite app o sms – riporta dunque nel nostro Paese un trofeo importante. E che mancava da ben 31 anni. Avete letto bene. Un’eternità. Così per la terza volta la musica italiana si aggiudica sale sul podio più alto, aggiudicandosi l’Eurovision Song Contest. Le vittorie precedenti risalgono al lontanissimo 1964 con Gigliola Cinquetti e al 1990 con Toto Cutugno. 

Måneskin, da X-Factor al successo

Il successo ottenuto dai Måneskin non è casuale. Anzi. E ha il pregio di riportare la musica italiana al centro dell’attenzione e della ribalta internazionale in un momento storico fondamentale. Possiamo dire che ce n’era bisogno per il tutto il settore e la sua fruizione. La compagine ben affiatata e diretta è composta dai fantastici quattro: Damiano David, Victoria De Angelis, Thomas Raggi ed Ethan Torchio. La loro partecipazione a X Factor nel 2017 aveva acceso i riflettori su questo gruppo musicale. Che, pur come secondo classificato, era riuscito a ottenere un contratto con Sony Music. In ragione di questo, i Måneskin avevano potuto pubblicare in sequenza i primi due album della loro carriera. Quello del 2019 in particolare – intitolato “Il ballo della vita” – aveva registrato un notevole successo, grazie ai due singoli “Torna a casa” e “Morirò da re” che avevano letteralmente spopolato tra il pubblico. Specialmente quello giovane. Insomma, questi primi cinque anni di storia per i Måneskin sono tuti da incorniciare.