NIKON
NIKON

Microsoft vuole potenziare Word, Excel e PowerPoint con GPT e OpenAI

Microsoft ha sperimentato l’intelligenza artificiale attraverso il linguaggio di OpenAI all’interno delle sue app Word, PowerPoint e Outlook. The Information riporta che Microsoft ha già incorporato una versione sconosciuta del modello GPT per la generazione di testo con OpenAI in Word a supporto della funzione di completamento automatico e ha lavorato per integrarla ulteriormente in Word, PowerPoint e Outlook.

Microsoft ha utilizzato la tecnologia GPT di OpenAI per migliorare i risultati di ricerca di Outlook in modo che gli utenti possano trovare ciò che stanno cercando senza dover utilizzare parole chiave nelle e-mail. Si dice anche che Microsoft abbia esaminato il modo in cui questi modelli di intelligenza artificiale potrebbero suggerire risposte alle e-mail o consigliare modifiche ai documenti per perfezionare la scrittura degli utenti in Word. Non è chiaro se Microsoft abbia in programma di rendere pubbliche queste funzionalità o se, almeno per ora, si tratti solo di sperimentazione.

Se Microsoft dimostra questa inclinazione verso le funzionalità offerte da ChatGPT, l’intelligenza artificiale conversazionale che sta facendo notizia, significa che Outlook potrebbe comporre intere e-mail basate su semplici query. Si provi a immaginare che Outlook scriva un’e-mail ai colleghi spiegando che non l’utente non si sente bene, basandosi esclusivamente su una domanda “scrivi un’e-mail al mio team spiegando che sono in malattia”. Secondo quanto riferito, Microsoft sta anche pianificando di lanciare una versione di Bing che utilizza ChatGPT per rispondere alle query di ricerca. Questa nuova funzionalità potrebbe essere disponibile già il prossimo marzo, nel tentativo di rendere Bing più competitivo rispetto a Google. Per capire la potenza di un motore di ricerca basato su OpenAI e ChatGPT, si provi You.com.

Microsoft pronta a integrare le risorse di OpenAI e GPT nelle app di Office

Microsoft dovrà affrontare molte sfide portando funzionalità di generazione di testo AI più avanzate nelle sue app di produttività. Prima fra tutte è garantire la giusta precisione. ChatGPT ha ancora la tendenza a presentare informazioni errate come fatti, il che renderebbe difficile qualsiasi tipo di creazione di documenti o integrazione avanzata che risultino anche affidabili.

L’altro grande ostacolo è la privacy. Microsoft dovrà personalizzare i suoi modelli per i singoli utenti senza compromettere i loro dati. Le informazioni riportano che Microsoft ha lavorato su modelli di tutela della privacy utilizzando piattaforme GPT-3 e GPT-4 non ancora rilasciate. Secondo quanto riferito, i ricercatori Microsoft hanno ottenuto i primi successi nella formazione di modelli linguistici di grandi dimensioni operando su dati privati.

Microsoft potrebbe utilizzare questi modelli per recuperare e riassumere le informazioni dalle trascrizioni delle riunioni di Teams e quindi aggiungere grafici e pittogrammi generati dal modello di generazione di immagini Dall-E 2 di OpenAI alle presentazioni PowerPoint. Secondo quanto riferito, i ricercatori hanno presentato il loro lavoro di integrazione di Office al ceo di Microsoft, Satya Nadella, ma non è chiaro se e quando questi modelli basati su GPT o Dall-E 2 saranno disponibili nei prodotti Office.

Microsoft utilizza già una varietà di IA nelle sue app di produttività. Word e PowerPoint suggeriscono automaticamente le didascalie delle diapositive e delle immagini utilizzando algoritmi di intelligenza artificiale. Microsoft Teams utilizza l’intelligenza artificiale per migliorare la riduzione del rumore di fondo, le interruzioni e l’acustica e Microsoft ha creato un completamento automatico basato sull’intelligenza artificiale per il codice utilizzando GPT-3 già due anni fa. Microsoft Editor migliora anche la scrittura utilizzando l’intelligenza artificiale per eseguire il controllo ortografico, il controllo grammaticale e le previsioni del testo.

Microsoft ha acquistato una licenza esclusiva per la tecnologia alla base di GPT-3 nel 2020 dopo aver investito 1 miliardo di dollari in OpenAI nel 2019. Da allora ha instaurato una profonda relazione con OpenAI, compresi i piani per aggiungere un modello di IA del tipo “text-to-image” a Bing basato su DALL-E 2 di OpenAI.

“L’ intelligenza artificiale reinventerà il modo in cui si opera con Windows “, ha dichiarato Panos Panay, capo di Windows e Surface di Microsoft, sul palco del CES 2023. Il team di Surface di Microsoft è stato disposto a creare nuovo hardware per sfruttare l’intelligenza artificiale, inclusa la nuova fotocamera intelligente di Surface. 

Se Microsoft proseguirà con questa strada di release basate su GPT di Word, Outlook e PowerPoint, la distribuzione pubblica di app potenziate da OpenAI potrebbe essere dietro l’angolo.  Bing sembra destinato a unirsi a PowerApps (il primo caso d’uso commerciale di GPT di Microsoft) con risultati di ricerca basati sull’intelligenza artificiale. Sia l’integrazione di Office sia di Bing di modelli linguistici derivati da OpenAI eserciterebbero molta pressione su Google, che domina la ricerca e si sta facendo strada con le sue offerte di Workspace per le aziende.

NIKON
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
SHADOW NINJA
SUBSONIC