HUAWEI
PANTHEK

Meta respinge le richieste delle telco europee: “Investiamo miliardi”

Gli alti dirigenti di Meta Platforms hanno criticato le richieste degli operatori europei alle Big Tech e ai fornitori di contenuti di contribuire ai costi delle infrastrutture di rete, sostenendo che le proposte erano basate su una falsa premessa, insieme a suggerimenti di branding di futuri problemi di capacità causati dal metaverso come una sciocchezza.

In una confutazione alle continue pressioni da parte degli attori del settore mobile, il vicepresidente della rete di Meta Platforms Kevin Salvadori e Bruno Cendon Martin, direttore senior delle tecnologie wireless presso Meta Reality Labs, hanno affermato che i tentativi di imporre un prelievo alla società e ai suoi colleghi non erano la risposta a problemi finanziari degli operatori. “Le proposte di commissioni di rete sono costruite su una falsa premessa perché non riconoscono il valore che i fornitori di applicazioni di contenuti creano per l’ecosistema digitale, né gli investimenti che facciamo nell’infrastruttura che lo sostiene”, ha affermato la coppia di portavoce.

Tra le molte lamentele evidenziate ci sono i commenti di alcuni operatori di telefonia mobile che i dirigenti hanno affermato “proposte di tariffe di rete giustificate speculando sui limiti di capacità causati dall’adozione del metaverso”, osservando che “questa è una sciocchezza”. “Lo sviluppo del metaverso non richiederà agli operatori di telecomunicazioni di aumentare le spese in conto capitale per maggiori investimenti di rete”, hanno aggiunto i due manager di Meta, sostenendo che l’adozione sarà guidata dalla realtà virtuale per il prossimo futuro, che è attualmente servita da reti fisse e Wi-Fi.

“Queste reti fisse sono già stabilite nella maggior parte dell’Europa e trasportano quasi 20 volte il traffico delle reti mobili”, hanno scritto, sostenendo che l’attuale infrastruttura fissa facilmente aggiornabile nel continente è stata sufficiente per supportare il traffico previsto, incluso il metaverso, per decenni a venire.

I rappresentanti di Meta Platforms hanno anche sottolineato le “decine di miliardi” di euro che investe nelle sue app e piattaforme, spiegando che i suoi prodotti stanno “creando la domanda che consente agli operatori di telecomunicazioni di far pagare le persone per l’accesso a Internet”.

“Il nostro investimento nei contenuti guida letteralmente le entrate e il modello di business degli operatori di telecomunicazioni”. I dirigenti di Meta Platforms hanno anche evidenziato i suoi investimenti con i partner nelle infrastrutture, compresi i cavi sottomarini.

Citando i dati di Analysys Mason, hanno affermato che negli ultimi dieci anni Meta Platforms e i suoi colleghi hanno investito più di 880 miliardi di dollari in infrastrutture digitali globali, affermando che gli operatori hanno risparmiato circa 6 miliardi di dollari all’anno. Meta Platforms ha notato di aver investito più di 100 miliardi di dollari di capex e opex nell’infrastruttura digitale globale dal 2017, di cui miliardi in Europa.

I commenti arrivano meno di un mese dopo che la Commissione europea ha aperto un’ampia consultazione che invitava a commentare la questione. Da allora, il cosiddetto dibattito sulla condivisione equa è stato un enorme punto di discussione al MWC23 di Barcellona, ​​con diversi operatori che chiedevano azione e il gigante dei contenuti Netflix che ha fornito il caso per la grande tecnologia .

PANTHEK
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
MYSTERY BOX
SUBSONIC