NIKON
NIKON

Microsoft e Office 365 in down: Azure fermo. Ora i sevizi hanno ripreso a funzionare

Microsoft è stata colpita da un’interruzione della rete che ha bloccato la sua piattaforma cloud Azure insieme a servizi come Teams e Outlook, compreso l’insieme di app che gravitano intorno a Office 365 e Microsoft 365, colpendo potenzialmente milioni di utenti in tutto il mondo. In questa pagina di Azure potete monitorare la situazione, che ormai si sta normalizzando in tutto il mondo.

La pagina di stato di Azure nelle scorse ore ha mostrato che i servizi sono stati interessati in America, Europa, Asia Pacifico, Medio Oriente e Africa. Solo i servizi in Cina e la sua piattaforma per i governi non sono stati colpiti. Un’interruzione della piattaforma di cloud computing di Microsoft Azure può avere un impatto su una varietà di servizi e creare un effetto domino poiché quasi tutte le più grandi aziende del mondo utilizzano la piattaforma. Qui di seguito l’aggiornamento in tempo reale: nell’ultimo bollettino informativo si conferma che i servizi cloud sono tornati alla normalità.

“Abbiamo determinato che il problema di connettività di rete si sta verificando con i dispositivi attraverso la Microsoft Wide Area Network (WAN)” – ha scritto Microsoft – “Ciò influisce sulla connettività tra i client su Internet ad Azure, nonché sulla connettività tra i servizi nei data center”. Microsoft ha aggiunto in un tweet di aver ripristinato una modifica di rete che riteneva fosse la causa del problema. “Stiamo monitorando il servizio man mano che il rollback entra in vigore”, ha affermato.

Microsoft non ha rivelato il numero di utenti interessati dall’interruzione, ma i dati del sito Web di monitoraggio delle interruzioni Downdetector hanno mostrato migliaia di incidenti distribuiti in tutti i continenti. Il sito Downdetector tiene traccia delle interruzioni raccogliendo rapporti sullo stato da fonti che includono errori inviati dall’utente sulla sua piattaforma.

Le interruzioni delle piattaforme Big Tech non sono rare poiché diverse aziende che vanno da Google a Meta hanno subito interruzioni del servizio. Azure, il secondo più grande fornitore di servizi cloud dopo Amazon, ha già subito interruzioni lo scorso anno. Ma non sono le uniche ad avere questi problemi: l’italianissima Italiaonline non è in grado di fare funzionare Virgilio Mail e Libero Mail da domenica sera, 22 gennaio, come vi abbiamo spiegato in modo approfondito in questo articolo:

Tuttavia, con l’aumento della dipendenza dalle piattaforme online dovuto al maggior numero di dipendenti che lavorano da casa negli ultimi tre anni, qualsiasi interruzione ha un impatto maggiore rispetto a solo qualche anno fa. Durante l’interruzione, gli utenti hanno riscontrato problemi nello scambio di messaggi, nella partecipazione alle chiamate o nell’utilizzo di qualsiasi funzionalità dell’applicazione Teams. Molti utenti si sono rivolti a Twitter per condividere gli aggiornamenti sull’interruzione del servizio, con #MicrosoftTeams di tendenza come hashtag sul sito dei social media.

Microsoft Teams, utilizzato da oltre 280 milioni di persone in tutto il mondo, è parte integrante delle operazioni quotidiane di aziende e scuole, che utilizzano il servizio per effettuare chiamate, pianificare riunioni e organizzare il proprio flusso di lavoro. Tra gli altri servizi interessati c’erano Microsoft Exchange Online, SharePoint Online, OneDrive for Business, secondo la pagina di stato dell’azienda.

Per commentare questo articolo e altri contenuti di igizmo.it, visita la nostra pagina Facebook o il nostro feed Twitter.

Articolo correlato
Autore correlato