mappa-refarming-tv-igizmo
playit

Il Mise ha confermato che il 30 giugno sono terminate in tutta Italia le operazioni di riorganizzazione delle frequenze televisive per la liberazione della banda 700 MHZ. Questa riorganizzazione si chiama “refarming” e si è svolto nel rispetto delle tempistiche stabilite anche grazie al confronto continuo e alla proficua collaborazione sia con gli operatori e gli stakeholder di settore, sia con le varie amministrazioni (Regioni, Comuni e così via) interessate dai singoli passaggi. Con la conclusione del processo di refarming e con l’introduzione, avvenuta lo scorso 8 marzo, della codifica MPEG-4 per la trasmissione dei programmi televisivi in alta qualità, giunge a termine la prima fase del passaggio al Nuovo Digitale Terrestre.

La tappa successiva, prevista per gennaio 2023, sarà la transizione definitiva allo standard di trasmissione digitale terrestre di seconda generazione DVB-T2 con codifica HEVC Main 10. Per poter continuare a visualizzare correttamente tutti i canali, sarà quindi necessario essere dotati di TV o decoder compatibili con il nuovo standard tecnologico e con il nuovo sistema di codifica.

Come verificare se il Tv è compatibile con il nuovo digitale terrestre

Se il televisore è stato acquistato a partire dal 22 dicembre 2018, sarà compatibile con il nuovo digitale terrestre poiché da quella data i negozianti sono obbligati a vendere televisori che supportano il nuovo standard DVB-T2 e la codifica HEVC Main10.

Si può quindi accertare che il Tv supporti il nuovo standard verificando che nel manuale e/o nella scheda tecnica del televisore sia presente l’indicazione DVB-T2 HEVC Main10.

In particolare, è possibile verificare che il Tv sia compatibile con il cambiamento previsto a partire da gennaio 2023 (quando verrà introdotta l’attivazione del DVB-T2 con il nuovo sistema di codifica HEVC Main10) provando a visualizzare i canali di test 100 e 200; se si visualizza RAIUNO sul canale 1 allora è sufficiente verificare che sul canale 100 appaia la scritta “Test HEVC Main10”; analogamente se si vede Canale 5 sul canale 5, bisogna verificare che sul canale 200 appaia la medesima scritta. Se compare tale scritta, l’apparato è compatibile con il nuovo standard di trasmissione.

Tuttavia, può accadere che ci siano problemi nel visualizzare la schermata (i canali non mostrano il messaggio “Test HEVC Main10” o risultano oscurati) pur essendo il televisore o il decoder compatibili con il DVB-T2. In questi casi, l’esito negativo del test potrebbe derivare:

– da una non corretta (ma temporanea) ricezione dei due canali;

– dalla momentanea presenza di un’altra emittente sul canale;

– dal fatto che il Tv non riesca ad agganciarsi alle frequenze più recenti.

Pertanto, prima di acquistare un nuovo decoder o un nuovo Tv, è sempre opportuno e consigliabile effettuare una risintonizzazione; solo nei casi in cui, anche dopo aver terminato tale procedura, persistessero problemi nel visualizzare la schermata o i canali di test non vengano proprio visualizzati (pur digitando 100 e/o 200 la TV rimane sintonizzata sul canale che si stava già visualizzando) sarà necessario procedere all’acquisto di nuovi apparati per continuare a vedere i tuoi programmi preferiti anche dopo gennaio 2023, quando verrà avviata l’attivazione del digitale terrestre di seconda generazione.

Per sapere come effettuare la risintonizzazione basta seguire le istruzioni di questa scheda o guardare il seguente video tutorial:

Continua l’erogazione del Bonus Tv dal Mise

Il percorso verso il Nuovo Digitale Terrestre – che dall’8 marzo ha visto l’introduzione della codifica MPEG-4 e il 30 giugno la conclusione del processo di riorganizzazione delle frequenze in tutta Italia – continua ad essere accompagnato dalle risorse stanziate dal Ministero dello Sviluppo Economico al fine di agevolare i cittadini nel passaggio alla nuova TV digitale terrestre.

Sono ancora disponibili, infatti, gli incentivi per l’acquisto di TV o decoder compatibili con i nuovi standard tecnologici: agevolazioni di particolare utilità soprattutto in occasione dell’ultima fase della transizione, prevista per gennaio 2023, quando verrà introdotto il DVB-T2 con codifica HEVC MAIN 10 e sarà possibile continuare a guardare tutti i canali solo con dispositivi in grado di supportare il digitale terrestre di seconda generazione.

Tre sono gli incentivi messi in campo da MiSE:

il Bonus Rottamazione TV
il Bonus TV-decoder
l’agevolazione ‘Decoder a casa’ (quest’ultima introdotta di recente, per favorire il ricambio dei decoder anche da parte della popolazione più avanti negli anni).
Tutte le informazioni relative ai Bonus TV (i requisiti necessari per usufruirne, le modalità di presentazione della richiesta per l’erogazione ed altre indicazioni specifiche per ciascuna agevolazione) sono disponibili alla pagina “I bonus TV” di questo sito.

Per avere delucidazioni ulteriori, inoltre, è possibile contattare il call center della NTD, al numero 06. 87. 800. 62 oppure via WhatsApp al numero 340. 120. 6348.