playit

Dicembre, presepi e alberi, mille luci: insomma, Natale.  Dalle strade ai negozi, ma ancor più nelle nostre case, festoni, palline e lucine colorate accendono lo spirito della gesta più magica che ci sia. Ma proprio durante i preparativi può capitare che, tirando fuori tutto l’occorrente per rendere la nostra casa a prova di Natale, ci si renda conto che le catene luminose, le ghirlande o le decorazioni a Led che usavamo fino all’anno scorso, non funzionino più. Non resta che andare a comprarne di nuove, ma che fare di quelle vecchie? Tutti questi prodotti, alimentati da corrente elettrica o da batterie, quando smettono di funzionare diventano Raee, ossia rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Come si trattano allora questi speciali rifiuti? E dove dobbiamo buttarli? Ecco alcuni pratici consigli del consorzio Ecolamp, specializzato nella raccolta e nel riciclo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche giunte a fine vita, che vale la pena aggiungere alla nostra lista di buoni propositi per fare del bene all’ambiente anche a Natale.

Luci di Natale, come smaltirli correttamente

E allora ecco come è possibile procedere attuando un percorso virtuoso nello smaltimento delle luci di Natale che non funzionano più, attuando un comportamento ecosostenibile. Più in dettaglio, ci sono tre modalità a cui fare riferimento, per altrettanti luoghi verso i quali dirigersi:

  • Centri di raccolta comunali. Oltre ai nostri, possiamo raccogliere anche le catene luminose, gli addobbi natalizi e le decorazioni luminose a Led da buttare di amici, parenti o vicini di casa, e portarli in una delle oltre 4.200 isole ecologiche comunali diffuse sul territorio nazionale. Qui sono presenti speciali contenitori per il raggruppamento R4 (apparecchi di illuminazione, piccoli elettrodomestici ed elettronica di consumo) che permettono di avviare i rifiuti elettrici ed elettronici a corretto riciclo. Per trovare le isole ecologiche è possibile consultare il sito di Ecolamp oppure JunkerApp l’applicazione che aiuta a fare la raccolta differenziata.
  • “Uno contro uno”. I Raee possono essere consegnati anche nei negozi che vendono articoli elettrici ed elettronici specializzati e non. In questo caso, per ogni rifiuto consegnato, dobbiamo acquistare un nuovo prodotto equivalente. Ad esempio, se abbiamo bisogno di una nuova presa a intermittenza per le luci di Natale, possiamo cogliere l’occasione per consegnare al negoziante quella rotta.
  • “Uno contro Zero”. In questo caso, possiamo portare i nostri Raee – a patto che non superino i 25 cm di lunghezza – dai rivenditori con superficie di vendita dedicata alle apparecchiature elettriche ed elettroniche superiore a 400 metri quadrati, senza alcun obbligo di acquisto.

L’attività di Ecolamp

Ecolamp nei primi sei mesi del 2021 ha raccolto oltre 1.800 tonnellate di RAEE su tutto il territorio nazionale, di cui 903 tonnellate solo di piccoli elettrodomestici, elettronica di consumo e apparecchi di illuminazione giunti a fine vita. Grazie al corretto trattamento dei Rifiuti Elettrici ed Elettronici è stato possibile recuperare oltre il 95% di materie prime seconde, ovvero materiali impiegabili in nuovi cicli produttivi, secondo uno dei principi alla base dell’economia circolare.