mark zuckerberg the leak ceo 2023 igizmo meta
Nintendo

Il portavoce di Meta Platforms, Andy Stone, ha dichiarato in un tweet che è falso un articolo pubblicato on-line inerente alle dimissioni dell’amministratore delegato Mark Zuckerberg nel 2023. “Questo è falso” ha cinguettato Stone in risposta a Walter Bloomberg (@Deltaone) che ha citato il post pubblicato su Theleak.com.

Il sito Web di notizie The Leak in queste ore ha riferito di un Zuckerberg in procinto di dimettersi già nei primi mesi del 2023, citando una fonte interna anonima di Meta. Il rapporto ha brevemente fatto salire le azioni della società dell’1%.

L’articolo di The Leak sulle dimissioni di Mark Zuckerberg nel 2023

L’articolo del sito The Leak non è stato per nulla vellutato nei confronti di Mark Zuckerberg. Anzi. Già dall’incipit: “Il viaggio di Meta nell’ultimo decennio è stato difficile. La Silicon Valley e Wall Street sono piene di voci e speculazioni sul futuro dell’azienda mentre cresce la pressione su Mark Zuckerberg. La nostra fonte interna, al corrente dei piani di Meta, ci informa che ‘Zuckerberg si dimetterà il prossimo anno'”. 

Sono queste le informazioni ottenute da The Leak che suggeriscono l’intenzione espressa da Zuckerberg di dimettersi. Continua il sito: “La decisione, secondo la nostra fonte interna, non influirà sul metaverso, il progetto multimiliardario di Mark, che ha trascinato con sé Meta poiché la società ha registrato un significativo calo dei profitti all’inizio di quest’anno”.

Per tutto l’anno, nonostante lo scetticismo e le preoccupazioni degli azionisti, Zuckerberg è stato determinato a portare avanti in modo aggressivo il suo piano rischioso sul Metaverso: la sua scommessa sulla realtà virtuale, che sostiene ripagherà a lungo termine. Secondo The Leak, “questa fuga di notizie dall’interno ha senso nel contesto dell’immensa pressione degli investitori”.

Secondo un rapporto del Financial Times di ottobre, gli investitori si sono sfogati con il piano di Zuckerberg di raddoppiare gli investimenti nel Metaverso. Ciò è avvenuto dopo una feroce lettera aperta di Brad Gerstner, il cui fondo Altimeter Capital possiede centinaia di milioni di dollari di azioni Meta.

La lettera aperta chiarisce che Zuckerberg sta perdendo la fiducia degli investitori e delinea persino un piano in tre punti, che include: “”Limita gli investimenti nel metaverso / Reality Labs a non più di $ 5 miliardi all’anno”.

Ancora una volta, quesa fuga di notizie che parte dall’interno di Meta deriva dal tentativo di Mark Zuckerberg di ritenersi responsabile della performance deludente di Metaverse, che ha visto le sue azioni scendere di oltre il 70% rispetto al suo picco.

Mentre le informazioni ottenute sottolineano che queste dimissioni non avranno alcun impatto sul metaverso, avrebbe senso che si trattasse semplicemente di una mossa di pubbliche relazioni, ovvero: Zuckerberg non si è dimesso a causa del metaverso.

Zuckerberg ha già in programma di licenziare migliaia di dipendenti. Ciò è in linea con una tendenza generale nel settore tecnologico e con le preoccupazioni degli investitori sui costi del personale, delineate nella lettera aperta di Altimeter Capital. Tuttavia, è improbabile che le due parti si vedano faccia a faccia quando si tratta del metaverso.  Sebbene abbia resistito a pressioni simili più volte nel corso degli anni, la sopravvalutazione dell’interesse pubblico per il mondo virtuale da parte di Meta potrebbe essere la fine del regno di lunga data di Zuckerberg.