meta google riorganizzazione igizmo wall street journal
playit

Leader del settore come Google e Meta vogliono evitare di licenziare i propri dipendenti. Tuttavia, i due colossi, ma non solo, stanno sicuramente rielaborando la loro struttura interna, il che potrebbe comportare dimissioni, riducendo così automaticamente le spese generali dei dipendenti. Le chiamano riorganizzazioni o anche efficientamento ma di fatto si tratta di decurtazioni e riposizionamenti che mandano segnali da analizzare.

Come spiega nel suo articolo il Wall Street Journal, partendo dal presupposto che la maggior parte dei giganti della tecnologia ha sperimentato vari gradi di stagnazione della crescita soprattutto negli ultimi anni. L’aumento della concorrenza, sommata a condizioni economiche più restrittive, ha costretto le aziende a licenziare i dipendenti , intraprendere alcune serie limitazioni e ha costretto molti a ridefinire le priorità dei propri obiettivi e obiettivi. Google e Meta non hanno ancora confermato che avrebbero licenziato una parte della loro forza lavoro. D’altra parte, queste aziende sembrano adottare un approccio leggermente diverso.

Al posto di rescindere i contratti e licenziare i dipendenti, Meta ha attivamente riorganizzato i suoi dipartimenti interni. Anche se questo potrebbe sembrare rassicurante, l’azienda sembra offrire ai dipendenti colpiti una finestra di tempo limitata per candidarsi per altri ruoli all’interno dell’azienda, ha scritto il Wall Street Journal.

I dipendenti che non hanno un progetto attivo su cui lavorare sono essenzialmente disoccupati ma non sono stati licenziati ufficialmente. Queste tattiche rendono difficile accertare l’entità del ridimensionamento. Meta potrebbe cercare di tagliare circa il 10% dei costi operativi nei prossimi mesi. L’azienda potrebbe raggiungere il suo obiettivo di ridurre le spese tagliando i costi generali dei dipendenti e riducendo i budget di consulenza.

Sebbene Google abbia un portafoglio diversificato, l’azienda di Mountain View sta adottando alcune misure preventive per sopravvivere ai tempi difficili previsti nel prossimo futuro. Big G avrebbe chiesto ad alcuni dei suoi dipendenti di candidarsi per nuovi posti di lavoro se desiderano rimanere in azienda. I dipendenti interessati hanno 90 giorni per partecipare a progetti attivi. La maggior parte dei dipendenti interessati sembra provenire dall’Area 120, il programma di incubazione di startup di Google.

Quasi tutte le aziende stanno parlando di riorganizzare le proprie priorità e riassegnare fondi a progetti promettenti ritardando o accantonando altri. È ovvio che, nonostante le loro dimensioni, né Google né Meta si sentono immuni dalla recessione economica che si farà sentire già dalle prossime settimane.