NIKON
TOPPS

Marvel e Star Wars costano troppo: Disney taglia i costi sulle produzioni

Chiamatela recessione in franchising. Dopo anni di film e spettacoli Marvel e Star Wars che hanno inondato schermi grandi e piccoli, la Disney sta frenando l’uscita di alcuni dei suoi più grandi franchise e brand in seguito ai commenti dell’8 febbraio di Bob Iger secondo cui la società deve essere “più brava a curare” contenuti in franchising “straordinariamente costosi”. Iger ha aggiunto: “Vogliamo la qualità sullo schermo, ma dobbiamo guardare quanto ci costano”.

La direttiva per contenere i costi e la produzione arriva mentre la Disney ha messo in sala il nuovo capitolo di Marvel “Ant-Man and the Wasp: Quantumania” e la terza stagione di The Mandalorian attende il suo debutto su Disney+ previsto per il 1 marzo. Marvel è il più importante fornitore di prodotti della Disney, la filiale con la produzione più alta e, secondo la direttiva di Iger, potrebbe sentire i tagli il prima possibile. “Ci sarà un livello di rigore sulla Marvel e in tutta l’azienda”, sotiene un insider dell’azienda. “I numeri contano ora e i costi verranno delineati e applicati”.

Kathryn Newton nei panni di Cassandra Cassie Lang e Paul Rudd nei panni di Scott Lang Ant-Man in ANT-MAN AND THE WASP: QUANTUMANIA.

Marvel sotto la lente d’ingrandimento

In quella che sembra una linea temporale diversa, non più tardi del Comic-Con di San Diego, a luglio 2022, il capo della Marvel Kevin Feige ha premuto il pedale sull’acceleratore quando ha delineato cinque spettacoli Disney + per il 2023: “What if…?” seconda stagione, Echo, Loki seconda stagione, Ironheart e Agatha: Coven of Chaos. Ora, fonti riferiscono a The Hollywood Reporter che la seconda stagione di Loki e Secret Invasion guidata da Samuel L. Jackson sono le uniche scommesse sicure a fronte del debito accumulato quest’anno. Anche progetti che si sono conclusi mesi fa, come lo spin-off Echo di Occhio di Falco e lo spin-off Ironheart di Wakanda Forever, è improbabile che arrivino nel 2023 poiché lo studio sta esagerando sui contenuti e la post- produzione. E gli spettacoli in fase di sviluppo, come Nova , sono ora su un processo di sviluppo più lento.

A titolo di confronto, durante la sua Fase 4, i Marvel Studios hanno rilasciato 18 progetti a rotta di collo tra cinema e streaming: quattro film e cinque programmi TV nel 2021; tre film e tre programmi TV nel 2022; più alcune offerte speciali. Lo studio ha rilasciato solo 11 progetti della Fase 3, che si è svolta dal 2016 al 2019.

Il capo dei Marvel Studios, Kevin Feige, non ha dubbi: “Il ritmo con cui stiamo pubblicando gli spettacoli Disney+ cambierà”, ha detto Feige a Entertainment Weekly in un’intervista pubblicata questa settimana, osservando che ci saranno meno spettacoli e che saranno più distanziati.

La sfida di Star Wars a Disney

Star Wars sta affrontando la sfida opposta. Dopo essere stata assente dal grande schermo dal 2019 e avere accumulato una serie di false partenze con Rogue Squadron di Patty Jenkins, che potrebbe non concretizzarsi mai, Disney ha intensificato i suoi sforzi per riportare il franchise nei cinema. Damon Lindelof ha guidato un team di scrittori a luglio per elaborare una storia per un lungometraggio e Taika Waititi sta ancora sviluppando la sua interpretazione del franchise. La Disney dovrebbe svelare i piani cinematografici alla Star Wars Celebration, fissata per aprile a Londra. Oltre alla terza stagione di Mandalorian, gli spettacoli che dovrebbero raggiungere il servizio di streaming quest’anno includono Ahsoka, con Rosario Dawson, e la Skeleton Crew prodotta da Jon Watts. “Lucasfilm potrebbe incrementare il numero delle produzioni ma dovrà rispettare la stessa disciplina fiscale del resto dell’azienda”, dice sempre l’insider.

Gli osservatori la definiscono una “massiccia correzione” che avviene solo pochi anni dopo che l’industria dell’intrattenimento era decisa a fornire ai consumatori quantità pressoché infinite di contenuti da guardare così da convincerli a spendere all’infinito per godere di serie e film. “Puoi avere 10 spettacoli mediocri o puoi avere cinque spettacoli fantastici” – dice un addetto ai lavori che non vuole identificarsi – “Le persone rimarranno ancora su Disney+”.

Strategia di riduzione dei costi dopo un 2022 pesante per Disney

Sul fronte dell’animazione, il 2022 è stato difficile per la Disney, che ha visto Lightyear della Pixar sottoperformare e Strange World della Disney Animation si è confermato una vera e propria flop. Iger ha annunciato tre nuovi sequel di franchise per 1 miliardo di dollari — Toy Story, Frozen e Zootopia. Gli addetti ai lavori di Disney hanno riconosciuto che i recenti problemi al botteghino sono stati esacerbati dalla confusione sul mercato da parte delle famiglie che durante la pandemia sono state addestrate ad attendere che i film arrivino in streaming su Disney+, soprattutto quelli a basso richiamo. Per questo ora si parla di “finestre cinematografiche” più lunghe per Elemental (16 giugno) e Disney Animation’s Wish (22 novembre) nella speranza di attirare le famiglie nei cinema.

L’impatto della riduzione dei costi, quindi delle serie e l’allungamento dei tempi di pubblicazione in straming su Disney+, sta arrivando nel mezzo di un cambiamento nell’interno settore dell’intrattenimento e cinematografico. Il mercato ha imposto la necessità di ripensare il modo ottimale per trarre redditività dallo streaming. Aggiunge un produttore che lavora su più progetti a Hollywood: “Ogni studio e streamer è costretto a comportarsi in modo fiscalmente responsabile”. E questa sarà la regola aura per impostare il futuro dello streaming, sempre più in mano a grandi conglomerati, che possono diversificare costi e ricavi, e che lascerà sempre meno spazio per i piccoli e per piattaforme che non hanno polmoni e gambe per affrontare la maratona necessaria per trovare il giusto equilibrio tra numero di utenti, contenuti e break even point. In altre parole, la bolla è esplosa e gli spazi si stanno chiudendo. Questo comporterà una razionalizzazione del numero di streamer che, francamente, si sono moltiplicato senza motivo.

TOPPS
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC